Deep Down: Capcom rinnova il marchio

08 Agosto 2016 2

Il futuro di Deep Down è senza dubbio incerto. Da un lato abbiam Capcom che ha rinnovato ancora una volta il brand, mentre dall'altro abbiamo la legge americana, la quale prevede che un trademark può essere rinnovato per un massimo di cinque volte in tre anni, limite appena raggiunto da Capcom, società che però non ha ancora annunciato alcun prodotto o un piano di utilizzo ad hoc.

Il rinnovo è arrivato il 2 agosto, con tanto di richiesta da parte dei boss della società di estendere la deadline per l'arrivo di nuovi dettagli, solitamente un trailer, una dimostrazione del gioco o la data di uscita. Capcom ha quindi tempo fino a febbraio per svelare i propri piani riguardanti il tanto atteso Deep Down, progetto sicuramente interessante che ha incuriosito moltissimo i fan del genere Action RPG in stile Dark Souls.

Siamo alle porte della Gamescom 2016 e a settembre avrà luogo il Tokyo Game Show 2016, di conseguenza Capcom potrebbe cogliere la palla al balzo e svelare nuovi dettagli davvero significativi. A oggi è possibile sapere solamente che Deep Down sarà un Action RPG e potrà essere affrontato in party da quattro giocatori, il tutto scandito dalla formula free-to-play, di conseguenza il gioco verrà distribuito in versione completamente gratuita ma verrà caratterizzato dalla presenza di acquisti in game.

Top gamma Sony al gusto prezzo? Sony Xperia Z5, compralo al miglior prezzo da Amazon a 408 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
romagnolo

per me questo gioco non avrà mai luce...

AlphAtomix

Progetto che fu interessantissimo con i dungeon che riuscivamo a riprodurre 4 emozioni e tutto quello che c'era dietro.

Styx - Shards of Darkness: la nostra recensione della versione PC

Ghost Recon Wildlands: la nostra recensione

2Dark: la nostra recensione

I Am Setsuna per Nintendo Switch: la nostra recensione