Moto GP 13: svelate le modalità di gioco

11 Febbraio 2013


Milestone ci rende chiare le varie modalità di gioco disponibili nel prossimo titolo di corse motociclistiche che verrà rilasciato al pubblico verso giugno di quest'anno. Il protagonista in questione è per l'appunto Moto GP 13, del quale abbiamo parlato in questo articolo.

Le modalità di gioco di questo titolo saranno: Gran Prix, World Championship, Time Attack,Sprint Season, Real in-game Event, Split Screen e Career.

Michele Caletti, Game Director di Moto GP 13 afferma:

"Il nuovo capitolo del moto mondiale 2013 offrirà ai giocatori un'esperienza a 360° che strizza l'occhio al realismo puro. Stiamo lavorando duramente a questo nuovo progetto consultando quotidianamente forum e la pagina ufficiale di Facebook per ottenere feedback che ci permetteranno di creare un gioco che sia il più possibile vicino alle necessità dei giocatori. Lo split screen, ad esempio, è stata un'introduzione che abbiamo appositamente scelto in base alla forte richiesta dei fan."

Milestone è partitolarmente interessata, come possiamo notare da ciò che ci comunica Caletti, all'interesse dei giocatori come primo punto di riferimento.

Moto GP 13 ovviamente è ancora in fase di sviluppo in casa Milestone e, come detto prima, verrà lanciato su Xbox 360, PlayStation 3, PlayStation Vita e PC nel mese di giugno.

Per seguire passo per passo lo sviluppo del titolo vi consigliamo di visitare periodicamente la pagina ufficiale di Milestone Moto GP 13, sulla quale potrete ovviamente proporre cosa per voi è importante per questo titolo.

Eccovi proposto il trailer presente su canale di YouTube di Moto GP 13.

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Videogiochi in uscita: uno sguardo sulla settimana dal 21 al 27 aprile

Mario Golf: World Tour, anteprima da HDBlog

Kinect Sports Rivals : recensione da HDBlog

Secondo Palmer Luckey, i visori per la realtà virtuale, tra 20 anni, andranno a sostituire i display tradizionali