Plants vs Zombies Garden Warfare 2: recensione da HDBlog

21 Marzo 2016 11

Dopo il successo di Plants vs Zombies Garden Warfare, Popcap torna con il secondo episodio del diverte sparatutto in terza persona caratterizzato dall'eterna lotta tra le simpatiche piantine e i cattivissimi zombies. Dopo l'annuncio all'E3 2015, le aspettative che riponevamo nei confronti di Plants vs Zombies Garden Warfare 2 non erano altissime: ci aspettavamo infatti un titolo molto simile al suo predecessore con poche novità.

Plants vs Zombies Garden Warfare 2 invece ci ha stupito positivamente grazie all'ottimo lavoro del team di sviluppo che ha introdotto interessanti novità in grado di offrire nuove e coinvolgenti esperienze di gioco.

TRAMA

L'essenza del gioco rimane ancora una volta il comparto multiplayer dove, come nel precedente episodio, prendiamo parte a coinvolgenti e sopratutto divertenti battaglie vestendo i panni delle simpatiche e tenere piantine o dei terribili non morti. Questa volta il team di sviluppo ha voluto dedicare parte del titolo anche a coloro che prediligono il single player e quindi ha introdotto una sorta di modalità campagna, elemento assente nel precedente episodio.

La componente dedicata agli scontri contro l'Intelligenza Artificiale si suddivide in varie missioni, tutte introdotte da brevi cut-scene e da una serie di dialoghi con alcuni simpatici NPC. La campagna, in pratica, funziona come una sorta di tutorial: le vari missioni proposte ci permettono infatti di entrare in confidenza con le meccaniche di gioco e ci offrono una panoramica sulle classi dei personaggi, sulle mappe e sulle modalità.

L'idea è senza ombra di dubbio ottima in quanto offre la possibilità a tutti coloro che non hanno mai giocato al titolo di Popcap di apprendere le nozioni indispensabili per far fronte ai match nel comparto online. Portare a termine con successo i vari compiti significa anche accumulare crediti utili sbloccare le varianti dei personaggi e le loro abilità, tuttavia la campagna poteva sicuramente essere ampliata maggiormente, magari con una storyline coinvolgente.

GAMEPLAY

La componente dedicata al single player è senza ombra di dubbio un'importante aggiunta ma non è l'unica novità che caratterizza Plants vs Zombies Garden Warfare 2.

Il team di sviluppo ha infatti creato due Cortili di Battaglia, in pratica due Hub di gioco, uno per le simpatiche piantine e l'altro per i non morti. Le due zone sono identiche a livello di funzioni mentre si differenziano dal punto di vista grafico e al loro interno possiamo acquistare carte potenziamento, accedere al comparto multiplayer, prendere parte alle missioni della campagna, controllare le sfide completate e quelle incomplete, personalizzare le nostre piante o i nostri zombie e cosi via. In pratica tutte le funzioni che nel primo episodio erano incluse nel menu di gioco, in Plants vs Zombies Garden Warfare 2 si trovano all'interno dei due Hub.

Entrambe le zone sono inoltre circondate da una sorta di zona di guerra completamente esplorabile e caratterizzata non solo da eventi attivabili alzando la bandiera posizionata al centro della zona, ma anche da luoghi segreti tutti da scoprire e da alcuni collezionabili da trovare.

Come anticipato precedentemente la vera essenza dello sparatutto di Popcap risiede ancora una volta nel comparto online e, anche in questa sezione, il team di sviluppo ha introdotto diverse novità interessanti che sono riuscite a donare varietà al gameplay.

Oltre all'aggiunta di nuovi personaggi, vengono introdotte anche inedite modalità che affiancano quelle presenti nel precedente episodio, tra cui il classico Deathmatch a squadre, l'immancabile Tappetino di Benvenuto (dedicato a tutti coloro che si affacciano per la prima volta al gioco) e la divertente Tombe e Giardini che, oltre a permetterci di giocare anche nei panni dei terribili Zombies, ci mette alla prova in simpatici mini-giochi che possono ribaltare le sorti della partita.

Il tutto viene accompagnato da alcune nuove modalità tra le quali troviamo un sorta di Uccisione Confermata in puro stile Call of Duty, dove al posto delle piastrine ci sono sfere di luce da raccogliere, e la divertente modalità Bomba, con protagonisti gli gnomi da giardino esplosivi. I giocatori che apprezzano maggiormente la cooperativa possono inoltre intraprendere le Garden Ops, dove le ondate di nemici non ci daranno tregua.

Come anticipato prima, Popcap ha introdotto anche alcuni nuovi personaggi, ben tre per ogni fazione. Le piantine, ora, posso infatti contare sul Cedro dotato di un potente laser, sulla Rosa (caratterizzata da proiettili a ricerca) e sul Mais, mentre i non morti tra le loro fila vedono l'arrivo di Superzombi, abile nello sferrare calci volanti e devastanti pugni, Zombie Pirata e Zombolino che. in perfetto stile Titanfall, può richiamare il suo Titano personale.

Ogni personaggio di Plants vs Zombies Garden Warfare 2 è ovviamente dotato di abilità uniche e il tutto viene impreziosito da una serie di varianti: in pratica abbiamo circa 100 personaggi da sbloccare, alcuni dei quali sono definiti Leggendari e si trovano solo nei mazzi di carte più costosi. Come nel precedente episodio il titolo non include un sistema di micro-transazioni, di conseguenza per completare l'album delle figurine e sbloccare tutte le varianti dei personaggi dobbiamo solo giocare e accumulare più moneta di gioco possibile.

TECNICA

Il comparto tecnico generale di Plants vs Zombies Garden Warfare 2 è abbastanza buono. Il gioco ci propone ambientazioni colorate e allegre, mappe ampie e dettagliate e i vari personaggi, come sempre, sono realizzati in modo impeccabile. Purtroppo su Xbox One, versione da noi testata, non si raggiungono i 1080p, la risoluzione è infatti impostata a 900p. Nota positiva per il frame rate: fissato a 60 fps, risulta assolutamente solido e durante le nostre numerose partite non abbiamo riscontrato nessun calo.

Ottimo il matchmakig, il sistema risulta infatti veloce nella ricerca delle partite e, una volta sul campo di battaglia, non abbiamo mai avuto problemi di lag. Anche dal punto di vista dei caricamenti non abbiamo nulla da segnalare. Unico difetto che potrebbe far storcere il naso ad alcuni videogiocatori è il sistema di "Always Online": il gioco richiede infatti una connessione costante alla rete, anche quando affrontiamo le missioni della campagna o quando giochiamo in split-screen.

CONCLUSIONE

Coloro che hanno amato il primo episodio non possono farsi sfuggire Plants vs Zombies Garden Warfare 2, il lavoro svolto da Popcap è ottimo, grazie alle numerose novità.

Il titolo è uno sparatutto in terza persona divertente e coinvolgente. Il comparto online rimane ancora una volta il fulcro del gioco, tuttavia l'aggiunta delle missioni single player e dei due Hub hanno senza ombra di dubbio impreziosito questo secondo capitolo.

PRO E CONTRO

Assolutamente divertenteOttime le novità inseriteInnumerevoli contenuti di gioco
Qualche problema di bilanciamento dei personaggiIl single player poteva essere caratterizzato da una vera e propria storyline Connessione constante alla rete
  • GAMEPLAY 8.5
  • TECNICA 8
  • LONGEVITA' 9
  • MULTIPLAYER 8.5
  • GLOBALE 8.5
Il compatto che non vuole arrendersi dalle ottime caratteristiche? Sony Xperia Z3 Compact è in offerta oggi su a 299 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giacomino15

Forse uno dei pochi giochi che apprezzo in ambito videoludico ...
Comprerei la play solo per giocare a questo e GW1

Tony_the_only

Non ho detto che pecca ma che non è nulla di che cosa ben diversa!

furlo

è un fps arena,e di batman ha ben poco se non qualche riferimento ma capisco che non è il tuo genere che è diverso dal dire che pecca dal punto di vista del gameplay.

Tony_the_only

Bah guarda per farla breve mi è sembrato il solito sparatutto classico e per giunta senza veicoli....insomma nulla di più di quello che si può trovare in uno dei tanti Halo e call of duty. Infatti dopo qualche partita lo disinstallai subito. Va bene per i fan del cavaliere oscuro ma se mi va di giocare con un multi con le contropalle tante vale andare di Battlefield 3-4 , una delle saghe migliori per il multiplayer. Oppure per me ancora meglio gears ma qui si passa alla terza persona.

Insomma da come hai capito l'ho trovato piuttosto scialbetto :D

furlo

se non argomenti i punti per cui non ti è piaciuto non è un discorso molto costruttivo,dal mio punto di vista la grafica è carina quanto leggera per farlo girare su pc datati,e il gameplay è bilanciato quanto variegato,da selezionare il tipo di fisico che determina il rapporto salute/velocità,tanti tipi di armi dalle katane e archi a mitragliatrici,cecchini fino ai stravaganti lancia saetta e lancia pappagallo,altrettante abilità selezionabili dal jetpack al invisibilità ai pattini.Infine ci sono ben 8 mappe l'una diversa dall'altra e a tema e molto dettagliate.Inoltre i punti di ristoro della vita e i trampolini lo rendono ancora più vivace.Se ora ci sono degli aspetti che ti hanno deluso ne possiamo anche parlare.

Tony_the_only

Ci ho fatto 1-2 partite su Xbox 360 (lo avevano regalato :D) ma non mi è piaciuto per niente.

Simone Masito Scotti

"il secondo del diverte sparatutto in terza persona" correggete. Inoltre il test é stato fatto sia su ps4 che Xbox one o solo su Xbox visto che parlate della risoluzione inferiore e del framerate costante?

furlo

per gli amanti del genere fps multiplayer frenetico e a tema, consiglio Gotham City Impostors,è pure gratis e non pay to win ed è disponibile solo su steam per pc e forse ancora per ps3 e xbox360.

furlo

origin

Zhou Lorenzo Wang

dove lo scarico ?

Cristian Louis Watta

Concordo pienamente con il voto! Il multiplayer è veramente fico

Asphalt Xtreme: sgommate sullo sterrato | Recensione/Gameplay

PES 2017: recensione di HDblog.it

No Man's Sky: recensione di HDblog.it

PES 2017: la versione PC sarà differente da quella per Xbox One e Playstation 4