Battlefield 1: recensione di HDblog

26 Ottobre 2016 33

Le moderne produzioni videoludiche ci hanno abituato ad un taglio cinematografico e ad una profondità di contenuti e trame a livello degli altri media. Eppure, con Battlefield 1, non possiamo fare a meno di lasciarci andare allo stupore proprio come se fosse la prima volta che ci troviamo di fronte qualcosa del genere.

Sarà il tema della Grande Guerra, sarà la vicinanza con noi italiani viste le ambientazioni...sarà quel che volete, ma l'intro di Battlefield 1 è qualcosa di epico, un corto reso realistico dalla grafica di cui parleremo in seguito e toccante nelle parole che accompagnano l'azione. "Non ci si aspetta che tu sopravviva", questa l'indicazione che il giocatore legge nelle prime fasi di gioco, un gioco che inizia "in medias res" e ci catapulta in una sorta di tutorial che tutto sembra, tranne un tutorial.

E' strano parlare di fascino delle storie e delle ambientazioni in un videogioco che fa del multiplayer, anche competitivo, il suo elemento caratteristico. Eppure Battlefield 1, con la sua trama ricercata e la narrazione curata, riesce a proporci contenuti di spessore anche nella campagna a giocatore singolo.

Certo, le "storie di guerra", così le chiamano gli sviluppatori, sono brevi e non ci garantiscono la durata in singolo che hanno titoli dei generi adventure o rpg...eppure si tratta di sei fuochi di paglia che, nel bruciare, brillano di una magnifica e intensa luce.

Personaggi, trama, ambientazione, tutto concorre a rendere una vera e propria esperienza la campagna di Battlefield 1, corredata da un comparto grafico vicino al fotorealismo con una fotografia che non potrà far scendere la proverbiale lacrimuccia di fronte a panorami come quello del Monte Grappa, specie per chi sa cosa è successo tra i bunker di quei monti.

La cura del dettaglio, poi, si vede anche nella fedele riproduzione storica, frutto di una ricerca che ha dato i suoi risultati spiazzandoci nella fisica delle armi, completamente diversa dalla maggior parte delle produzioni a cui siamo abituati. Dire che in Battlefield 1 la guerra si sente sulla propria pelle è forse esagerato, ma questa è la frase migliore per descrivere a parole le sensazioni della campagna in single player.

MULTIPLAYER


Le cose belle, si sa, finiscono in fretta.

Così, esaurita la breve ma intensa campagna, è tempo di parlare di multigiocatore. Qui si cambia faccia, non c'è tempo per perdersi nelle ambientazioni, per ammirare i dettagli, per sentirsi in guerra...o forse si?

A differenza di quanto si potrebbe pensare, infatti, Battlefield 1 riesce - a dispetto del genere - a coinvolgere anche nel multigiocatore e il merito è delle "Operazioni". Strutturata per combattimenti in larga scala, tale modalità porta il fascino della campagna in giocatore singolo anche nel multiplayer, proponendoci battaglie fino a 64 giocatori (o 40 se preferite la versione "lite") dove la sensazione è davvero quella di essere in guerra. La frenesia competitiva di titoli alla Halo e simili resta se la ricercate ma l'idea di un esercito in guerra è resa benissimo e rende più romantico il lato competitivo di questo gioco.

Nelle operazioni siamo solo uno dei tanti soldati in trincea costretti ad avanzare nonostante colpi di mortaio, carri armati e proiettili che volano da ogni direzione. Così la meccanica base, quella di conquistare o difendere i punti "A" e "B", si trasforma completamente: il punto "A" di turno si chiama la "Casetta di Luca" e non è solo una zona su una mappa, ma diventa la zona che vogliamo e dobbiamo difendere per evitare l'avanzata del nemico, quasi come se da questo dipendesse della nostra stessa vita.

Insomma, un trasporto così, in una sessione multiplayer, lo si trova di rado!

Eppure la dinamica è quella dell'attaccare e del difendere, la stessa delle modalità conquista, esaltata però da due elementi: il primo è il numero dei giocatori, tale da renderci davvero piccoli ingranaggi di una macchina: se ben oliata, con il gioco di squadra e team in grado di coordinarsi tra loro, la macchina procede letale verso l'obbiettivo. Altrimenti la disfatta sarà totale.

Il secondo elemento è quello della musica: può sembrare banale, ma la colonna sonora dinamica delle operazioni è in grado, da sola, di rappresentare una fetta importante nell'immedesimazione del giocatore, addirittura spingendoci all'attacco o alla ritirata quasi come se sentissimo su di noi la pressione del campo di battaglia.

A tutto questo si aggiunge poi la componente strategica che pesa nell'esito dello scontro: le Operazioni vanno gestite anche con la testa, si lotta per ogni centimetro del fronte e l'arrivo dei mezzi di supporto, che intervengono quando la situazione si mette male, diventa un elemento da non sottovalutare. Uno Zeppelin, il treno corazzato o la corazzata potrebbero cambiare le sorti della guerra se utilizzati bene dai giocatori.

Infine va sottolineata la nuova concezione di multiplayer che le Operazioni portano, con sessioni che si allungano rispetto alle modalità conquista o al più rapido deathmatch a squadre.


Ovviamente restano i classici come Corsa, Conquista e via dicendo, modalità però affiancate anche Piccioni di guerra o Dominio che toglie dall'equazione i veicoli.

Le mappe su cui l'azione si svolge sono tutte di ottimo livello, in grado di adattarsi sia all'azione della modalità Operazioni che al classico deathmatch, proponendo scenari che vanno dalle montagne al mare passando per foreste dove il pericolo è dietro l'angolo o deserti che faranno la gioia dei cecchini.

A livello tecnico, il time to kill varia a seconda della modalità ma tende comunque a non discostarsi troppo dal passato, sebbene l'approccio più tattico di alcune modalità consenta di aumentare il tempo di vita medio riducendo, solo leggermente, la frenesia tipica di questa tipologia di FPS. A condire il tutto poi ci sono i fantastici duelli aerei, resi più pittoreschi dalla tecnologia "arretrata" dei mezzi in uso, o gli stessi veicoli con la novità del cavallo che può essere letale, così come può risultare ancora più letale un giocatore esperto con in mano un carro armato.

Abbondante la varietà di classi: a partire dai mezzi, infatti, è possibile scegliere tra diverse tipologie di veicoli da sbloccare: scegliere un caccia al posto di un bombardiere richiederà un cambio di strategia così come sarà diverso l'approccio a seconda che utilizziamo un carro leggero, un veicolo corazzato o uno pesante. Le classi dei soldati sono invece quattro (Assalto, Medico, Scout e Supporto), eventualmente ampliate dalle classi "Elite" che si comportano in maniera simile agli eroi di Battlefront. La resistenza ai colpi aumenta così come cresce la potenza di fuoco: i danni che si potranno fare indossando questi kit saranno ingenti.

Ogni classe base è personalizzabile, come al solito, nelle armi e nei gadget. Qui avremo a disposizione una pletora di scelte per ritagliarci alla perfezione il nostro ruolo, con la solita raccomandazione che, nel gioco di squadra, avere un team bilanciato è fondamentale.

TECNICA


Battlefield 1 è in grado di proporci un comparto tecnico al passo con i tempi. Il motore di gioco restituisce una grafica al top condita da ambientazioni suggestive rese fin al minimo dettaglio nonostante le dimensioni della mappe. Le condizioni meteo non sono solo un vezzo artistico ma un elemento talmente ben realizzato che è davvero in grado di cambiare le regole della battaglia. La pioggia, ma soprattutto la nebbia, diventano quindi elementi grafici che influiscono sul gameplay in maniera sostanziale e, ancora una volta, "immersiva", modificando realmente le condizioni in cui si combatte.

Buone le animazioni che ci restituiscono personaggi realistici nei movimenti ma anche nella risposta ai proiettili a seconda della parte del corpo colpita, a patto di chiudere un occhio su qualche bug nella fisica delle esplosioni: ogni tanto, infatti, capita di vedere un corpo scagliato in aria in maniera irrealistica che poi va a compenetrarsi con i poligoni di alcuni elementi dello scenario. Stessa cosa, poi, capita con alcuni mezzi come le moto o i cavalli: vedere un cavallo con la testa incastrata nel lato di un edificio non è mai il massimo...

Ottima la gestione degli edifici e degli elementi dello scenario: gran parte della mappa può essere distrutta e la fisica realistica ci porta a dover temere, come giustamente dovrebbe essere, anche per il crollo di un tetto sulle nostre teste. Infine gli effetti particellari sono degni di nota, tra nebbia, riflessi, effetti di luce e polvere che contribuiscono ad avvicinare all'eccellenza questo titolo.

Ad ogni modo il bilancio generale è più che positivo, davvero su livelli di eccellenza anche considerando il già citato ottimo audio. La colonna sonora è epica e si adatta bene alla situazione e anche gli effetti si attestano su un livello superiore alla media: dal diverso rumore dei colpi, che permette all'orecchio allenato di distinguere le armi usate, ai rumori metallici del caricamento di un arma o di un cannone, senza dimenticarci del rombo dei motori di carri, moto e veicoli in generale

I difetti? Oltre ai già citati bug vanno segnalati i tempi di caricamento, eccessivi rispetto alla media, specie per un titolo multiplayer. Inoltre qualche problema va segnalato nella gestione dei colpi, con situazioni che più di una volta vi lasceranno un dubbio (a prescindere dalla capacità del giocatore) e una gestione del corpo a corpo da rivedere per quanto riguarda la portata delle armi. Infine va segnalata un'intelligenza artificiale non eccelsa nella campagna in giocatore singolo: a difficile la sfida è sicuramente impegnativa ma le difficoltà più basse mostrano alcuni difetti con nemici poco attivi e talvolta "imbambolati".

Tirando le somme, Battlefield 1 è sicuramente un ottimo prodotto, un gioco coinvolgente e divertente che pecca solo in alcuni punti, la maggior parte dei quali potranno essere risolti con un aggiornamento. Già dal day one, comunque, l'ottimo lavoro di Dice ha dato i suoi frutti, riuscendo a riprendersi rispetto a prodotti meno ispirati come Hardline e Battlefield 4, proponendo un'ambientazione suggestiva e scegliendo la via dell'innovazione incrementale grazie a piccole novità di gameplay come la possibilità di sporgersi dalle coperture o quella di riparare i mezzi dall'interno del veicolo.

  • GAMEPLAY 8.5
  • TECNICA 9
  • LONGEVITA' 9
  • MULTIPLAYER 9
  • GLOBALE 9

Versione provata: Xbox One

Campagna cinematografica e magistrale nella narrazione...Tecnica vicina all'eccellenzaMultiplayer epico con le Operazioni
...anche se finisce troppo in frettaqualche bug di compenetrazione
Il compatto che non vuole arrendersi dalle ottime caratteristiche? Sony Xperia Z3 Compact, in offerta oggi da puntocomshop a 289 euro oppure da Amazon a 415 euro.

33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
John Patrick Rocco

Troppo troppo corto soldi spesi male

alfri

a volte è troppo veloce per me.pero è divertente.

ric

come reattività com'è?è veloce?

ric

ero incerto se prenderlo ma a quanto pare ho fatto bene a rischiare...anch'io ho una 1070 ma gioco a1080p con un benq a 144hz...sarà uno spettacolo allora

romeop

E' migliore anche di BF BC2 che per chi ci ha giocato rimaneva al top, ma questo è veramente il migliore!

Per un paio d'anni come fps sono a posto!

Antonio

arrivato, (xbox one) fatto le prime 2 missioni della campagna, qualche partita multiplayer.... che dire, meraviglioso, coinvolgente. il multy con conquista e operazioni è affascinante. i cecchini mi sembrano un pò troppo forti, ma bilanceranno con aggiornamenti. lag pochi o niente con una 10 mega. l'unico neo sono i caricamenti lunghi, sento sempre l'hd che lavora! voto 9.5!

ric

bene ho finito ieri sera di installarlo sui miei due pc...uno con una 980ti e l'altro con una 1070...spero di passare almeno i 100 fps in ultra a 1080p...vengo da 300h di doom multiplayer speriamo che sia dvertente e veloce l'online non vedo l'ora di cominciare il massacro!!!

Albert

Ha il bootloader bloccato?

The Duke

Gioco dai tempi di Frogger su Vic 20.
Mai comprato un gioco al day one, ho fatto un eccezione per questo è non me ne sono pentito.
EPICO!
L unico difetto è che la mappa chiamata "Monte Grappa" in realtà non è ambientata sul Grappa ma sul "Sas de Strie" vicino a Cortina.
Diciamolo agli alpini che polemizzano.

CarbOne

Guarda che l'HDR lo supporta anche la PS4 normale, poi se basino tutti i futuri giochi su questa tecnologia non te lo so dire!

Luigi

supporta hdr su ps4 pro?

GianlucaA

quella in italia non è disponibile. In altri paesi UE però si

talme94

e la banda 14?

talme94

è senza olio di palma?

alfri

si,e ribadisco granitici.mi sta entusiasmando il multy.divertimento allo stato pure.

Ngamer

concordo con la recensione questa volta gli sviluppatori si sono superati ottima la campagna per coinvolgimento grazie all ottimo comparto grafico e audio e le storie dei soldati sui vari fronti di guerra. multiplayer divertente che non stanca. l unica cosa che tra i lati negativi tempi di caricamento , ho sentito altre persone lamentarsi per questo ma secondo me sono nettamente piu veloci di BF4 , sarà il mio ssd evo 850 ??? :P

alessandroasr4

Io ci sto giocando con una 1070 in fullhd a dettagli maxati ed un piacere ogni volta

kikko

ma un video ingame no?? devo andarmelo a vedere in altri siti??? boh

lucas87

stavolta hanno fatto un bel gioco, si sono impegnati molto e il risultato si vede! graficamente senza eguali

Solid92

Io trovo la modalità "storia davvero ben fatta e non stanca" in un gioco improntato sul multi player può anche durare poco basta che sia fatta bene, per esempio sono rimasto molto deluso per the order, nonostante sia spettacolare dopo quelle 5 ore lo puoi posare e dimenticare.

Solid92

Già su Xbox rende bene non oso immaginare su PC xD

Carburano

no sono minorenni

Torto

Presa una 1070 per il mio bel display 1440p giusto per quando è uscito. E' come guardare un film ogni volta che si gioca

Giacomo Berti

ha i ragazzi del '99, va bene lo stesso?

TheFluxter

E finalmente un po' d'aria fresca! Activision..segna e impara!

Gianluca Attanasio

Io lo sto giocando per pc con una 1080 in 4K puro spettacolo

ciro

Tra l'altro polemica inutile, c'è un articolo su tom ben fatto

SteveMcQueer

non vedo l'ora di giocarlo

GianlucaA

Ha la banda 15-18

GianlucaA

Bellissimo il siparietto che la lega è riuscita a creare anche contro questo gioco ritenuto sacrilego perchè ricrea combattimenti sul monte grappa. Secondo l'illustre Zaia ed alcuni alpini sarebbe vergognoso giocare un battaglia storica

ciro

No e neanche Jack :(

TheOnlyAlex™

C'è la variante deluxe per questo

Carburano

ha la banda 20?

Mario Kart 8 Deluxe: la nostra recensione

Wonder Boy The Dragon's Trap, la nostra recensione

Warhammer 40K - Dawn of War III: la nostra recensione

Mario Kart 8 Deluxe: anteprima su Switch