The Tomorrow Children avrà un mondo di gioco online persistente

13 Dicembre 2015 0

Alcuni giorni fa, i responsabili del team di sviluppo Q-Games hanno annunciato l'apertura delle iscrizioni alla prima fase beta occidentale dedicata all'attesissimo The Tomorrow Children e oggi Dylan Cuthbert rivela nuovi dettagli sul gioco.

Il game designer ha infatti preso parte ad una discussione sul forum di NeoGaf, spiegando i motivi che hanno portato il team di sviluppo a rimandare l'uscita di The Tomorrow Children all'anno prossimo.

Abbiamo aggiunto moltissimi contenuti e The Tomorrow Children sarà caratterizzato da un mondo di gioco online persistente. Il nostro obiettivo è quello di donare agli utenti totale libertà. Nella beta i giocatori potranno muoversi liberamente nelle città e potranno crearne una anche dedicata a NeoGaf.

In attesa di nuove notizie, vi ricordiamo che per partecipare alla versione di prova dedicata a The Tomorrow Children, i giocatori dovranno semplicemente recarsi al seguente indirizzo LINK e compilare coi dati richiesti il form d'iscrizione. La beta avrà inizio il 21 gennaio e si concluderà un paio di giorni dopo, precisamente il giorno 23.

Il titolo vedrà il suo debutto in versione definitiva nel corso del 2016 e potrà essere, ovviamente, affrontato, solo su Playstation 4. E' importante sottolineare che attualmente The Tomorrow Children è ancora sprovvisto di una data precisa di debutto tuttavia secondo quanto dichiarato da Dylan Cuthbert la data sarà annunciata al termine della beta.

Lo Smartphone Samsung più desiderato? Samsung Galaxy S7 Edge, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 281 euro oppure da Unieuro a 479 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Xenoblade Chronicles 2: la nostra anteprima

Yoshi per Nintendo Switch: la nostra anteprima

Rain World: la nostra recensione

Hunting Simulator: la nostra recensione