Soul Calibur V: un poster "esplosivo"

19 Gennaio 2012 9


Vi piace il poster? Bene, sicuramente non siamo difronte ad una delle conigliette di Playboy. E' il poster di Soul Calibur V che ormai gira nelle città giapponesi da diverso tempo e mostra lo splendore di Ivy, una delle fanciulle del gioco.

Ciò lascia capire che gli sviluppatori di Soul Calibur V adorano mettere in risalto le forme delle proprie combattenti, anzichè lo splendore complessivo del titolo. Nonostante questo Namco-Bandai, ha preso la drastica decisione di ritirare il poster, dopo aver ricevuto diverse critiche negative.

Un vero peccato per Ivy che, dopo questo poster, aveva acquistato non pochi fan.

Bene ragazzi, non resta che aspettare l'uscita del titolo fissata il 2 febbraio su Xbox360 e Ps3, e goderci finalmente tutto lo splendore di questo titolo.

A buon intenditor poche parole...

Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da Punto com shop a 569 euro oppure da Amazon a 629 euro.

9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Malisony Ly

E vorrei ben vedere... attirare fan in modo erotico... fanno pena.

LeChuck

Hmmm…
Devo comprare il latte…

Andrea Arlotti

Mi sembra esagerato.Più di quello che scrivi te a me da più danno come ormai siamo arrivati al punto in cui vedere una ragazza a gambe aperte in tv o qualsiasi altra cosa non da più danno ma anzi,se non c'è viene chiesto.

QUella è e rimane una pubblicità,un modo per attirare i clienti:chiaro che ci saranno quelli che "aaaaa sbav sbav prendo Soul calibur 5 perchè c'è la tettona!!!!one!!!111" 
Chi gioca invece chiaro che lo prende perchè vuole giocare a un picchiaduro fatto per bene ed è la stragrande maggioranza.Così come chi si compra quel-telefono-che-sapete-voi perchè fa figo e chi invece lo prende perchè lo usa al 100% del suo potenziale e lo sa sfruttare come si deve.A me non da fastidio perchè so che è puro marketing,mica mi ipnotizzano....
Come detto all'inizio, allora è più fastidioso come ormai si tenda a rendere il corpo femminile come "bitch" e nient'altro.

Diamond Lover

Ma dai è ridicolo.
Per far vedere le auto ai vari motorshow & company ci mettono in mezzo delle donnine. Idem per qualunque gara, moto, bici, pugilato eccetera..
In TV non si vede altro che tette e culi vari.
I videogiochi sono pieni di riferimenti sessuali di vario tipo.
Possibile che il mondo veda tutto questo come una cosa normale???
Possibile che non vi sentiate trattati come decelebrati pervertiti?
Possibile che nessuno capisca che sono tutte prese per il culo?

A me non sta bene, ho sia il cervello che il pisello, però conosco bene il ruolo di uno e dell'altro, di sicuro non penso con il secondo.
Mi rende triste vedere come siamo caduti in basso. A me non disturba il fatto che esista la pornografia o l'erotismo, anzi. Mi disturba che gli uomini siano trattati come stupidi e come i più non si offendano per questo.

MrSnurbs

Hanno preso la palla al balzo?
Vista l'immagine direi i palloni... XD

zato78

mi è venuta fame.

Andrea Arlotti

Non vedo perchè criticare......da che mondo è mondo,in tutti i settori due belle tette e un bel culo sono mezzo per attirare clienti.
In un ambito poi come i videogiochi,che sebbene conta sicuramente una percentuale femminile,ma che comunque è stradominato dalla parte maschile,non ci vedo nulla di strano.Uno dei personaggi è una gran gnocca e hanno preso la palla al balzo per mostrare la grafica super pompata(che a parte doppi sensi se fosse come in quel poster non mi sembra per nulla male).
Se questo "scandalizza" un paese come il Giappone beh siamo alla frutta -.-"

R4nd0mH3r0

tira più un pelo di gnocca che un carro di buoi...

VALE SEMPRE QUESTO DETTO, crisi o non crisi c'è poco da fare

Denis Muggeo

Ivy... che porcona. XD

Dragon Ball FighterZ: la nostra anteprima

All-Star Fruit Racing: la nostra recensione

PES 2018 Single Player: la nostra recensione

Redout: la nostra recensione