Sky Dancer, un endless runner mobile con un'atmosfera particolare

23 Gennaio 2017 0

Che gli endless runner siano uno dei generi più diffusi del settore mobile gaming non è certo una novità, né è innegabile che il mercato sia ormai saturato da ogni possibile variazione e sfumatura possibile e immaginabile. Sono ormai poche le possibilità di farsi notare per un nuovo titolo del filone; una delle soluzioni è innalzare il livello qualitativo in modo spettacolare.

Sky Dancer ci riesce. Un'ambientazione che ricorda mondi antichi e dimenticati fa da sfondo a un gameplay un po' diverso dal solito. Invece che correre e girare al momento giusto, il nostro protagonista è alle prese con salti impossibili in senso verticale da una piattaforma all'altra. Evitare di schiantarsi contro le rocce durante la caduta è ben più difficile di quanto sembri.



Minimalista e al tempo stesso di grande impatto visivo, grazie anche a un comparto sonoro molto coinvolgente, il gioco richiede tre tipologie di controllo: tap con due dita per il salto, tap a destra per spostarsi verso destra e tap a sinistra per spostarsi a sinistra. A disposizione abbiamo dieci diverse tipologie di personaggio da sbloccare, con la promessa che molti altri arriveranno in futuri aggiornamenti.

Il gioco è disponibile a livello globale sia su Android che su iOS da pochi giorni. Il download è gratuito, ma ci sono annunci pubblicitari e acquisti in-app opzionali. Ecco il trailer e i link per il download:

Il compatto che non vuole arrendersi dalle ottime caratteristiche? Sony Xperia Z3 Compact è in offerta oggi su a 296 euro oppure da Amazon a 360 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Injustice 2: la nostra recensione

Disgaea 5 Complete: la nostra recensione

Snake Pass: la nostra recensione sull'originale platform di Sumo Digital

What Remains of Edith Finch, la nostra recensione