ScreamRide : recensione Xbox One da HDBlog

10 Marzo 2015 4

L'ultima fatica di Frontier Developments, Screamride, è da poco sbarcata sulle console di Microsoft, Xbox One e Xbox 360, portando i giocatori all'interno di un titolo caratterizzato da distruzione, urla e spettacolari montagne russe.

Ma procediamo con ordine e andiamo ad analizzare il nuovo titolo di Frontier Developments nel quale, il divertimento è assicurato fin dai primi minuti di gioco.

TRAMA E MODALITA'

ScreamRide è una sorta di gestionale, ambientato nel futuro, dove uno degli scopi principali sarà quello di costruire e testare spettacolari montagne russe.

Parlare di trama in un gioco di questo tipo non è proprio il termine più adatto. In ScreamRide vestiamo i panni di ingegneri della Screamworks e il nostro compito è quello di diventare degli esperti in demolizione, degli ottimi costruttori di montagne russe e dei buoni piloti di ottovolanti.

La campagna di ScreamRide offre infatti tre modalità principali, caratterizzate da un gameplay completamente diverso.

La prima modalità che, si presenta nella mappa del mondo di gioco, è ScreamRider nella quale, ci mettiamo al volante di una carrozza delle montagne russe. Il nostro compito è, ovviamente, quello di far urlare il più possibile i passeggeri, di raggiungere velocità folli, grazie all'attivazione del turbo, di far andare su due ruote il nostro carrello e di evitare di finire nel vuoto.

Esperto di demolizioni è invece la seconda modalità che, obiettivamente con le montagne russe centra ben poco, infatti il nostro obiettivo, comandando una una sfera metallica con al suo interno alcuni poveri volontari, è quello di fare più danni possibili agli edifici della location, cercando di distruggere tutte le costruzioni.

La terza modalità di gioco è invece Progettista e qui entriamo nel vero e proprio gestionale, infatti il compito è quello di completare, in modo talvolta assurdo, varie montagne russe, rispettando determinati parametri imposti dal gioco. Una volta completati i nostri ottovolanti non ci resta che testarli al fine di capire se tutto funziona correttamente.


GAMEPLAY

Come anticipato prima il gameplay delle varie modalità cambia completamente, il tutto comunque risulta abbastanza semplice anche se per raggiungere determinati obiettivi bonus e conquistare la valutazione di cinque stelle bisognerà impegnarsi abbastanza e capire fino in fondo le meccaniche di gioco.

La modalità ScreamRider dal punto di vista del gameplay non dista molto dai giochi di guida di stampo arcade. Con la levetta analogica incliniamo il nostro carrello, a destra o a sinistra sui binari, al fine di percorrere quanta più distanza possibile su due ruote, azione che di fatto ci permette di guadagnare punti bonus.

Il tutto viene inoltre impreziosito dalla presenza di QTE che ci permettono di incrementare la barra del turbo, al fine di attivarlo nel momento più idoneo per far urlare maggiormente i passeggeri o in caso di salto nel vuoto per aumentare considerevolmente i danni alla struttura su cui andremo a schiantarci.

Affrontando i livelli di Esperto di demolizioni ci troviamo, invece, al comando di una sfera metallica e in questo caso avere una buona mira, capire in anticipo il punto d'impatto che, arrecherà più danni alla struttura, impostare la giusta velocità di lancio e di direzione saranno gli elementi fondamentali per riuscire ad avanzare negli stage.

Ogni location è infatti costituita da diverse strutture da devastare e noi abbiamo un numero limitato di lanci di conseguenza lo scopo principale è quello di distruggere più elementi, dove possibile, con un unico lancio.


Le meccaniche di gioco della modalità Progettista riprendono totalmente quelle di un gestionale, l'obiettivo è infatti quello di terminare il percorso di varie montagne russe, rispettando determinati parametri.

Spiegato in questo modo il tutto sembra decisamente semplice, la realtà invece è tutt'altra cosa. Completare i vari livelli, infatti, non è un'impresa facile e mette a dura prova la pazienza dei giocatori, sopratutto quando si vanno ad affrontare gli stage più avanzati e incastrare i vari pezzi, nel modo giusto al fine che tutto funzioni nella fase di test, diventa abbastanza complesso.

Screamride popone inoltre la modalità Sandbox, all'interno della quale siamo liberi di costruire tutto quello che vogliamo, nei vari scenari sbloccati nella modalità campagna.

Una volta scelta la location possiamo sbizzarrirci a costruire montagne russe spettacolari utilizzando un numero impressionante di elementi. Il tutto può, inoltre, essere impreziosito da varie decorazione che, possiamo inserire nel nostro livello per rendere le nostre montagne russe non solo divertenti ma, anche belle da vedere. E' importante sottolineare che tutto ciò che creiamo può essere condiviso successivamente con gli altri giocatori.

La vera quinta essenza della modalità Sandbox e di Screamride è senza ombra di dubbio l'ottimo editor che, fin dai primi minuti di gioco oltre a risultare uno strumento davvero potente, è sopratutto facile da utilizzare, grazie alle numerose scorciatoie create e studiate appositamente per rendere tutto gestibile con un pad.

TECNICA


Dal punto di vista tecnico Screamride non ci ha stupito particolarmente, il lavoro svolto è sicuramente buono tuttavia siamo sicuri che su Xbox One il gioco poteva offrire qualcosa di più a livello grafico.

Nulla da segnalare sul fronte del Frame Rate che risulta abbastanza stabile, anche se in rare sessioni di gioco abbiamo riscontrato leggeri cali che, tuttavia non compromettono in nessun modo l'esperienza offerta da Screamride.

Ottimi invece i caricamenti che risultano molto veloci e nonostante il comparto audio in un titolo del genere non sia di fondamentale importanza, sono apprezzabili le scelte fatte dal team di sviluppo per quanto riguarda la soundtrack, principalmente basata su musiche elettroniche.

CONCLUSIONE

Screamride, nel complesso, risulta un buon titolo assolutamente originale e divertente.

La vera quinta essenza è senza ombra di dubbio la modalità Sandbox che, oltre ad essere caratterizzata da un ottimo editor ci permette di dar sfogo alla nostra fantasia e condividere con gli altri giocatori tutte le nostre folli creazioni, aumentando notevolmente la longevità del titolo.

Le altre tre modalità sono fin dai primi minuti di gioco molto divertenti, tuttavia andando avanti negli scenari il tutto diventa un pò ripetitivo.

Per quanto riguarda la longevità del titolo, i giocatori che vorranno completare totalmente Screamride, raggiungendo la valutazione di 5 stelle in ogni livello delle tre campagne e sbloccare in questo modo tutti gli elementi disponibili, avranno molte ore di gioco davanti a loro.

  • GAMEPLAY : 7,5
  • TECNICA : 7
  • LONGEVITA' : 7,5
  • MULTIPLAYER: -
  • GLOBALE : 7,5
Modularità è la vostra meta? LG G5 è in offerta oggi su a 240 euro.

4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giuseppe

vedi giochi tipo goat simulator o bread simulator e il successo che non si sà come hanno avuto :/ ovvio che un pinco pallo qualunque oggi fà un qualunque gioco :/

Pintagrinta

ma perchè :|

Drak69

prima di farti una domanda del genere per un gioco del genere, hai mai visto tree simulator? xD

Pintagrinta

mah leggendo questa recensione mi sorge spontanea una domanda: "ma se ne sentiva il bisogno di un gioco così?"
cioè cosa può aver spinto la casa sviluppatrice a fare un gioco del genere (che poi sembrano 3 "minigiochi") ?

Xenoblade Chronicles 2: la nostra anteprima

Yoshi per Nintendo Switch: la nostra anteprima

Rain World: la nostra recensione

Hunting Simulator: la nostra recensione