Thimbleweed Park: i voti della stampa internazionale

31 Marzo 2017 16

I fan del genere punta e clicca si saranno certamente accorti della presenza di Thimbleweed Park su Steam. L'ultima fatica di Ron Gilbert, creatore di brand come The Secret of Monkey Island, è stata particolarmente apprezzata dalla stampa internazionale, epopea che ha saputo strappare addirittura un paio di perfect score.

Riportiamo di seguito l'elenco dei giudizi.

  • Adventure Gamers - 100
  • DarkStation - 100
  • Destructoid - 90
  • Digitally Downloaded - 80
  • DualShockers - 80
  • Game Informer - 85
  • Gameblog.fr - 90
  • Gamespot - 70
  • GameSpot - 80
  • GameWatcher - 90
  • IGN.com - 85
  • Meristation - 90
  • Metro GameCentral - 80
  • PC Gamer - 84
  • PC Games - 77
  • PC World - 90
  • Polygon - 80
  • Ragequit.gr - 96
  • USgamer - 80
  • Vandal Online - 87
  • VideoGamer - 80

Leggendo le varie recensioni è emerso che i punti di forza di Thimbleweed Park sono lo stile grafico e soprattutto la sceneggiatura di altissimo livello. Le critiche maggiori sono state invece associate a una struttura fin troppo aperta e alla complessità di alcuni puzzle.

Siamo comunque di fronte a un prodotto adatto agli appassionati del genere e soprattutto a chi ha amato le storiche avventure grafiche, in voga durante gli anni'90 e tornate in auge grazie a diversi prodotti marchiati TellTale.

Modularità è la vostra meta? LG G5, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 299 euro oppure da Amazon a 516 euro.

16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Elias Koch

si, ma quando gioco ai remake di monkey island (che a mio avviso mantengono intatta l'atmosfera), mi dispiaccio di non poter immaginare i dettagli a mio piacimento e di averli li, decisi da qualcun'altro. Stesso parallelo tra film e libro

greatteacher

idem e le ho giocate più o meno tutte, fino alle più recenti tipo broken sword 5, the wardrobe, deponia, machinarium ecc.
Chiaro che stiamo parlando di avventure puramente in stile Lucas però quello che dico è che oggi (al contrario di una volta) ci sono mezzi per creare ambientazioni meravigliose e nuove senza per forza usare la pixel art.

Elias Koch

io sono nato e cresciuto con le prime 640x480.
Oggi le rigioco con scummVM e il motore gestisce tutti i giochi (anche BS e simili) fino all'avvento del 3d (Grim Fandango), quindi anche MI3 (come comicitá é imbattibile, ma le atmosfere originali sono andate perse)

greatteacher

Non è detto, di avventure grafiche ce ne sono state molte, sia in pixel art che no. Sicuramente le vecchie della Lucas erano così anche per questione di limiti tecnici e tipo di sviluppo (scumm).
Fuori dal coro per esempio c'è MI3, che secondo me a livello artistico è stupendo.
Poi degustibus

Matteo Silvestro

La pixel art, in questo caso, è una scelta estetica. Inoltre, rimanda all'epoca delle avventure grafiche della LucasArts, rafforzando anche l'idea di appartenenza ai giochi punta-e-clicca del passato.
20€ sono troppi? E quanto sarebbe dovuto costare? Creare un gioco è un lavoraccio e, anche se può non sembrare, una grafica in pixel art è spesso molto più complessa e costosa da realizzare rispetto ad altre grafiche 2D, da cui anche la scelta estetica.

gaelom

Ni no no no no

gaelom

Avrei preferito lo stile di monkey 2

marco

Carino, ma non lo potevano fare in grafica stile Deponia o Monkey Island special edition?
Mah........
Non ho capito perchè a oggi si continui nel fare avventure in pixel art mah.....

#JMS

Giocato 1 ora oggi senza pregiudizi. Un bel gioco, diverso dal solito. Ogni tanto fa piacere cambiare aria dai cloni degli ultimi anni. Fatto bene, dialoghi divertenti. Non ho trovato ancora in nessuna recensione che dichiara una longevità prossimativa. Gira su qualsiasi pc. Esce su Tablet?

Simone Dalmonte

alla complessità di alcuni puzzle...mi piacerebbe sapere l'età dei recensori in oggetto...se solo avessero giocato mai un'avventura grafica del tipo negli anni 80-90.....

Pito

Se stava sulla grafica di monkey island 3 avrebbe spaccato

Elias Koch

"il piccolo oggetto di poco valore" in MI1 non sarebbe mai stato
risolvibile (se non a casaccio) in lingua italiana, in quel caso si
sarebbe parlato di illogicitá del puzzle (solo per problemi di
traduzione). Vediamo se questi sono illogici, di solito ho trovato i
puzzle della lucasfilm (rip.) sempre abbastanza raggiungibili.

Elias Koch

eehh magari non cogli il rimando diretto agli storici giochi scumm. Un gioco simile per quanto mi riguarda non puó avere nessun'altra grafica.

greatteacher

Per quanto ami la pixel art trovo che abbia un po' stufato.
Lo stile imho più godibile è quello cartoonoso in stile "the wardrobe"che ho trovato fantastico.

FuckingIdUser

Complessità è un modo romantico per intendere l'artificiosa difficoltà conseguente alla ILLOGICITà di alcuni puzzle. Niente di scandaloso. Solito Gilbert.

Antsm90

La complessità di alcuni puzzle la inserirei decisamente nei punti di forza visto il genere

Dragon Ball FighterZ: la nostra anteprima

All-Star Fruit Racing: la nostra recensione

PES 2018 Single Player: la nostra recensione

Redout: la nostra recensione