Eisenhorn: XENOS, su mobile il nuovo action game di Warhammer 40k

21 Novembre 2016 8

Negli ultimi giorni è arrivato sui dispositivi mobili Eisenhorn: XENOS, un nuovo gioco d'azione ambientato nel sempre più vasto universo di Warhammer 40.000, il gioco di guerra sci-fi di Games Workshop. Il titolo è un adattamento piuttosto fedele della variante per PC uscita qualche mese fa, a sua volta è ispirata a Xenos, il primo libro della trilogia Eisenhorn scritta da Dan Abnett.

Il nostro alter ego virtuale sarà appunto Gregor Eisenhorn, un inquisitore membro dell'Ordo Xenos, nato per proteggere l'Imperium dell'Umanità da qualsiasi minaccia. Si tratta di un picchiaduro d'azione in terza persona, per capirci, con inquadratura stile Devil May Cry, con componenti di combattimento basati sulle combo, esplorazione e soluzione di enigmi.



Il gioco vanta un comparto grafico piuttosto importante, almeno per i canoni del mobile, e sono quindi consigliati dispositivi di fascia alta. Eisenhorn: XENOS è disponibile sia per Android che per iOS, solo in formato "premium". Manca ogni forma di acquisto in-app. Ecco il teaser trailer e i link per il download:

L'iPhone più classico di sempre? Apple iPhone 6s è in offerta oggi su a 335 euro oppure da ePRICE a 565 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pistacchio

Ah ecco, ora è tutto più chiaro

Ikaro

Nel senso che paghi per scaricarlo per poi pagare ancora :)

Pistacchio

Ikaro

No proprio paytopay

Pistacchio

Trailer si sta ceppa, non fa vedere niente

Pistacchio

Paytowin vorrai dire

Peppe Dell'Aquila

Cavolo che grafica ! Siamo sulla strada giusta

Ikaro

Un Warhammer mobile non non paytopay????
https://uploads.disquscdn.com/...

Gamescom 2017: considerazioni sulla convention Microsoft. E voi cosa ne pensate? | Sondaggio

F1 2017: la nostra recensione su Xbox One

Uncharted: L'Eredità Perduta, la nostra recensione

Matterfall: la nostra recensione