Nacon Pro Revolution Controller PS4: la nostra recensione

24 Gennaio 2017 40

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Sony ha deciso di percorrere la strada intrapresa da Microsoft con il suo Pad Elite: gli utenti di Playstation 4 possono contare su ben due controller in grado di garantire buone performance in ambito gaming e sopratutto eSports.

Sony ha, infatti, commissionato a due aziende esterne esperte nel campo delle periferiche destinate al gaming, la realizzazione di ben due modelli di pad: il Raiju Gaming Controller di Razer e il Pro Controller di casa Nacon, il quale offre ottime caratteristiche e garantisce prestazione veramente alte.

CONTENUTO CONFEZIONE E ASPETTO ESTETICO

Un design accattivante ed una confezione elegante sono i primi due elementi che caratterizzano il controller di casa Nacon. Le dimensioni della periferica sono simili a quelle del Dualshock 4 ma il Revolution Pro Controller risulta più massiccio, caratterizzato da un'ergonomia che ricorda molto da vicino il pad Elite di casa Microsoft.

Rigorosamente di colore nero opaco con l'unica eccezione della finitura lucida della parte posteriore, il pad propone levette analogiche con un'ampiezza di 46°, poste in sono in posizione asimmetrica. Quella di sinistra ha la parte superiore concava e ci garantisce una maggiore presa del pollice sulla levetta mentre quella di destra è convessa, caratterizzata dalla presenza del logo Nacon e dal led sulla base che ci indica la modalità utilizzata.

Nella parte superiore, tra lo stick analogico e i tasti azione, troviamo il Touch Pad affiancato dai due tasti "Share" e "Options", mentre in basso a sinistra è posta l'immancabile croce direzionale a 8 direzioni.

Nella parte posteriore spiccano invece i quattro grilletti di dimensioni nettamente più generose rispetto a quelli presenti sul Dualshock 4. Sul retro, posizionati esattamente sull'incavo di entrambe le impugnature, troviamo invece due tasti aggiuntivi che, di fatto equivalgono a quattro, in quanto possono essere premuti da entrambe le estremità.

Il peso non si discosta particolarmente da quello del controller tradizionale di Sony ma, grazie alla presenza nella confezione delle tre coppie di pesi (10g, 14g, 17g) da inserire negli appositi spazi all'interno delle impugnature, possiamo personalizzare il peso del controller di Nacon al fine di adattarlo alle nostre esigenze.

All'interno della scatola troviamo il cavo, i pesi e la chiavetta per aprire gli spazi in cui inserirli. In aggiunta, oltre al libretto di istruzione e ad una serie di adesivi Nacon, troviamo un custodia in tessuto utile per il trasporto del nostro controller.


UTILIZZO E SOFTWARE

Il vantaggio del controller di Nacon è senza ombra di dubbio la possibilità di personalizzare vari aspetti della periferica tramite l'utilizzo del software. Per usufruire di tale possibilità è obbligatorio collegare la periferica al PC e scaricare il programma, reperibile al seguente LINK.

Il software, oltre ad essere semplice da utilizzare e in lingua Italiana, ricorda molto da vicino quello del controller Nacon GC-400ES e dona una gestione praticamente totale sulla periferica. Possiamo infatti intervenire su una serie di aspetti legati alla levetta analogica destra, settando la curva di risposta in base al tipo di movimento (piccolo, medio e grande) e il raggio della zona morta statica.

Si può settare anche la zona morta del trigger destro e di quello sinistro e in aggiunta si è in grado di riconfigurare ogni singolo tasto tramite la sezione dedicata alla mappatura. Impossibile inoltre non citare la possibilità di creare macro e assegnarle ad uno specifico tasto.

E' possibile salvare all'interno del controller fino a 4 profili personalizzati e, una volta collegato a Playstation 4, passare da un profilo all'altro è semplicissimo. Sul retro del pad troviamo infatti due pulsanti: "Mode" e "Profile". Quando il primo sarà impostato sulla modalità "Advanced (2)", il led intorno alla levetta destra si colorerà di rosso e tramite il tasto dedicato ai profili possiamo selezionarne uno: in base a quello scelto si illuminerà uno dei quattro led presenti sotto i tasti Share e Option. Il Nacon Pro Revolution Controller è comunque dotato anche di una modalità Classica caratterizzata da una configurazione identica a quella del Dualshock 4 che, se selezionata, colorerà in blu il LED dell'analogico destro.


I materiali utilizzati, forniti da Sony, sono di qualità eccellente e il rivestimento gommato e l'ergonomia sono elementi che permettono un'impugnatura praticamente perfetta: anche dopo molte ore di utilizzo il controller non è mai risultato scivoloso.

Le levette analogiche, oltre ad essere posizionate in modo asimmetrico, risultano più alte rispetto a quelle del Dualshock 4, aspetto da non sottovalutare in quanto tale caratteristica garantisce una maggiore precisione sopratutto in ambito Shooter.

Ottima la scelta di aumentare le dimensioni di L1 e R1, rispetto a quelle del controller tradizionale di Sony così da migliorare notevolmente l'impugnatura. Poche differenze invece nei grilletti, la loro corsa risulta praticamente identica a quella del Dualshock 4 con l'unica eccezione data dalla molla interna più dura.

E' inutile girarci intorno: il Nacon Pro Revolution Controller, utilizzato su giochi come Call of Duty, Battlefield 1 e Titanfall 2, riesce realmente ad offrire prestazioni superiori rispetto a quelle offerte dal tradizione controller di Playstation 4. La posizione, la struttura e l'altezza delle levette analogiche permettono una precisione assoluta, in aggiunta i due tasti extra presenti sul retro del controller sono sistemati in una posizione ottimale.

Negli altri generi, il controller di casa Nacon funziona abbastanza bene tuttavia non abbiamo riscontrato miglioramenti eclatanti, fatta eccezione per i giochi di combattimento. La croce direzionale, su Street Fighter V ad esempio, svolge il suo lavoro in modo ottimale anche se le differenze con quella presente sul Dualshock 4 non risultano abissali. Tuttavia la possibilità di creare macro e di poter mappare ogni singolo tasto garantisce prestazioni superiori.

Abbiamo testato il controller anche su un racing game ( F1 2016) e, nonostante la corsa dei grilletti, abbiamo notato una maggiore sensibilità grazie alla struttura della molla interna che garantisce una precisione superiore a quella del Dulashock 4.

E' importante sottolineare che il Pro Revolution Controller non è dotato della tecnologia wireless e alcuni videogiocatori potrebbero non apprezzare tale scelta: il pad è stato progettato principalmente per gli eSport e, in campo competitivo, una periferica cablata garantisce un segnale di risposta praticamente impeccabile.


CONCLUSIONI

Il Nacon Pro Revolution Controller è un ottimo pad sia dal punto di vista estetico e dei materiali utilizzati che in ambito funzioni. E' un'eccellente alternativa al Dualshock 4, sopratutto per quei giocatori che desiderano una periferica completamente personalizzabile.

Settando i vari parametri, all'interno del software, si riescono ad ottenere risultati assolutamente soddisfacenti in termini di precisione e velocità d'azione. In ambito shooter le differenze con il Dualshock 4 sono eclatanti tuttavia, dopo aver testato il controller anche con altri generi, possiamo comunque affermare che il pad riesce a migliorare l'esperienza.

Abbiamo particolarmente apprezzato la decisione di non riproporre, come accade invece nel controller di Razer, il posizionamento classico delle levette analogiche: Nacon ha infatti optato per una posizione asimmetrica. Eccellente inoltre la scelta di inserire i due tasti extra esattamente nell'incavo di entrambe le impugnature: tale caratteristica permette di raggiungerli e di utilizzarli senza difficoltà in modo assolutamente naturale.

I difetti della periferica di casa Nacon sono veramente pochi e tra questi segnaliamo un sistema di gestione macro molto basilare che poteva essere ulteriormente ampliato. In aggiunta la decisione di non dotare il pad della tecnologia wireless potrebbe essere un aspetto non particolarmente apprezzato da alcuni videogiocatori.

E' bene inoltre sottolineare che, nonostante per configurare il controller sia necessario collegarlo al PC, il pad non può essere utilizzato sui nostri Personal Computer, almeno per il momento.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Tiger Shop a 705 euro oppure da Amazon a 792 euro.

40

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
NihilGuru

Ahahah mani da femminuccia

NihilGuru

I pesi sulle levette analogiche???
I pesi vanno messi negli appositi vani...
I vani sono all'estremità dell'impugnatura. C'è una fessura...

Aldo Lorusso

Come ti trovi adesso? Che sarei interessato e io gioco a rainbow six siege

Antonio Gallo

vorrei sapere una cosa sto impazzendo nel capire come si fanno a mettere i pesetti sulle levette analogiche me lo sapete dire??

alfri

per me l'unica limitazione è che non va sul pc.dopo troppi pad.troppi cambiamenti.

danitkd93

Ma esistono joystick wireless per ps4 non originali decenti?

Giammy

Mouse e tastiera!
GLORIOUS PC MASTER RACE!

Giammy

Non mi sembra abbia molto senso sto paragone

RESET!™

Come tutti i controller non prodotti da Sony o Microsoft nel caso di Xbox.

Raiden

Io mi trovo molto meglio con quello asimmetrico, questione di gusti, abitudine e anche genere di gioco

William

....e ha....il filo

Angelo Cottone

(non ho avuto mai un xbox, solo play) concordo, all inizio é stato imbarazzante giocare, ma é questione di abitudine, in 1 giorno mi é iniziati a venire naturare usarlo, anche se con qualche incertezza, tra 1 settimana o mese inizieranno i progressi !, ovviamente ogniuno ha le sue preferenze

Giovanni Zappalà

comprato 110€ e rivenduto a 90€.....con tutto che vengo dall'Xbox non mi sono trovato per niente bene...e ho fatto salti mortali per prenderlo...mi sto abituando al pad originale della Play...e sono passato principalmente alla Play 4 perché mi ero cullato che mi sarei trovato bene con questo pad...

il Gorilla con gli Occhiali

Ho avuto Xbox 360 in passato ma non sono riuscito a tenerla per più di una settimana lol

Angelo Cottone

2 giorni fa uffi!! xD

Angelo Cottone

si vede che non lhai provato, io lo uso da ieri ed é comodissimo<.<

FedeC6603Z

30k il box
poi ti lascio scegliere tra swift '13 da 12k o gran scenic '05 da 25k
solo insieme superano il box

ps- il box è normale, circa 2,5 x 5/6 m

micheal_knight

È dialetto credo XD

Desmond Hume

beh dipende dove abiti e soprattutto di quale auto si tratta. Il mese ne ho comprato uno da 25 mq a 11mila euro. Ci prendi si e no una panda km0...

micheal_knight

È una questione di abitudine, io la penso come te , ma chi è abituato al oad xbox non ai trova affatto bene con il ds4 , se volete in alternativa economica questo pad, c'è il gator claw che è un pad con filo e gli analogici asimmatrici.

FedeC6603Z

i box da me costano più delle auto

Desmond Hume

Tra un po' costa più il controller della console. Ste robe mi fanno ridere...

-Simone-

100€ e passa.
E io che trovo costoso il Dualshock 4...

stefano sicorello

I pro Controller c'erano già prima che lo
lanciasse MS, semplicemente ora sono diventate delle periferiche ufficiali.

Luca

ma la scomodità degli analogici asimmetrici? 1000volte meglio il DS4

il Gorilla con gli Occhiali

No sense. Sembra di avere il controller di Xbox a dir poco orribile, ti sloghi le dita con quegli analogici e dimensioni!

AlphAtomix

Niente, si tengono sia questo che l'altro di razer. A me interessa la corsa dei trigger ma su questo è la stessa, sul razer addirittura è diminuita.

Simone

Sta volta è andata meglio Xbox per me (senza considerare che l'idea è loro).

lowrider82

Esatto! Io ho un razer mamba per il pc, e da wired a wireless mode non si sente nessuna differenza a meno che uno nn sia un cyborg!

Che migliorino le tecnologie. Io nn daro mai cosi tanti soldi per una cacata cablata

Matteo Saporiti

Considerando che i mouse logitech wireless, da test, aggiungono 1ms di lag, e a fronte dei 30 e passa ms di lag che normalmente ha la tv che si ha in salotto l'idea stessa di giocare con un pad non wireless non mi sfiora nemmeno il cervello.
Se spendo più di 100€ voglio anche il funzionamento wireless e la compatibilità con il PC, così è un prodotto troppo di nicchia.

lowrider82

Si intendevo che la cambiassero. Ormai sono 1000 anni che stiamo coi soliti 2.4ghz/bluetooth.

asd555

"Che perfezionino la tecnologia per farli funzionare bene wireless", si vede che non sai proprio di cosa stiamo parlando.
Purtroppo il funzionamento delle frequenze radio bluetooth è sempre quella di 2,4 Ghz, e sempre quella sarà.

https ://en .wikipedia .org/wiki/List_of_2.4_GHz_radio_use

Buona lettura!

Giova91

Avanti ieri è oggi...
Indietro ieri

lowrider82

se nn fanno una versione wireless io nn compro nessuno dei due. Ho capito..latency piu alta....esticaxxi....che perfezionino la tecnologia per farli funzionare bene wireless.

Angelo Cottone

comprato avanti ieri, utilizzato su cod infinite warfare.. costruzione ottima, comoditá perfetta, precisione massima e tasti pogrammabili.... una meraviglia non ho mai inpugnato joypad da pc o xbox, ma rispetto al ds4 é meraviglioso, lo consiglo

Fabio Biffo

Bellissimo, ma sinceramente con analog e dpad invertiti sul lato sinistro non lo riuscirei mai ad usare

ghost

Ti sei perso poco si sono sbrodolati sui materiali e sull'equilibrio generale del pad. Costa sui 109 euro, serve un software per pc e non va su pc. Anche se funzionasse non converrebbe per px visto che un controller di pari qualità ti costa sui 90€

Simone

Ho dato una letta veloce, si sa il prezzo? Non l'ho visto.

ghost

In pratica hanno portato i controller da PC su console

Simone

Bella scopiazzata uscita un po' male, ora che esce il nuovo Xbox Controller Elite... Comunque già che ha il cavo:(
È poi non mi piacciono alcune cose(rispetto all'Elite.)
Però ben venga, più competizione

Total War - Warhammer II: la nostra recensione

FIFA 18: la nostra recensione

Forza Motorsport 7: la nostra recensione

Genomia: l'indie che stupisce la Milan Games Week 2017