Brofist: Beat the Bullies è un nuovo tapping game musicale per mobile

21 Settembre 2016 2


Pronti a sconfiggere i bulli ruba-dolcetti con tanti sganassoni a ritmo di musica? Ecco che arriva Brofist, un tapping game semplice, simpatico e con delle musichette piuttosto carine e orecchiabili. Il nostro scopo è assemblare una squadra di "bro" in un primo tempo, e poi confrontare direttamente il bullo.

Ogni livello, quindi, si svolge in due fasi. La meccanica di base è sempre quella - tap sullo schermo al momento giusto - ma ci sono alcune sfaccettature. Nella fase di aggregazione della squadra, è sufficiente un tap in qualsiasi punto al momento giusto per compiere la manovra di "fist bump"; nella seconda, invece, bisogna premere anche nel punto giusto - il cerchio che compare a schermo.

Sul finale sono presenti anche le "combo", in cui bisogna far scivolare il dito tra una sequenza di cerchi collegati. Naturalmente bisogna stare attenti a non fare troppi errori o si finisce in game over.

Ogni bullo ha la propria canzone; una volta sconfitto rilascerà un po' di dolcetti, qualche power-up e si potrà procedere con il prossimo. Per il momento ci sono poco meno di una decina di bulli, ma altri ne arriveranno in futuro.

Brofist: Beat the Bullies si scarica gratuitamente, ma ci sono alcune meccaniche F2P, comunque piuttosto blande. Per esempio ci sono vite limitate che rigenerano col tempo, oppure instantaneamente se si guarda un video o si spende qualche soldino. Ecco i link per il download:

Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da Tiger Shop a 515 euro oppure da Amazon a 575 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
gioele4

Ah ahahah X'D

erdarkos

l'icona dovrebbe essere questa, giusto? (F5) https://uploads.disquscdn.com/...

Dragon Ball FighterZ: la nostra anteprima

All-Star Fruit Racing: la nostra recensione

PES 2018 Single Player: la nostra recensione

Redout: la nostra recensione