Yo-Kai Watch 2: Polpanime & Spiritrossi, la nostra recensione

14 Aprile 2017 2

E' passato un anno dall'avvento di Yo-Kai Watch, trasposizione videoludica di un marchio particolarmente risonante tra i ragazzi in Giappone. Seguendo la scia dei Pokemon, il brand ha saputo convincere un numero elevato di utenti grazie alla presenza non solamente di un anime accattivante, ma anche di film, videogiochi, app per smartphone, statuette collezionabili, capi di abbigliamento e molto altro ancora.

Il fenomeno Yo-Kai Watch sta sbarcando anche nel nostro Bel Paese. Yo-Kai Watch 2: Spiritrossi e Yo-Kai Watch 2: Polpanime sono disponibili in tutti i negozi specializzati, coppia di avventure affrontabili esclusivamente su 3DS. Andiamo quindi ad analizzare i diversi elementi presenti in questa nuova fatica di Level-5.

TRAMA

Con Yo-Kay Watch 2 si riparte praticamente da zero. Il protagonista della serie animata, Nate, è ovviamente l'eroe di turno, il quale, poco dopo gli eventi del primo episodio, è vittima di uno sfortunato incidente, perdendo di fatto tutti i suoi ricordi e il suo fido Yo-Kai Watch. Lo stratagemma narrativo si rivela particolarmente utile soprattutto per chi non ha dimestichezza con il marchio, soluzione forse non proprio ispirata, ma comunque funzionale.

Dopo pochi istanti, Nate si troverà nei pressi di una macchinetta e deciderà di dar fondo alla propria paghetta acquistando uno Yo-Kai Watch. Come nel primo episodio, il tutorial parte proprio da questo momento, il tutto grazie alla presenza di Whisper, fantasmino maggiordomo in grado di guidare Nate attraverso la sua avventura. Farà capolino anche Jibanyan e di seguito i vari ricordi, il tutto sotto forma di spiegazioni interattive allo scopo di mostrare al giocatore il sistema di controllo.

La longevità di gioco è garantita non solamente dai nuovi elementi introdotti dagli sviluppatori, ma anche dalla presenza di missioni principali, subquest, attività extra e soprattutto dalla presenza di un numero incredibilmente elevato di Yokai da catturare, pari a 448 mostri differenti. Come nella serie Pokemon, Yo-Kai Watch 2: Polpanime & Spiritrossi è una coppia di avventure differenziate dalla presenza di cinque Yo-Kai Esclusivi per ognuna, il tutto condito da un'esperienza multiplayer differente a seconda dal titolo scelto.

GAMEPLAY

L'avventura di Nate ha inizio proprio dal momento in cui il protagonista mette le mani sul nuovo orologio. Il giocatore si troverà a esplorare una mappa che si aprirà man mano con lo scorrere delle missioni. Portando a termine determinate quest verrà sbloccata la possibilità di sfruttare il sistema di trasporti pubblici presente nel gioco. Inoltre, durante l'epopea si potrà contare presto sugli specchi magici Hirapo, in grado di teletrasportare Nate nei vari luoghi visitati in precedenza. Le location proposte vanno da città moderne a urbanizzate ad ambientazioni più rurali, come Harrisville, zona particolarmente importante in cui sarà possibile trovare la nonna di Nate. Per arricchire il tutto, gli sviluppatori hanno inserito diverse attività secondarie, le quali vanno dal risolvere indovinelli a scovare passaggi segreti, attraversare varchi per accedere a un mondo parallelo e molto altro ancora. Le subquest vanno dalla ricerca di determinati oggetti alla sconfitta di boss, passando per semplici momenti esplorativi e altro, il tutto condito dall'interessantissima Blasters Mode, la quale permette al giocatore di vestire i panni di uno Yo-Kai e lasciarsi andare in momenti di lotta contro altri Yo-Kai, ottima da sfruttare in multiplayer.

Sono presenti anche gli specchi Miradox, speciali portali in grado di far viaggiare nel tempo l'eroe di turno, accompagnandolo fino agli anni'60, aspetto fondamentale dato che porterà Nate a conquistare lo Yo-Kai Watch Zero, dispositivo in grado di introdurre alcune importanti modifiche al combat system.

In primis viene sbloccata la M-Skill, abilità in grado di utilizzare la Soultimate su un solo Yo-Kai e ripiegare così su un attacco molto potente, a patto però di spendere alcune unità legate alla barra di energia vitale, sia del mostro selezionato che dei compagni di squadra schierati a fianco. La mossa è senza dubbio rischiosa dato che, se lanciata al momento sbagliato, la probabilità di rimanere senza energia per alcuni turni è tutt'altro che remota. Al contempo però, ripiegare sulla M-Skill può trasformarsi nel chiudere uno scontro in maniera particolarmente veloce oppure ribaltare le sorti dell'incontro.

Il secondo elemento è il Poke, attivabile tramite lo stilo del 3DS e in grado di interagire con i personaggi sullo schermo, sia alleati che nemici. E' quindi possibile dare una vera e propria scossa di vigore alla propria fazione oppure analizzare i punti deboli dei nemici. Gli sviluppatori hanno aggiunto anche la funzione Bersaglio, sfruttabile in modo da lanciare il cibo agli Yo-Kai e soprattutto in grado di rendere molto più semplice la gestione dei gusti dei mostri stessi.

Il sistema di controllo rimane comunque immutato. Tramite il comodo radar è possibile scovare i vari Yo-Kai e sfidarli in battaglia. E' necessario ricordare che i mostriciattoli non possono essere collezionati come nella serie Pokemon, quindi battuti e fatti propri, ma sarà necessario farseli amici per poter poi contare su di loro una volta schierati nel campo di battaglia. Capiterà infatti, in caso di un legame non proprio saldo, di assistere a momenti in cui l'alleato non abbia alcuna intenzione di combattere, rimanendo a oziare per alcuni turni. Il giocatore dovrà tenere inoltre conto degli skill stessi degli Yo-Kai e sfruttarli a dovere, se in attacco o in difesa, o farli dedicare alla cura degli alleati stessi. Capiterà spesso e volentieri che, sconfiggendo un nemico, l'antagonista del momento stesso chieda a Nate di poter entrare nel party, aspetto che può essere reso più semplice se si decide di nutrire lo Yo-Kai con il proprio cibo preferito. Se da un lato, la soluzione dell'arruolamento risulta interessante, dall'altro rischia di stancare dopo la prima decina di ore di gioco a causa di una certa macchinosità del sistema scelto.

MULTIPLAYER

Come anticipato poco sopra, la Blasters Mode trasforma il giocatore in uno Yo-Kai e lo lancia in una serie di combattimenti action contro altri mostri. La sessione è affrontabile in coop per un massimo di quattro persone, il tutto con scopo finale di farsi largo tra le maglie nemiche e raggiungere il cattivo di fine livello da eliminare. E' bene sottolineare che sarà necessario mettere in campo una buona dose di strategia durante la scelta degli Yo-Kai, in modo da proporre un team equilibrato.

Spiritrossi e Polpanime non sono solamente i nomi dei due titoli, ma anche le fazioni presenti nell'avventura stessa. Acquistando una o l'altra avventura si stringerà una "collaborazione" con lo schieramento preposto, il quale ha come obiettivo quello di diventare il miglior negozio di ciambelle in città. L'avventura viene quindi arricchita con una vera e propria sfida tra fazioni, con il risultato di far guadagnare punti al proprio team in caso di vittoria. Inoltre, i videogiocatori potranno scambiarsi le medaglie in maniera da completare la propria collezione.

TECNICA

Ottimo il comparto tecnico. Level-5 ha saputo proporre un'avventura caratterizzata da un motore grafico in grado di proporre texture rifinite, modelli poligonali convincenti e uno stile cartoon davvero unico. La mappa è fitta di dettagli visivi e l'impatto in generale è senza dubbio ispirato. La presenza poi di scene non interattive prese direttamente dal cartone animato e il doppiaggio in italiano sono chicche in grado di far grande questa ispirata epopea.

COMMENTO FINALE

Yo-Kai Watch 2: Polpanime & Spiritrossi è una coppia di avventure molto interessante. I miglioramenti inseriti rispetto al capitolo precedente si fanno apprezzare fin da subito, il tutto condito dalla presenza di una longevità particolarmente elevata e da un comparto tecnico convincente. Il target è chiaramente dedicato a un pubblico giovane, di conseguenza i videogiocatori più navigati potrebbero trovare relativamente semplice l'intera esperienza, ma la presenza di un numero di attività davvero elevato faranno presto dimenticare il livello di sfida non proprio alto.

  • GAMEPLAY 8,5
  • TECNICA 9
  • LONGEVITA' 9
  • MULTIPLAYER 8,5
  • GLOBALE 9

GIOCO TESTATO SU NEW 3DS XL

Il più piccolo e potente iPhone di sempre? Apple iPhone SE, compralo al miglior prezzo da Euronics a 299 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giulk since 71'

Bella recensione, brutto invece che ho preordinato entrambi e non ho il tempo di giocarci xD

Matteo795

SATANAAAAAAAA

Dragon Ball FighterZ: la nostra anteprima

All-Star Fruit Racing: la nostra recensione

PES 2018 Single Player: la nostra recensione

Redout: la nostra recensione