Saints Row IV: recensione by HDBlog

19 Agosto 2013 10

Ricordiamo come se fosse ieri l'introduzione del brand Saints Row, titolo della ormai defunta THQ paragonato più volte a Sua Maestà Gran Theft Auto. Con Saints Row II abbiamo assistito a una vero e proprio cambio di direzione, in grado di donare una luce propria al brand, qualità purtroppo non raggiunta con Saints Row The Third.

La voce insistente dei fan ha comunque invogliato Deep Silver a credere nel progetto e raccogliere le ceneri di un marchio destinato ad affondare con i primi creatori. Arriva infatti nei negozi Saints Row IV, capitolo della saga che cerca di proporre delle tematiche differenti e più mature rispetto a quanto visto in passato, ripiegando però su un approccio davvero fuori di testa partorito da una serie di idee talmente folli da risultare quasi inconcepibili.

Ma procediamo con ordine...

TRAMA

Saints Row IV mette i giocatori nei panni del boss del team dei Saints. Il gruppo è impegnato in un'azione paramilitare in cui dovremo dapprima eliminare lo psicopatico di turno Cyrus Temple, il quale riesce comunque a far partire un missile nucleare indirizzato verso la casa bianca. Con una serie di quick-time-event e un sottofondo musicale suonato dagli Aerosmith, vedremo il nostro alter ego virtuale volare assieme al missile, danneggiarlo a mani nude e buttarsi nel vuoto per salvarsi la vita.

Dopo alcuni mesi il protagonista viene proclamato nientepopodimenoche Presidente degli Stati Uniti d'America, carica non proprio duratura a causa di un invasione aliena. Il popolo stellare degli Zin approda sul pianeta Terra, con conseguente esilio del protagonista in un mondo virtuale in perfetto stile Matrix. Il giocatore dovrà quindi cercare di danneggiare quanto più possibile il sistema ideato dagli Zin, tornare nel mondo reale e debellare la minaccia.

Allucinante vero? Forse neanche i nostri più fantasiosi sogni sono riusciti a raggiungere un livello così alto di situazioni strambe, citazioni da film di ogni genere e molto altro.

Il plot narrativo mette però in risalto un forte cambiamento nell'aria che si respira in Saint Row IV. Non assisteremo più a dialoghi sboccati, pratiche criminali e tutto quello che abbiamo visto in passato, ma ogni compito da assolvere o obiettivo da raggiungere sarà basato sul continuo tentativo di salvare il mondo dai cattivi extraterrestri.

GAMEPLAY

Il sistema di controllo non si discosta da quanto visto in passato. Ci troviamo di fronte a un free-roaming game in terza persona in cui il giocatore può scorrazzare liberamente per la città e utilizzare armi da fuoco, rubare auto, prendere a calci le persone ed eseguire tutte quelle azioni che da sempre caratterizzano il genere. Da sottolineare la presenza di un potente editor utile alla costruzione delle fattezze fisiche del neo presidente, davvero completissimo e ricco di opzioni in perfetta linea con l'aria che si respira nel gioco.

L'arsenale disponibile è sicuramente ricco di sputafuoco di vario genere. Pistole, mitragliette, fucili d'assalto, lanciarazzi et similia vengono associati ad armi aliene dai proiettili rimbalzanti, laser e chi più ne ha più ne metta.

La vera quintessenza del comparto offensivo però risiede nei poteri dell'eroe. Quasi alla stregua di Neo, il protagonista di Matrix, con l'avanzare dell'avventura sarà possibile contare sulla supervelocità, supersalto, poteri elementali, telecinesi e onde d'urto. Inutile dire che ogni singola abilità sarà man mano livellabile raccogliendo dei frammenti di codice sparsi per il mondo virtuale di Saints Row IV. La soluzione proposta da Volition è sicuramente ottima, seppur la totale impossibilità di sparare durante il salto è senza dubbio un limite particolarmente pesante, sia in termini strategici che visivi.

Le battaglie saranno comunque spettacolari. Congelare o far esplodere un gruppo di cattivi con un solo tocco, effettuare delle prese degne di un wrestler o scagliare le auto addosso ai cattivi grazie al potere telecinetico sono pratiche talmente divertenti da lasciar cadere in secondo piano alcune azioni più comuni. Ad esempio una volta ottenuta la supervelocità non si sentirà più il bisogno di utilizzare i veicoli da strada, se non per alcune missioni secondarie.


Sono proprio i compiti aggiuntivi a non far decollare il gioco nell'Olimpo delle pietre miliari. Introdotte quasi tutte durante la storia principale, il giocatore si troverà di fronte a una serie di obiettivi basati sul tentativo di causare una cifra particolare di danni, passando per corse tra palazzi, hacking di negozi e furti d'auto per poi finire in un lancio di oggetti e persone in determinati hot spot. Pratiche divertenti forse durante la prima sessione ma davvero mal sviluppate.

La mappa di Saints Row IV è senza dubbio vasta e soprattutto in grado di mostrare diversi scenari, seppur la dimensione non raggiunge certo le produzioni del marchio GTA o di titoli del genere, quali inFAMOUS, Prototype e Crackdown.

La IA dei nemici non fa gridare al miracolo ma si comporta comunque in maniera convincente. I soldati nemici conteranno più sul numero di unità che sulla messa in pratica di tattiche militari, ma vi assicuriamo che il livello di sfida è davvero soddisfacente.

La longevità di Saints Row IV deve fare i conti con una estrema linearità delle missioni principali, intervallate dalle sopra citate sub-quest, impegnando il giocatore per un intervallo di tempo che si aggira attorno alle quattordici ore di gioco. Ovviamente le tempistiche possono essere alzate cercando di portare a casa tutti gli obiettivi e soprattutto affrontando il tutto in compagnia di un altro giocatore. Ancora una volta la sezione cooperativa garantirà agli utenti un'esperienza quasi idilliaca, soprattutto grazie all'utilizzo dei super poteri in coppia.

TECNICA

Il comparto tecnico di Saints Row IV non è purtroppo all'altezza della situazione. La città risulta spoglia, le texture tutt'altro che definite e la presenza di alcuni bug fa davvero storcere il naso. Ci è capitato infatti di rimanere incastrati all'interno di una casa, senza possibilità di uscire oppure assistere a compenetrazioni di ogni sorta. Volition ha cercato comunque di dare l'idea di trovarsi effettivamente nel bel mezzo di una città virtuale dando alle ambientazioni quella continua sensazione di refresh del codice, anche se molto probabilmente si tratta di un escamotage per nascondere i difetti del motion engine.

La scarsa interazione con l'ambiente non fa altro che sottolineare come Volition abbia messo in secondo piano la scelta di un motore grafico di pregiata fattura. I palazzi non vengono danneggiati dai colpi, quando si atterra da altezze incredibili il manto stradale rimane intatto e via di seguito.

Ottimo invece il comparto audio. Le voci dei protagonisti e la scelta dei soundtrack sono qualcosa di entusiasmante, soprattutto quando ci si trova ai comandi della sorella minore della Nabucodonosor sulle note di What is Love degli Haddaway.

COMMENTO FINALE

Saints Row IV è senza dubbio fuori di testa e privo di ogni logica. Ci troviamo di fronte a un mix di titoli che riesce comunque a colpire il giocatore grazie alla presenza di soluzioni allucinanti, una trama incredibile e dialoghi di altissimo livello. Purtroppo la medaglia ha una seconda faccia e tutt'altro che positiva. Le missioni aggiuntive poco ispirate e la presenza di un motore grafico obsoleto non rendono giustizia a un software con un potenziale davvero enorme.

GAMEPLAY 8,5

TECNICA 7,5

LONGEVITA' 8

MULTIPLAYER 8

Il più piccolo e potente iPhone di sempre? Apple iPhone SE, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 289 euro.

10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
SketchT

Ihihihih allora sei perdonato XD

io sono nappo

bella grafica

Riccardo sacchetti

Ehi... Ehi.... Ehi...... Non esageriamo! Non conoscevo i primi due perché non dotato delle scatolette da gioco! Me tre prototype beh... Amato anche il secondo capitolo!! Spettacolo! Forse un pelo ripetitivo dopo un Po, ma ottimo!

massimo

Gtav oscura tutti gli altri capitoli IMHO

SketchT

Dovrebbe uscire il 20 agosto..quindi tra qualche ora. Non conoscevi Crackdown, inFAMOUS e Prototype? nooooo 5 minuti di vergogna come diceva la mia prof di lettere XD XD male corri subito ai ripari :D

SketchT

E fidati..il terzo episodio non è al livello del secondo... e la pazzia di questo quarto episodio è assurda :D

Rudi Stival

Stò giocando al 3 e mi ha sorpreso positivamente, pensavo fossse sulla scia di gta, ma rispetto al titolo rockstar, questo è incredibilmente assurdo e fuori di testa!
Gta tende ad essere serio,a riportare il più possibile la realtà, mentre sr3 ha moto volanti, gente assurda che cammina per strada, armi ancora più folli... è un titolo che va capito :D

Riccardo sacchetti

Si, davvero complimenti! Poi non conoscevo due titoli proposti come riferimento! La data di uscita ufficiale? So che la trovo in rete, ma sono pigro oggi! =)

SketchT

Grazie xd... mmm non lo so conviene attendere

fiomma

Ottima recensione, sono ancora indeciso se prendere la limited o no, da Gamestop costa 99 euro. A meno non si trova?

Get Even: la nostra recensione

Star Trek: Bridge Crew, la nostra recensione

Dirt 4: la nostra recensione

E3 2017: date, orari e dove seguire tutti gli eventi più importanti