Killer Instinct Season 3: recensione da HDBlog

22 Aprile 2016 11

La terza stagione del popolare picchiaduro Killer Instinct ha visto il suo debutto da alcune settimane e, per la prima volta, il titolo è arrivato anche sullo store di Windows 10.

VERSIONI DI GIOCO, CROSS-BUY E CROSS-PLAY

Killer Instinct, sia su Xbox One che su Windows 10, viene rilasciato in versione Free to Play, di conseguenza i giocatori possono scaricare e giocare al titolo in forma totalmente gratuita. Tuttavia gli utenti, in questo caso, potranno utilizzare un solo personaggio che cambierà ogni settimana.

I vari lottatori che compongono il roster della stagione tre di Killer Instinct possono comunque essere acquistati singolarmente o in bundle tramite l'acquisto dei pack disponibili che, oltre ad includere al loro interno i vari lottatori, permettono al giocatori di accedere a contenuti esclusivi tra cui costumi, accessori e cosi via.

E' importante sottolineare che alcuni bundle permettono anche di sbloccare i lottatori presenti nelle prime due stagioni di Killer Instict. Come anticipato precedentemente il titolo è disponibile sia sulla console di casa Microsoft che su PC dotati di Windows 10 ma le novità non sono finite: Killer Instinct supporta infatti anche il cross-buy e il cross-play.

GAMEPLAY

Le meccaniche di gioco della terza stagione di Killer Instinct rimangono praticamente invariate rispetto alle passate versioni, tuttavia il team di sviluppo ha apportato alcune modifiche ai personaggi già esistenti al fine di bilanciare al meglio il titolo.

Pad alla mano, il picchiaduro di Iron Galaxy Studios mette i giocatori di fronte ad un gameplay basato sulle combo. Il sistema di controllo non cambia da quanto provato negli episodi precedenti, di conseguenza abbiamo il classico sistema a sei tasti caratterizzato dalla mossa di apertura, da quella di collegamento, e dalla finale, conosciute con il nome di Opener, Linker ed Ender.

Le combo, come precedentemente dichiarato, sono la base del combattimento e per evitare di finire al tappeto prima del tempo sarà necessario imparare immediatamente ad utilizzare le "combo breaker" ovvero il sistema che ci permette di spezzare e quindi interrompere la combo avversarie facendo praticamente volare, fuori dal nostro raggio d'azione, il malcapitato di turno.

I veterani di Killer Instinct conosco molto bene il sistema delle "combo breaker" e quindi non avranno nessun tipo di difficoltà,. Chi si affaccia per la prima volta al gioco potrebbe riscontrare qualche problema, problema superato nel momento in cui decidiamo di affrontare l'ottimo tutorial di gioco che ci spiega passo a passo come utilizzare le varie tecniche al meglio.

Il sistema funziona egregiamente sia per i giocatori più esperti e più competitivi che per i neofiti del genere. L'esecuzione delle varie mosse è infatti molto semplice e anche per chi non ha dimestichezza con i picchiaduro riesce a divertirsi fin da subito.

I giocatori più competitivi non rimarranno comunque delusi in quanto, addentrandoci nelle meccaniche di gioco, il sistema alla base di Killer Instinct si fa più complesso e padroneggiarlo al meglio richiederà tempo. Inoltre a livello di difficoltà elevato e disattivando nelle opzioni la voce inerente alle combo semplificate, i vari scontri saranno decisamente ostici e portare a casa la pelle non sarà un'impresa semplice, grazie anche ad un'AI di tutto rispetto.

Per quanto riguarda il roster, tutti i personaggi hanno subito delle modifiche e la stagione tre introduce al suo interno 8 nuovi lottatori: quattro sono disponibili fin da subito mentre gli altri saranno sbloccati nei prossimi mesi.

I primi quattro personaggi sono Kim Wu, Tusk, Arbiter e Rash. I videogiocatori che hanno affrontato la stagione 2 hanno già avuto modo di conoscere la minuta ma potente e agile Kim Wu, dotata dei due devastanti nunchaku che le permettono di eseguire combo utilizzando il pugno medio e forte. Tra le altre caratteristiche vi segnaliamo inoltre la Presa del Drago che può essere utilizzata come mossa di apertura o collegamento.

Sia Tusk che l'Arbiter, a differenza di Kim Wu, sono invece molto lenti e nel corpo a corpo risultano decisamente meno potenti di altri lottatori. Sulla distanza entrambi sono devastanti: Tusk con il suo spadone a due mani mette in seria difficoltà quasi tutti gli avversari e l'iconico personaggio di Halo, con la sua lama energetica e la carabina, risulta assolutamente potente.

Senza ombra di dubbio quello che abbiamo apprezzato maggiormente è Rash in quanto è il più semplice da usare e tutte le sue tecniche si apprendo con estrema facilità, di conseguenza risulta il lottatore più idoneo per tutti coloro che si affacciano per la prima volta a Killer Instict. Dal punto di vista delle modalità di gioco, Killer Instict offre piacevoli contenuti sia per gli amanti del single player che per coloro che si divertono maggiormente sfidando altri giocatori nel comparto online.

TECNICA

Per quanto riguarda il comparto tecnico, il lavoro svolto dal team di sviluppo è ottimo sia nel comparto grafico che nella fluidità. Il frame rate è sempre stabile e non si registrano cali nel corso dei combattimenti, tutti i lottatori sono caratterizzati da numerosi dettagli e anche i fondali delle varie location lasciano poco spazio alle critiche grazie ad un sistema di illuminazione praticamente impeccabile che mette in risalto anche i più piccoli dettagli.

L'interfaccia di gioco è pulita e ben organizzata cosi come la navigazione all'interno del menu di gioco che risulta veloce e immediata. Nulla da segnalare neppure sul fronte dei caricamenti, sempre abbastanza veloci. Killer Instict offre inoltre un ottimo comparto audio con una soundtrack di tutto rispetto che riesce a coinvolgere totalmente il giocatore.

CONCLUSIONE

Killer Instict si riconferma un ottimo picchiaduro. Senza ombra di dubbio la vera quinta essenza del titolo risiede nel gameplay che riesce ad offrire divertimento sia a coloro che si affacciano per la prima volta ad un titolo del genere, sia ai giocatori più competitivi.

Le meccaniche di gioco si apprendono facilmente ma padroneggiarle al meglio richiede tempo e allenamento, tuttavia il divertimento è assicurato fin dai primi minuti di gioco. Il tutto viene poi accompagnato da un comparto tecnico praticamente eccellente e da un buon numero di contenuti.

PRO E CONTRO

Ottimo comparto tecnicoBuon numero di contenuti di giocoGameplay semplice, immediato e profondo
Alcuni piccoli bugTusk e Arbiter troppo lenti per scontri frenetici
  • GAMEPLAY 8,5
  • TECNICA 9
  • LONGEVITA' 8,5
  • MULTIPLAYER 8,5
  • GLOBALE 8,5
Lo smartphone Android più completo sul mercato e con il miglior display in commerico? Samsung Galaxy Note 8, in offerta oggi da Tiger Shop a 762 euro oppure da Amazon a 880 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
InterTriplete

Se per te è stata sbagliata non lo so, per me no. E l'ho argomentato, invece di sparare una cagata e basta ;)

l'intrattenitore

mai scelta fu più sbagliata...

wesbluemarine

Tusk e Arbiter meno potenti? o_O

InterTriplete

Splendido. Una delle tante esclusive Microsoft che mi hanno fatto preferire One a ps4, e visto anche cosa sta succedendo, mai scelta fu più azzeccata! :)

Acquariocapri

Ricordo le nottate a finire FF7 chi se ne fregava della scuola il giorno dopo...

Pistacchio

Maledizione essere adulti, da ragazzo dormivo 3 ore a notte e giocavo come se non ci fosse un domani, ora lavoro in fabbrica e 10 ore di sonno non mi bastano XD

Squak9000

No ma io sti giochi con la storia dietro non posso proprio comprarli... il pimo Assassin Creed lo ho iniziato 4 volte!
Ogni volta riprendevo e dimenticavo dove e cosa dove fare...

dicolamiasisi

ce l'avevo sul game boy...quanti ricordi....

PeachGem

io sono a 6 giorni e 3 h di gioco su Fallout 4 e ancora devo entrare nell'Istituto :)

GeneralZod

Eh. Come per tutti i giochi. Ho iniziato da un mesetto The Witcher 3 e sto a tipo 3h di gioco totali. Per il 2017 dovrei finirlo...spero.

Squak9000

Bel giochino... ma come al solito bisogna avere molto tempo per giocarci :-(

Total War - Warhammer II: la nostra recensione

FIFA 18: la nostra recensione

Forza Motorsport 7: la nostra recensione

Genomia: l'indie che stupisce la Milan Games Week 2017