The Last Guardian: la nostra recensione

19 Dicembre 2016 105

Dopo mille peripezie, promo perse dai corrieri e colpi di sfortuna vari, siamo finalmente pronti a dire la nostra al riguardo di The Last Guardian, avventura annunciata nel lontano 2007 e finalmente disponibile in tutti i negozi specializzati.

I videogiocatori che hanno amato ICO e Shadow of Colossus saranno sicuramente lieti di poter contare su questa opopea. Ma bando alle ciance e andiamo ad analizzare ogni singolo elemento di The Last Guardian.

TRAMA

Come in ICO e Shadow of Colossus, la trama non risulta assolutamente chiara ma sarà necessario avanzare nell'avventura per capire i motivi per il quale il nostro alter ego virtuale, un ragazzino senza nome, e una gigantesca bestia chiamata Trico, si ritrovino privi di sensi in una sorta di gigantesca cella. E' chiaro fin da subito che si tratta comunque di un flashback dato che la voce narrante parla di sé in prima persona e si chiede fin da subito cosa siano quegli strani segni presenti sulle braccia. La tonalità è di un uomo adulto, di conseguenza sappiamo che, in qualche modo, il ragazzino stesso è cresciuto e sta raccontando la storia che stiamo vivendo a qualcuno (o la sta ricordando). Evitiamo qualsiasi tipo di spoiler e vi lasciamo solamente alle nostre idee appuntate durante le prime fasi di gioco.

Dopo i primi momenti di smarrimento, sarà chiaro fin da subito che sarà possibile avanzare nel gioco solamente liberando Trico. I primi enigmi possono risultare semplici ma la sensazione di smarrimento vi porterà a chiedervi se quello che state facendo sia corretto o meno. A parte qualche indizio dato dalla voce narrante, l'avventura si basa sulla continua risoluzione di puzzle ambientali, di conseguenza il il gioco ci spingerà a spremere le meningi e capire come superare le diverse location.

Il ragazzino e Trico si troveranno quindi a collaborare, in modo da uscire da quella struttura completamente sconosciuta al giovane eroe. Inizialmente il rapporto tra i due non sarà tutto rose e fiori. Il giocatore dovrà guadagnare la fiducia di Trico per poter contare sul supporto massimo continuo della besta. The Last Guardian mette l'utente al comando solamente del piccolo uomo, di conseguenza sarà necessario convincere Trico a seguire i nostri comandi. Dovremo quindi sfamare il bestione, liberarlo dalle lance in caso di ferite durante le fasi di combattimento e soprattutto coccolarlo.

La bestia mitologica sembra infatti comportarsi alla stregua di un grosso felino. Le reazioni alle carezze sono simili a quelle dei gatti, come del resto i momenti in cui sta per spiccare un salto, calcolando di fatto la distanza nella classica posizione dei nostri amati animali di compagnia. In altri momenti sembra tirar fuori le movenze di un cagnolone, ad esempio nelle fasi in cui si gratta la schiena a terra o si rotola in una pozzanghera. Non possiamo negare di aver riscontrato anche alcune movenze classiche dei vari volatili. E' quindi impossibile non affezionarsi a Trico, soprattutto per chi ha da sempre animali che scorrazzano per casa: da quando ho iniziato a testare The Last Guardian continuo a chiamare Trico il mio gatto Spike.


GAMEPLAY

Come anticipato poco sopra, The Last Guardian è un adventure game in cui l'utente si troverà a passare da una location all'altra, a patto di risolvere gli enigmi ambientali proposti. Chi ha affrontato ICO si troverà fin da subito a proprio agio con i comandi proposti dagli sviluppatori. Il protagonista si troverà quindi a balzare da una piattaforma all'altra, tirare leve per aprire cancelli, usare i poteri del fulmine di Trico per indirizzare un obiettivo e molto altro ancora. Il giocatore dovrà esplorare le ambientazioni e trovare una via di fuga adatta per entrambi. E' bene sottolineare che gli enigmi proposti non saranno fin da subito semplici anzi, sarà necessario spremere le meningi e, in alcuni casi, effettuare il tutto anche con una certa rapidità. Trico vi verrà comunque incontro dato che capiterà di assistere a suoi suggerimenti e a quelli della voce narrante stess; difficilmente, comunque, la soluzione vi verrà posta su un piatto d'argento.

Durante l'avventura sarà necessario anche combattere contro alcune statue di pietra. O meglio lasciar combattere Trico dato che il nostro alter ego virtuale è completamente disarmato. Diversi enigmi potranno essere risolti solamente avvicinandosi a questi soldati in armatura che cercheranno di catturare il protagonista e fargli fare una brutta fine. L'utente dovrà correre da Trico e cercare di farsi difendere dal bestione, il quale non si tirerà certo indietro e darà sfogo alla sua rabbia sui nemici del momento. L'animale leggendario mostrerà tutto il suo terrore però di fronte a misteriosi specchi, caratterizzati dalla presenza di un occhio disegnato. Trico si bloccherà impaurito di fronte a questi apparentemente innocui pezzi di vetro, di conseguenza toccherà al giocatore eliminare il fastidioso ostacolo. 

Il tandem Trico-ragazzino funziona a meraviglia. Da un lato abbiamo un personaggio maestoso in grado di superare altezze incredibili e dare l'accesso al protagonista a zone altrimenti impossibili da raggiungere. Dall'altro abbiamo un piccoletto agile e scattante, in grado di esplorare luoghi angusti e assolutamente non accessibili a Trico. Il rapporto tra i due è in continua crescita. Ci saranno addirittura momenti commoventi in cui sarà davvero difficile non lasciarsi colpire dall'espressione preoccupata di Trico o da quella sensazione di dover riuscire  a fare qualcosa per il gigantesco bestione. The Last Guardian è in grado di colpire l'animo del giocatore e tenerlo vivo per tutta la durata del gioco, completabile in massimo una quindicina di ora, cifra buonissima per un'avventura del genere.

Ottimo inoltre il level design. Gli sviluppatori hanno dato fondo alla loro creatività e sono riusciti a proporre un'alternarsi di ambientazioni strette e anguste e all'aria aperta, sviluppate sia orizzontalmente che verticalmente. La soluzione dell'enigma corrente è sempre sotto i nostri occhi ma, spesso e volentieri, risulta complicato coglierla al volo, complice sicuramente quella sensazione di smarrimento continuo che caratterizza l'avventura in ogni suo singolo momento. 

The Last Guardian pecca senza dubbio durante la prima parte di gioco. Il ritmo risulta fin troppo lento e la videocamera di gioco si incastra spesso durante l'esplorazione dei luoghi chiusi, elementi che potrebbero far storcere il naso ai giocatori meno pazienti ma che comunque non vanno a inficiare la qualità globale dell'avventura.

Come facilmente prevedibile, in The Last Guardian sono presenti diverse citazioni legate a ICO e Shadow of Colossus. Salire in groppa a Trico significa godersi le stesse animazioni viste in Shadow of the Colossus, con la differenza che non sarà necessario tenere premuto il tasto per garantire una presa salda. Le movenze del ragazzo sono invece molto simili a quelle viste in ICO, ma il rapporto tra i due eroi è quasi paragonabile a quello di Wander e Agro. Ma siamo certi che molti di voi avranno notato diverse sfaccettature già viste nei sopra citati episodi.


TECNICA

E' palese che il motore grafico di The Last Guardian sia basato su una tecnologia a cavallo delle due generazioni ma il team di sviluppo ha saputo garantire un impatto visivo incredibile grazie a una direzione artistica di altissimo livello. Le ambientazioni esterne risultano maestose e in grado di infondere all'utente una sensazione di continua solitudine. Ottime anche le animazioni legate a Trico e al ragazzo, sempre perfette e mai colpevoli di torsioni impossibili. Impossibile inoltre non apprezzare le chicche visive legate ai movimenti delle piume di Trico ma al contempo è necessario sottolineare che l'interazione con l'ambiente è praticamente inesistente, come del resto le texture che non fanno assolutamente gridare al miracolo.

Abbiamo testato The Last Guardian su Playstation 4 Pro collegata a  un Sony Bravia XD85 4K HDR, segnale supportato dal gioco in maniera automatica. L'avventura non ha mai denotato alcun tipo di rallentamento, mantenendo di fatto granitici i 30fps dichiarati mentre l'HDR simula alla perfezione la gestione delle tonalità. Abbiamo riscontrato l'assenza di aliasing e un effetto motion blur fin troppo pesante. Su Playstation 4 abbiamo invece riscontrato alcuni cali di frame rate ma al contempo il risultato visivo risulta praticamente identico.

Ottimo il comparto audio. Creata dal maestro Takeshi Furukawa e suonata dall'orchestra filarmonica di Londra, la colonna sonora accompagna in maniera perfetta l'avventura dei due protagonisti, rendendo magico ogni singolo momento.


COMMENTO FINALE

The Last Guardian è senza dubbio il prodotto che tutti stavamo aspettando. Evocativo e in grado di conquistare l'utente grazie al rapporto tra Trico e il ragazzo senza nome, l'avventura è in grado di tenere il giocatore incollato allo schermo grazie alla presenza di puzzle che faranno spremere le meningi dei giocatori e soprattutto a un'ambientazione in grado di sprizzare verve da tutti i pori.

Purtroppo si nota fin da subito che il comparto tecnico risulta pensato per una generazione di console passata, di conseguenza diversi elementi visivi non sono curati come dovrebbero. La presenza di una telecamera incerta nei luoghi chiusi è qualcosa che ci ha davvero colpito in maniera negativa.

The Last Guardian è comunque una vera e propria esperienza videoludica in perfetta linea con ICO  e Shadow of Colossus, di conseguenza l'acquisto è sicuramente consigliato nonostante i difetti presenti: fastidiosi si ma sovrastati dagli altri aspetti del gioco.

  • GAMEPLAY 8
  • TECNICA 8
  • LONGEVITA' 8,5
  • MULTIPLAYER -
  • GLOBALE 8

Gameplay profondo e interessanteImpossibile non amare TricoEnigmi sempre curati
Elementi grafici non in linea con la tecnologia odiernaTelecamera poco convincente nei luoghi chiusi
Una scelta vincente sotto i 200€? Wiko Fever, compralo al miglior prezzo da Amazon a 158 euro.

105

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
card minator

Inanzi tutto io questo videogioco non l'ho pagato 70€ ma 19,99€ in offerta, mentre a prezzo pieno stava a 39,99€. Premetto che non l'ho giocato, infatti è ancora dentro il celofan, questo perché sto finendo ancora di giocare un altro game ovvero J-Stars Victory vs +, ma sono molto informato su questo gioco, leggendo ovviamente recensioni e guardando trailer e sinceramente non è affatto un brutto gioco. Ma anche se non dovesse piacere al gamer non è che deve insultare tutti i sui aspetti a 360°, perché ricorda una cosa Riccardo, che un gioco non è mai da buttare, perché è impossibile che faccia schifo in tutti gli aspetti possibili ed immaginabili, non puoi dire: grafica brutta, storia brutta, gameplay schifoso e così via, chi fa questo mi dispiace per me è, e qui mi aggrego a Corrado Centenaro un COGLIONE.

Corrado Centanaro

Non e' un VG paragonabile a nessun altro, e' poesia ed esperienza unica, chi parla di grafica , di frame al secondo , di telecamera ...meglio che vada a giocare a COD e lasci perdere sti commenti inopportuni . Ricordo che ai tempi di ICo e Shadow nessuno si lamentava di grafica ,telecamera o frame rate, ora invece e' diventato di moda parlare di queste cose , stiamo peggiorando e stiamop diventando piu' superficiali di una volta, bisogna guardare il contenuto non l'esteriorita' . Se amate cosi tanto l'esteriorita' giocate su PC con processori e schede video a bomba cosi' andrete a 60 fps e amerete i vostri pixel senza rompere le pelotas alla gente che cerca altro (cioe' la cosa piu' importante in un VG)

Corrado Centanaro

che coglione che sei

Giovanni Calice

Il problema infatti è che questo gioco ripercorre la stessa idea di base di icone e sotc, ma con limiti aggiuntivi dovuti al fatto che ci sono problematiche di rifinitura, che nel 2016 non so fino a che punto possano essere accettati...Per me che ho giocato quei titoli un po' lo accetto, ma per altri il problema è grosso.

Giovanni Calice

L'ho letta la recensione e ho commentato il voto che è immagino la summa di quello che hai scritto e posso dire che spendere 70 euro con quei limiti ( e tralascio che lo sto giocando ) per me è troppo perché quei limiti rendono poco giocabile un titolo altrimenti molto valido nel suo essere particolare e diverso da quello che di solito esce dai team interni Sony.

Giovanni Calice

Il punto non è la frenesia del gioco è la mancanza di "rifinitura" che il gioco ha e che si ripercuote su comandi, camera e situazioni che ne minano pesantemente la qualità finale.

Giovanni Calice

Ho letto la recensione, secondo me il voto finale rispecchia quello che hai scritto e visto i difetti abbastanza rilevanti che ha, che hai evidenziato è che sto vedendo da me, direi che è un voto molto alto.

Giovanni Calice

Hai ragione.

Giovanni Calice

Lo sto giocando...Ha limiti enormi.

Giovanni Calice

Per me il titolo è a malapena discreto.

Giovanni Calice

Hai ragione.

Giovanni Calice

Direi proprio di no.

Giovanni Calice

Ma commenti fai?

Edgar Oscar Alexander Urrutia

"La bestia mitologica sembra infatti comportarsi alla stregua di un mero rumor"

InterTriplete

Non ci fare caso Simo. Era una trappola per la sempre ottima moderazione di hdblog, che ha ignorato per tre giorni le segnalazioni sui post dei soliti repressi che sono andati a scrivere "che cagata di console" in tutte le notizie fake uscite nel weekend contro Nintendo. Volevo vedere che succedeva se lo scrivevo su un gioco sony, e ho avuto la dimostrazione che volevo. Vivono ormai solo di marquette pro sony e i click di quel genere di mentecatti... Inutile segnalare, basta saperlo, almeno non perdiamo più tempo ad aiutarli. La qualità del sito sta peggiorando a vista d'occhio, ma se a loro piace così, sono loro che ci perdono... ;)

Desmond Hume

non potevano farla un pò più coccolosa quella pantegana gigante?

Light

Le lamentele sul gameplay lasciano il tempo che trovano, quella era l'idea degli sviluppatori e quello è stato realizzato, se non piace a te cosa ti lamenti a fare, potevi tranquillamente non prenderlo. L'hanno presentato in modo diverso? No. Hanno mostrato qualcosa che non si è poi visto nel prodotto finale o hanno fatto pubblicità ingannevole? Nemmeno. Bastava un minimo di informazione per sapere a cosa si andava incontro (tolti i problemi tecnici che saranno sicuramente risolti con delle patch), per cui se non ti piace il gameplay in stile ICO o Shadow è inutile attaccare il gioco perché quello è e si sapeva benissimo.
Poi che piaccia o no è un tripla A, come ai tempi furono titoli di punta ICO e SOTC per cui non vedo perché avrebbero dovuto far passare questo come un'indie solo perché è un genere diventato inusuale ai nostri giorni. Se non ti sta bene il prezzo ribadisco, nessuno ti ha costretto a prenderlo al dayone. Se un gioco non mi convince a pieno, aspetto che scenda di prezzo e poi lo prendo, cosi non rischio eccessivi pentimenti.
Visto che mi citi Journey, se il suddetto gioco è un'indie a basso prezzo un motivo ci sarà e ha ben miseri elementi che giustificherebbero un ipotetico prezzo di 70 euro. Senza nulla togliere a Journey e altri indie ma TLG ha una direzione artistica strepitosa, un comparto audio di tutto rispetto e una profondità che molti altri giochi non hanno ma sono cose che non vengono sempre apprezzate (non mi riferisco a te perché non ti conosco ma conosco gente a cui potresti togliere l'intera soundtrack del gioco e non farebbe una piega, o che si cura solo di andare avanti senza calcolare minimamente l'ambiente di gioco e l'atmosfera creata intorno al giocatore). Per cui trovo lecito lamentarsi dei problemi tecnici, a maggior ragione nel caso in cui non vengano risolti. Ma lamentarsi della tipologia di gioco non lo trovo sensato con la mole di informazioni che gira in rete

alessandro bono

Concordo in pieno.

E aggiungo, odio davvero dover leggere che per alcuni chi non apprezza questo gioco sia un mentecatto, un bimbimxxx, un troglodita, o un casualone ( ma de che?)...

E si continui poi a tirare in ballo la "poesia" per zittire tutti.

Poesia in caxxo, scusate il turpiloquio!!

Ho provato a mettere softc su PC, perché volevo vedere davvero cosa offrisse quel genere di giochi e nulla, troppo noioso, OGGI quelle dinamiche, quelle impostazioni di gioco, quella "grafica" anche, sono passate.
La telecamera poi, i souls a confronto sono oro!
Se tlg ha mantenuto il tutto solo aggiornando la componente visiva, capisco le critiche.

E aggiungo, non che tutto debba essere veloce e confusionario, ma nel gioco ci vuole il poter giocare, con i mezzi di oggi direi, perché il gameplay ha un ruolo.

Anche a me piaceva la Giulia, quella della prima serie, ma ad oggi preferisco guidare quella nuova.

I tempi sono cambiati, le potenzialità sono cambiate nei giochi e noi stessi siamo oramai abituati a certi standard.

Sarebbe come se da oggi in avanti tutte le donne smettessero di depilarsi: ok una volta si usava così, bello u pilu e i baffi

Light

Tuo parere personale (altrettanto degno di rispetto)

Vincenzo

Ci ha provato ma chiaramente non sono riusciti nell'intendo...

Vincenzo

concordo, solo sui voti no...avrei dato molto di meno.

Vincenzo

Non è un gioco tripla A, è più un gioco di nicchia riuscito male secondo me...troppo lento, meccaniche del giocatore assurde ( cade da 30 metri nemmeno un graffio ), per salire sul mostro ci impiega un eternità etc...etc... come ho già detto gioco che appassiona solo una cerchia di videogiocatore, una cerchia molto strana.

SimoFirenze

almeno c'è qualcosa di diverso dai soliti giochi di corsa e sparatutto ;)

Vincenzo

Non c'è nessuna scusa, il gioco è lento e privo di emozioni...menomale che l'ho giocato facendomelo prestare da un amico altrimenti avrei davvero sclerato.

wic2

bè ma le esclusive imperdibili si contano sulle dita di una mano nel ciclo vitale. non mi aspetto più di questo.
giusto la ps1 ne aveva una marea, cosa che infatti ne ha decretato il successo mondiale. è anche vero che quella costava tipo uno stipendio ai tempi
Una ps4 o xb1 oggi te la compri con gli stessi soldi che spendi uscendo due sere in un week end e hai qualche esclusiva più un numero accettabile di altri giochi multipiatta.
non vedo motivo per hatare così a caso. Io ho praticamente tutto e sinceramente le console non mi hanno fatto rimpiangere i soldi che ci ho speso

wic2

la differenza secondo me sta nel fatto che se hai un palato la differenza tra un barolo monfortino e un tavernello la senti comunque.
Questo gioco anche giocato con una certa maturità da videogiocatore e con aspettative di un certo tipo non piace per forza, anzi.
Che non sia per tutti è evidente, di certo non è stato per me. e ho amato shadow e ico
Io però sono veramente curioso di capire quel "non è per tutti" e quei " non l'hai capito" dove stanno... in cosa consistono. Mi piacerebbe una argomentazione ampia di questo argomento perchè magari potrebbe farmelo riguardare sotto un altra luce.
Ho letto critiche anche fin troppo crudeli ma in qualche modo sempre giustificate, e poi tanti "non lo puoi capire" senza alcuna giustificazione.
E non prendere questo come un attacco personale, sono veramente voglioso di capire

Light

Quindi mi stai dicendo che ICO e SotC avresti potuto comprarli ad una miseria anche al momento dell'uscita? Non credo proprio, ORA li compri ad una miseria, non al day one. I prezzi dei giochi sono quelli attualmente, indipendentemente dal genere, non te l'ha detto il dottore di prenderlo al dayone visto che era in offerta a 40 l'altro ieri, per cui la tua frustrazione per la spesa, se il gioco non ti è piaciuto, è unicamente causa tua. Se non sapevi a cosa andavi incontro anche peggio. Il tuo discorso fa acqua da tutte le parti, non è che se ti piacciono i souls-like, vai a cercarti solo i primi due Dark Souls perché ora costano meno del terzo. Questa è la logica dei sequel, ossia mantenere la linea con i predecessori e questo è ciò che fa TLG, mantiene la stessa tipologia di gameplay dei primi due nonostante venga fuori adesso. Vuole essere la chiusura di un circolo, non un gioco d'azione come molti in giro sembravano aspettarsi

wic2

Beato chi, in questo gioco, ha avuto qualche mistica rivelazione sul significato della vita.
Io non l'ho capito evidentemente, nel mio piccolo quello che il gioco mi ha proposto proprio non è arrivato. e anche se ha avuto i suoi momenti per me oltre alla nostalgia non ha suscitato un granchè.
Mi aspettavo una diversa profondità da un gioco che non propone nient'altro, tecnicamente così così e il gameplay è SOLO in funzione della storia. mai una sfida vera
E va benissimo, ma diciamo che questa storia non mi arriva, non mi impressiona, non mi commuove e in generale non mi soddisfa.
Che non lo facciano nemmeno molti altri giochi non mi sembra una giustificazione per un gioco atteso 10 anni, vecchio di 15 e pagato come uno di oggi

k87

per me se la batte con Professor Layton a "pallosità"

wic2

bella risposta a tono solo perchè non concordo con il tuo parere illuminato.
Ho superato i 30 anni e giocato a oltre 3000 giochi, la maggior parte dei quali finiti, su innumerevoli console.
Non ho mai detto che deve essere uncharted o paragonato ad esso. per quanto mi riguarda uncharted è l'ennesimo gioco mediocre che eccelle solo nel comparto tecnico (per i canoni console)
Io dico che lo pago 70 euro e quindi non lo devo paragonare a indie da 20, da cui effettivamente posso pretendere giusto una storia accattivante o un intrattenimento diverso dal solito.
E il mio commento è principalmente relativo al prezzo, se lo pago 70 euro lo paragono ai giochi da 70 euro e questo per me non li vale come non li vale un cod, un uncharted o molti altri.
E comunque li compro tutti lo stesso

tulipanonero1990

Ma quanti anni hai?

tulipanonero1990

Ed infatti non si rivolge a te come target. Per le persone come te esistono moltissimi altri titoli, da quelli Crytek fino ai titoli sviluppati col Frostbite.

tulipanonero1990

Io sono a metà gioco, la camera ha dei problemi ma direi che se ne sta parlando decisamente troppo ingigantendo in maniera mastodontica la realtà...

tulipanonero1990

A posto, direi che sei pronto, apriti un tuo blog di recensioni.

tulipanonero1990

L'unico vero grande problema di questo gioco è che, a differenza dei predecessori, è finito nelle mani di troppi bambini nutellosi o peggio, di youtubers che dovrebbero limitarsi a fare le "challenge" su peggle. I lavori di questo studio non sono per tutti, così come non è per tutti un Barolo Monfortino, ed infatti esiste per questo il Tavernello.

manu1234

Pensavo anche io così, ma giusto per farti un esempio, nonostante abbia giocato il primo e il secondo innumerevoli volte anche di seguito, ma il tre mi passa la voglia dopo qualche ora che ci gioco e non lo tocco più

InterTriplete

Che cagata... certo che se uno compra ps4 per le esclusive, c'è da piangere... "La console più potente di sempre", per poi giocare questa m3rda... Pubblicità ingannevole e fan boy che fanno disinformazione... 4theplayers! XD

franco vinciguerra

appunto. Sabaku dice lo stesso pure per tlg.
E lo reputa inoltre un ottimo gioco perché è tale.
Vai a guardare i video su YouTube.

franco vinciguerra

ma proprio no. Guarda il metacritic e ti accorgerai che è andato benissimo

SketchT

Non è un titolo che può invecchiare. Il sistema di controllo è molto simile a ICO, quindi hai già questa "prova". Sul comparto tecnico c'è poco da dire dato che si tratta di una produzione praticamente mid-gen.

Sparda

Si vede che avete iniziate a giocare da poco. Continuate a fare titoli dove si spara a casaccio come i rincoglioniti senza usare la logica ed i neuroni. I veri giochi sono questi è non le merdate che vi propinano ogni anno.

SkynetIsHere

https://uploads.disquscdn.com/...

ste

Sinceramente non è il mio genere, e non è sicuramente per un pubblico vasto (altrimenti forse avremo potuto vedere più di 3 giochi di questo tipo in 10 anni), però è veramente coinvolgente, gli enigmi sono carini, però è davvero "lento" cioè le animazioni sembrano davvero fatte al rallentatore. Gioco pagato 55 euro e già rivenduto a 50. Potevano lanciarlo a 30/40 euro e probabilmente nessuno se ne sarebbe lamentato.
È un gioco particolare, per uno come me a cui non piace il genere gli darei un 6, ma posso capire che se a qualcuno è piaciuto possano dargli anche 8 e 9. A quanto pare qui sotto nei commenti nessuno sembra capirlo, a me per esempio fanno c@gare i race game tipo gt o forza, ma mica vado a dire che sono giochi da schifo

O_Marzo

Anche in gta IV quando lo crackavi

O_Marzo

Ma tu che ne sai a che gioco io? Il problema non è che non ti dice dove andare, il problema è che è senza logica. Per quale motivo se ho due pareti identiche una si rompe e l'altra no? Perché se un cagnone enorme passa su una colonna in bilico lo fa in punta di zampe se poi da li ci spicca un salto caricato? Perché il suddetto bestione deve frapporsi tra me e la telecamera? Perché la telecamera cerca di i di arti in tutti modi una direzione mentre tu guardi un'altra cosa se il gioco come dici non ti guida? Sono errori di progettazione e realizzazione! Non ci sono scuse se in 9ANNI non hanno risolto questo

manu1234

beh dovresti rigiocartelo fra 2 anni per poterlo dire, o sbaglio?

manu1234

infatti nei souls è frustrante quando la telecamera fa quello che vuole e lo dice pure sabaku

SketchT

Mmm per farti capire... Giocare oggi a Shadow of Colossus ad esempio dovrebbe darti le medesime sensazioni provate anni fa. The Last Guardian fa lo stesso. Buonissimo titolo in grado di appassionare senza limiti di "tempo"

manu1234

io gioco ai souls, halo, battlefield e altri giochi, ma questo ha deluso le attese, punto

SketchT

8 è un buon voto. Ma infatti il titolo è buono, non ottimo o superlativo.

Xenoblade Chronicles 2: la nostra anteprima

Yoshi per Nintendo Switch: la nostra anteprima

Rain World: la nostra recensione

Hunting Simulator: la nostra recensione