F1 2016: recensione di HDBlog

15 Settembre 2016 66

Lo scorso capitolo di Formula Uno non era stato accolto particolarmente bene dai fan dei racing game a causa di alcune mancanze. Quest'anno Codemasters non voleva deludere nuovamente i giocatori e ha quindi promesso al tutto il mondo videoludico il ritorno, in F1 2016, di un'entusiasmante modalità carriera e l'aggiunta di nuove funzioni. Il team di sviluppo sarà riuscito a mantenere le promesse fatte? Non ci resta altro che scoprirlo tramite la nostra recensione.

MODALITA'

Lo scorso capitolo del racing game di casa Codemasters non era stato particolarmente apprezzato in quanto il team di sviluppo aveva deciso di eliminare la classica modalità Carriera, scelta che aveva fatto infuriare più di qualche giocatore. Quest'anno tuttavia, il team di sviluppo non voleva ripetere lo stesso errore e ha riproposto la tanto desiderata modalità, accompagnata ovviamente dalle classifiche, gare veloci, da campionati e dalle imperdibili sfide a tempo.

Nella Carriera, il primo passo da compiere è quello di creare il nostro pilota virtuale e, successivamente, bisognerà scegliere tra una delle 11 scuderie presenti nel gioco al fine di cominciare la nostra scalata nel mondo della Formula Uno, affrontando ben 10 stagioni. Gli 11 team sono suddivisi in tre sezioni: la prima include Mercedes, Ferrari, Williams e Red Bull, la seconda invece contiene Force India, McLaren, Haas e Toro Rosso, mentre nell'ultima troviamo Renault, Manor e Sauber.

E' importante sottolineare che la nostra scelta ha ovviamente delle conseguenza: ogni scuderia, infatti, ha degli obiettivi da raggiungere nelle varie gare ed è scontato affermare che iniziare la nostra Carriera con i team più rinomati, tra cui Ferrari e Mercedes, non sarà proprio una passeggiata. Fin dalle prime gare gli obiettivi che ci vengono imposti non saranno per nulla semplici e le pretese nei nostri confronti cresceranno di gara in gara.

In base alle nostre perfomances in pista, nel corso della stagione, potranno venirci offerti anche contratti più interessanti e in quel caso sarà solo nostra la decisione di cambiare team. Inoltre sarà fondamentale accumulare crediti di gioco, completando vari obiettivi nelle prove libere, al fine di potenziare nel miglior modo possibile il nostro bolide, in quanto i team rivali faranno lo stesso.

Interessante anche il comparto gestionale della modalità Carriera: il nostro compito non si limiterà solo a scendere in pista. Nel corso della scalata nel mondo della Formula Uno saremo anche chiamati a leggere email, a prestare attenzione ai contratti che ci verranno offerti da altre scuderie e ad intraprendere colloqui con il nostro staff tecnico che saprà sempre consigliarci sui miglioramenti da apportare alla vettura. Non dimentichiamoci inoltre di ascoltare il manager che ci illustrerà i vari obiettivi della scuderia e, ogni tanto, un'occhiata al computer ci permetterà di tenere sotto controllo i nostri progressi.

E' scontato affermare che la modalità Carriera di F1 2016 è, senza ombra di dubbio, la vera quinta essenza del gioco ma l'esperienza del racing game di Codemasters viene anche impreziosita da un interessante comparto online che offre la possibilità di creare o partecipare ad un campionato o ad una gara veloce con ben 22 giocatori contemporaneamente scegliendo tra 21 circuiti.


GAMEPLAY

Dal punto di vista della giocabilità, F1 2016 può tranquillamente essere definito un ibrido che offre un giusto mix tra arcade e simulazione, adatto anche a coloro che si affacciano per la prima volta ad un racing game. Il titolo risulta accessibile anche ai neofiti grazie ai vari aiuti che permetteranno di ottenere buoni piazzamenti nelle gare. A livelli di difficoltà più elevati, eliminando ad esempio il controllo di trazione e l'assistenza alla frenata, portare a termine le gare e raggiungere il podio non sarà invece una passeggiata.

Ottima la decisione di implementare all'interno della Carriera la possibilità di scegliere tra una modalità tradizionale, che permette di settare vari aiuti alla guida, e una PRO, pensata appositamente i veri piloti. Il livello di difficoltà nella modalità PRO è veramente elevato e non si avrà nessun tipo di aiuto. Inoltre è importante sottolineare che la visuale disponibile sarà solo quella all'interno dell'abitacolo.

Il sistema di Intelligenza Artificiale risulta abbastanza buono e gli avversari sapranno darci filo da torcere per tutta la durata della gara. tuttavia abbiamo riscontrato alcuni difetti sopratutto durante gli incidenti, momento in cui i piloti controllati dall'AI danno vita ad inspiegabili ingorghi. Per quanto riguarda il sistema di danni, invece, è importante sottolineare che non sarà possibile distruggere completamente la macchina e i danni non sempre rispecchiano la realtà, lasciandoci nel complesso con un sistema accettabile ma non perfetto.


Ottima invece la presenza della Safety Car e l'aggiunta della Virtual Safety Car che riescono a donare maggiore realismo al gioco. Gli appassioni di racing game apprezzeranno inoltre la possibilità della partenza manuale, non proprio una passeggiata per i giocatori che non hanno mai affrontato un racing game: sbagliare significa essere penalizzati con delle sanzioni e per una partenza ottimale sarà necessario controllare i giri del motore e rilasciare la frizione con il giusto tempismo, azioni tutt'altro che facili.

Altro aspetto da non sottovalutare, sopratutto per i neofiti del genere, è l'ingresso manuale ai box: in questo caso, sarà infatti necessario controllare la velocità per evitare di incorrere in sanzioni che potrebbero compromettere il nostro piazzamento.

Non dimentichiamoci inoltre il giro di formazione che fa il suo esordio nel franchise, permettendo ai giocatori di sperimentare la tensione pre-gara, riscaldare i pneumatici e testare i freni in vista dell'imminente partenza.

TECNICA

Il comparto tecnico di F1 2016 risulta nel complesso abbastanza buono. Sul versante grafico le vetture e i circuiti sono tutti realizzati in modo impeccabile e rispecchiano la controparte reale. Non brillano particolarmente, invece, i personaggi di contorno tra cui i membri dell staff, caratterizzati da modelli poligonali che non fanno certo urlare al miracolo.

Ottimo il sistema di illuminazione e la gestione dei cambiamenti meteorologici, entrambi gli elementi riescono infatti a coinvolgere totalmente il giocatore. Dal punto di vista del frame rate non abbiamo nulla da segnalare, su Playstation 4 i 60 fps risultano abbastanza costanti e abbiamo riscontrato leggeri cali solo nelle sessioni di gioco più frenetiche.

Il comparto audio nel complesso risulta buono anche se i rombi dei motori e i vari effetti sonori potrebbero essere migliorati ulteriormente.


CONCLUSIONE

F1 2016 è senza ombra di dubbio un buon racing game tuttavia è importante sottolineare che il titolo è di fatto un mix tra arcade e simulazione; di conseguenza alcuni giocatori potrebbero rimanere delusi da aspetti del gioco che non rispecchiano totalmente la realtà, ad esempio il sistema di danni che in determinate circostanze risulta poco credibile.

La Carriera in modalità Pro è invece un'opportunità interessante per tutti coloro che cercano un racing game più simulativo e il tutto viene accompagnato da un ottimo sistema di gestione della vettura grazie ad una serie di parametri che possiamo impostare e che, siamo certi, faranno la gioia dei più "smanettoni".

Il nuovo racing game di Codemasters grazie alla sua impronta simulativa/arcade riesce ad abbracciare un pubblico sicuramente più vasto rispetto ad altri titoli del genere. La vera quinta essenza del gioco è senza ombra di dubbio la modalità Carriera la quale ,oltre ad essere longeva, offre agli utenti un'esperienza di gioco assolutamente coinvolgente.

PRO E CONTRO

Modalità Carriera coinvolgenteUn ottimo mix tra arcade e simulazione
Qualche calo di Frame RateComparto tecnico migliorabile
  • GAMEPLAY 8
  • TECNICA 7
  • LONGEVITA' 8.5
  • GLOBALE 8
Poca spesa per massima resa? Meizu m3, compralo al miglior prezzo da Amazon Marketplace a 162 euro.

66

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Cristian Sanson

Ciao Marco.
In una curva X, una vettura top passa a 100kmh e prende il cordolo, la vettura meno performante passerà meno veloce ma facendo la stessa traiettoria, non passando a mezzo metro dal cordolo.

Forzaferrari

Nella prima immagine Hamilton"ha fatto molta meno strada" di vettel e così ha scaricato bene la coppia in uscita

Forzaferrari

M90 vuole dire che ogni circuito ha la sua traiettoria ideale ,poi con una serie di parametri diversi ,dal pilota all'assetto della macchina si fa più fatica a trovare il giusto inserimento in curva. I punti di corda i piloti li conoscono bene se on board si vede che la manor fa più fatica è perché il pilota non riesce ad avere una buona guidabilità e ricordiamoci che obiettivo è inserirsi bene in curva perciò il pilota ha sovra e sotto sterzo perché cerca il punto di corda ideale . Che poi un Hamilton si inserisca un metro più avanti o dietro rispetto a un Rosberg cambia sì,ma l'obiettivo è stare in traiettoria ovvero l'insieme dei punti di corda giusti per uscire bene dalle curve

joethefox

L'ha scritto il recensore dei cali di frame rate, l'hai letto almeno l'articolo?!?!??

The Jackal™

non ho parlato di esclusive ma ho semplicemente detto che ci sono giochi che meritano intendendo titoli next gen, e vale sia per tutte le piattaforme. io gioco col pc, però dovendo solo giocare avrei preso una playstation anche perché alcuni dei miei giochi preferiti come uncharted e god of war ci sono solo li, poi per the last guardian si parla di esclusiva playstation. volendo giocarli col pc si può, tramite emulatori ps, però un pc solo per giocare lo vedo sprecato, anche perché non costa 299€ ma molto di più.

joethefox

con chi ce l'hai :?

kayoshin

a si? e quali giochi sarebbero? (esclusive intendo)

kayoshin

meglio xbox one fidati ;-)

Palux

E...e...e...e...e...e...e... E le virgole al posto delle 200 E nella stessa frase?
Costano zero.

MatitaNera

"nera" è peggio :)

joethefox

Cambia nick in MatitaBlu! :)

joethefox

Bisogna anche dire che i cali di frame rate sono una "caratteristica" della versione console del gioco, feature mancante nella versione PC :)

Per quanto riguarda i danni all'auto: vero che non si distrugge l'auto ma è anche vero che l'esperienza di gioco non ne risente: se il colpo è forte finisci la gara, a prescindere dalla grafica che mostra la macchina distrutta o meno. Di contro sono fatte benissimo le botte che non ti fanno finire la gara ma che ti danneggiano le ruote e/o l'alettone (che viene sostituto alla sosta ai box).

Infine mi sembra doveroso menzionare la parte più divertente, secondo me, della modalità carriera: gli obiettivi scuderia. Se si completa un giro con la giusta velocità / traiettoria oppure si completano una serie di giri veloci con un consumo moderato di gomme o ancora si fanno segnare dei tempi qualifica superiori alle apapettative, ecc. ecc. si guadagnano dei punti esperienza che poi vengono investiti nello sviluppo dell'auto: fantastico.

MatitaNera

Se lo 'prendessi' ! Cosa ci tocca leggere...

DanieleDiDonato

Sicuramente è molto più arcade, ma per un appassionato ne vale la pena, dipende da te e da quanta voglia hai nel fare la modalità carriera. Se lo prenderesti per farti dei time trial lascia stare.

fire_RS

Devo dire che hanno sistemato tutte le pecche del 2015, anche se ancora il bug dei piloti kamikaze (ovviamente succede molto raramente rispetto al 2015) rimane.

Alessandro

Scusa la mia ignoranza ma si sa quando uscirà?o no?e se si come si chiamerà?

drnice

allora non farlo. questo è un gioco quasi arcade. tu giochi ad una simulazione (o quasi). continua con assetto corsa che è cento volte meglio.

Rik Riker

Montoya fece 1.19 e rotti un abisso con le macchine di adesso

Gianlu27

Va beh, era solo un appunto, se volete faccio la lista XD

Rik Riker

Assetto corsa è spettacolare sia da vedere che da sentire e con il volante è una goduria

Rik Riker

Non so se comprarlo o no, gioco di già ad assetto corsa per pc e uso volante e pedaliera, non vorrei passare e trovarmi con un arcade da 50 euro....

fr16_reda

Ho F1 2015 per pc, grafica buona, effetti buoni, pubblico e tribune bellissime.
Come simulatore io uso Assetto Corsa per il pc e questo ha una grafica ottima, meno effetti del pubblico e i box sono più poveri, ma hanno il pit stop.
Assetto Corsa sa usare al massimo il volante con il suo feedback, io ho il Thrustmaster T150, Formula 1 è un gioco fatto più per le console.
Su Assetto Corsa ho anche molte più macchine, dalla Lotus 49 fino alla SF15-T (red pack) e in più posso mettere le mod (gratis) così ho pure la Ferrari F1 concept, la RedBull X2010 e piste bellissime o autostrade giapponesi e americane o addirittura la città di Parigi.
Assetto corsa+tutti i pack l'ho pagato 70€ e la SF16H e tutte le mod delle f1 2016 usciranno presto, si deve convertire il modello di F1 e cambiare qualche effetto, ma saranno bellissime le F1 2017.

The Jackal™

potresti aspettare la nuova generazione, anche se per ps4 ci sono un sacco di giochi ce meritano di essere giocati. non so se sulla nuova consolle ci sarà la retrocompatibilità

Me.Tano

Io direi ormai di aspettare un altro anno e prenderti direttamente la nuova generazione

Alessandro

Salve a tutti....vorrei farvi una domanda...io ho una PS3,premetto che non gioco tanto,mi consigliereste di venderla per passare alla PS4?o no?

M_90®

passano dalla 7° alla 2° scendendo anche sotto i 100 per poi perdere aderenza e uscire fuori traiettoria all'esterno... questo non è certo il miglior modo per affrontare una curva....

M_90®

nella 10 di spa alcuni tipo alonso se non ricordo male la fanno spesso all'esterna tanto è vero che ricordo una volta che l'ingegner bruno sottolineava sta cosa confrontando alonso con altri piloti. proprio perchè entrano forte che non riesci a stare nella traiettoria e la forza g ti spinge all'esterno e perdi secondi nel t2.

Boots Boot

Hai scritto come loro omettendo cosa manca

Albydigei94

Entrare forte non vuol mica dire frenare forte eh... Entri forte se sacrifichi la percorrenza per uscire più forte, ti ripeto, una curva a v. Risparmi le gomme e hai un'uscita più forte, a parità di frenata. Guarda la 10 di spa come viene fatta e capisci tutto

vincenzo francesco

ti senti realizzato adesso?

Gianlu27

Io devo ancora comprarlo mannaggia peppa, ma ho avuto modo di provarlo :( Presi sempre al day one tranne questo

Comunque questa recensione non dice nulla.. Ci sono tante di quelle cose che mancano.. Mi sembra tanto abbiamo viste le novità e le abbiamo scritte (tra l'altro, appunto, neanche tutte, perché ci sono tante di quelle novità che non avete scritto), senza contare che ci sono alcune inesattezze :)

emmeking

Vedo che hai buon gusto per il black humor.

M_90®

se entri forte arrivi a piallare la gomma(sopratutto in un sorpasso), senza contare che uscendo dopo che c'è stata una forte decelerazione puoi andare incontro alla perdita del posteriore o comunque puoi sbandare perdendo decimi. la curva va affrontata dall'esterno all'interno seguendo quella linea precisa che poi ti porta all'uscita con un carico stabile sull'anteriore e con la massima accelerazione sul posteriore.

Albydigei94

No, se entri più forte nelle curve in seconda fai una sorta di v, raggiungendo il cordolo in entrata e uscita: in questo modo consumi molto meno le gomme anteriori perchè il carico sulla gomma in appoggio è importante solo per pochissimi decimi, mentre entrando più lento devi rimanere sulla gomma in appoggio per molto tempo rischiando di incorrere in sottosterzo, distruggendo le gomme. Penso a Silverstone (prima del vecchio rettilineo del traguardo), Spa (la 10), Suzuka (dopo il tunnel), ma anche Ungheria (l'ultima curva)...

M_90®

quoto, è il discorso che faccio io. c'è solo una traiettoria, sopratutto prime e dopo da una curva.

marco

Grazie lo stesso, gentilissimo;-)

marco

il problema è che in tv non rende, in f1 non si parla di differenze evidenti, si parla di cm di traiettorie diverse

Albydigei94

Io purtroppo ne so meno di te da questo punto di vista :D La 460 comunque ti permette a far girare titoli appena usciti in full hd con frame rate discreti, anche se mi pare che la differenza con la 470 sia abbastanza importante. Però forse è meglio se chiedi a qualcun altro su queste cose :)

Tsingtao

chi vuole giocare online su ps4 ?

M_90®

se entri più forte devi frenare di più, sopratutto nelle curve in seconda, e quando esci perdi più tempo(sopratutto se non hai una vettura che spinge forte) per accelerare, per questo che si usa la traiettoria ideale così da accompagnare all'entrata arrivando all'uscita senza aver perso troppa potenza e troppo tempo. chi entra forte perde sempre qualche secondo, oltre a rovinare le gomme.

Edge

Secondo me il tuo discorso, certamente valido, vale più per auto stradali sportive che da corsa. Nelle prime hai un certo margine di adattabilità, per il grip meccanico e aerodinamico inferiore, per cui puoi effettivamente impostare traiettorie diverse anche a seconda delle caratteristiche del mezzo, per cui ad esempio con una TI conviene "squadrare" le curve sacrificando la percorrenza a favore dell'ingresso, mentre con una TP, specie se a motore anteriore, di solito si tende ad "arrotondarle" regolando la traiettoria con il gas. Differenze simili vi sono fra vetture a motore anteriore e a motore centrale.
Ma in F1 e nelle corse in generale le traiettorie sono molto più "obbligate", per risparmiare tempo lo "slow in - fast out" è la regola in quasi tutte le curve e la differenza la fa chi riesce a ritardare le frenate al limite minimo per percorrere la linea ideale, che è quella che tocca tutti gli apici del tracciato unendoli con la minore distanza possibile. In pratica, non c'è molto spazio alla creatività. Almeno guardando gli onboard dei giri di qualifica mi pare di poter dedurre questo. Poi in gara, e soprattutto sul bagnato, ci possono ovviamente essere variazioni.

M_90®

infatti chi non usa la traiettoria ideale non fa mai le pole, come le ferrari e tutte le altre. guarda caso le mercedes che sfruttano sempre la traiettoria giusta della pista fanno sempre mezzo secondo in meno alla q3. ovvio che è anche un fattore meccanico e di come imposta la vettura, ma se prendi una curva più esterna invece di prenderla più interna perdi tempo, come se la prendi troppo all'interno dopo devi uscire più largo.

Albydigei94

Paragona il record della pista di Montoya con queste immagini, la traiettoria dipende da una serie infinita di fattori...come ho scritto anche prima, a spa determinate curve vengono affrontate in maniera diversa anche da due piloti della stessa scuderia, perchè anche solo il modo di guidare incide sulla scelta di una traiettoria: c'è chi fa staccate più potenti e quindi "taglierà" di più le curve, chi riesce a controllare bene in percorrenza e quindi accompagnerà la curva senza perdere terreno ecc.... Senza considerare le caratteristiche del mezzo, perchè (per esempio) senza un buon carico sull'anteriore la percorrenza nelle curve lente sarà ridotta, per cui è meglio entrare più forte e allungare un po' la traiettoria.

marco

io mi sto costruendo un pc da gioco, il pc c'è mi manca la GPU esterna, vorrei puntare sulla 460 per ragioni economiche, come ti sembra? la 470 sarebbe perfetta ma da 130 a 2xx c'è una bella differenza. anche perché ho sbagliato a prendere un alimentatore da 350 e con i3 più 460 non avrei problemi, con la 470 dovrei cambiarlo

Albydigei94

Eh quello si, la ia è ancora lontana anni luce da forza motorsport, e in generale segue sempre e solo la stessa traiettoria. Ma te non sei costretto a seguirla alla perfezione, per quanto nelle prove libere ti "costringano" a impostare le curve in un determinato modo. Poi ovvio che non siamo ai livelli di simulazione di assetto corsa... :)

marco

grazie del feed, ho solo visto dei gameplay in attesa di prenderlo e mi aveva dato quella impressione, specialmente come ia

Albydigei94

Anche qua ci possono essere traiettorie differenti: per esempio alla 10 di spa, o entri forte facendo più strada per salvare un attimo le gomme e uscire più forte (da pilota f1) oppure la fai più di percorrenza tenendo una traiettoria interna. Molte curve in f1 2016 possono essere fatte in modo differente, senza compromettere necessariamente il grip. Mentre nei vecchi f1 la traiettoria ideale era una sola, e se andavi di mezzo metro fuori le gomme si sporcavano, ora hai un po' più margine di manovra

marco

ascolta non è così semplice, ci sono tanti parametri, non è un discorso che posso fare qui, i vorrebbe troppo, brevemente il concetto è che la pista è larghissima, in tv sembra piccola ma è enorme. la traiettoria ideale è una, quella perfetta ma dipende dal mezzo, una Mercedes riesce a portare più velocità in curva perché ha un maggior carico ed una migliore trazione meccanica, se in una curva x la traiettoria ideale è passare sul cordolo (si può essere anche quella ideale), se hai carico 100 potrai, se hai carico 90 non ci passerai, ma passerai a mezzo metro che è semrpe dentro quella striscia scura che si vede, in realtà in quella striscia ci sta una macchina e mezzo perché appunto ogni macchina passerà in quella curva ad una distanza dal punto X diversa a causa del suo assetto,carico, stile di guida. sono cose che in tv non si notano ma quando corri in pista te ne accorgi, basta anche un kart, di quelli seri, non di quelli affittati che vanno a 40 xD

M_90®

tra l'altro guarda anche i riferimenti del volante, la ferrari deve chiudere di più mentre la mercedes di meno.

B3rg3Ru5

stai facendo la recensione? BRAVOH!

Injustice 2: la nostra recensione

Disgaea 5 Complete: la nostra recensione

Snake Pass: la nostra recensione sull'originale platform di Sumo Digital

What Remains of Edith Finch, la nostra recensione