Yooka-Laylee: la nostra recensione della versione Playstation 4

18 Aprile 2017 11

Dopo una campagna Kickstarter che ha ottenuto un ottimo successo, Yooka-Laylee è finalmente approdato sulle nostre console e l'obiettivo di Playtonic, team di sviluppo nato praticamente dalle ceneri di Rare, era abbastanza chiaro: il titolo doveva infatti essere l'erede spirituale del celebre Banjo-Kazooie.

L'idea era quella di riportare alle vecchie glorie il genere platform che, nel corso degli anni passati, aveva raggiunto un successo incredibile grazie a titoli degni di nota, tra cui l'indimenticabile Spyro e il già nominato Banjo-Kazooie.

Playtonic sarà riuscita a raggiungere l'ambizioso obiettivo ? Scopriamolo insieme con la nostra recensione.

I due simpatici protagonisti, Yooka e Laylee, si stanno riposando nel loro bellissimo giardino, ma qualcosa di terribilmente pericoloso sta per accadere. Il malvagio Capital B, insieme al suo seguace, ha infatti costruito una potente macchina in grado di aspirare tutti i libri del mondo. L'obiettivo del cattivo di turno, inizialmente, sembra un piano orchestrato per mettere le mani sul mercato editoriale e diventarne il leader indiscusso. La realtà, però, è completamente diversa.

Capital B vuole infatti conquistare il mondo e per raggiungere il suo obiettivo ha bisogno di uno speciale libro magico che si trova proprio nelle mani dei due simpatici protagonisti. La terrificante macchina, però, è stata ormai messa in azione e il libro sparisce. Yooka e Laylee non hanno quindi alternative e si mettono subito in viaggio per recuperare tutte le pagine del tomo magico sparse nei vari mondi di gioco.

Il comparto narrativo non è sicuramente epico e si basa su una storia semplice che ricorda in tutto e per tutto i platform di qualche anno fa.

GAMEPLAY

La progressione nell'universo di Yooka-Laylee non è lineare e nei vari mondi non esistono vincoli: siamo quindi in grado di esplorare i livelli di gioco nella più totale libertà come se ci trovassimo all'interno di piccoli open world. L'obiettivo principale in Yooka-Laylee è quello di reperire tutte le "Pagie" (pagine) del tomo magico sparse nei vari mondi. Le pagine ovviamente rivestono un ruolo centrale nel titolo di casa Playtonic. Dall'Hub centrale, le Torri d'Alveorio, possiamo accedere a nuovi mondi ed ampliare quelli già sbloccati con zone da esplorare, sfide e missioni, a patto di possedere il giusto numero di "Pagie".

Recuperare tutte le pagine però non sarà semplicissimo e alcune, anche se individuate all'interno del livello, non potranno essere immediatamente sbloccate ma sarà necessario rivisitare il mondo in seguito.

I nostri protagonisti possono saltare, compiere doppi salti, rotolare, nuotare, immergersi e ruotare su se stessi per annientare i nemici. Sono inoltre in grado di catturare farfalle utili per ripristinare salute e barra dell'energia. Tali azioni però non sono sufficienti per esplorare ogni angolo, caverna e anfratto dei mondi di gioco.

Yooka e Laylee, nel corso della loro avventura, impareranno nuove mosse e otterranno nuove abilità, non prima di aver raccolto un numero sufficiente di Piume, moneta di gioco che permette di fare acquisti presso un simpatico serpentello.

Si imparano quindi mosse più potenti per annientare i nemici che popolano i vari mondi e si apprendo anche abilità speciali, utili per risolvere sfide e per esplorare ogni angolo della location. Si potranno attivare piattaforme invisibili, saltare più in alto, librarsi in volo per qualche secondo, sparare frutti per bloccare meccanismi o per fare luce nelle tetre caverne e cosi via.

Ogni livello è completamente esplorabile, non ci sono percorsi prestabiliti e il gioco non indica un ordine preciso per sbloccare le pagine. Capita spesso di raggiungere una gabbia contenete la "Pagia" e di non essere in grado di ottenerla, perché magari non abbiamo ancora in nostro possesso l'abilità utile per sbloccarla.

All'interno dei vari livelli non c'è tempo di annoiarsi, le cose da fare, infatti, non mancano. I collezionabili da reperire sono molti, le sfide e le missioni, oltre ad essere ben strutturate, risultano anche abbastanza diversificate.

Incontreremo molti bizzarri personaggi: alcuni avranno bisogno del nostro aiuto e in cambio potranno donarci una pagina o sbloccare qualche meccanismo, altri invece vorranno semplicemente sfidarci magari in una gara di velocità e salire sul podio garantirà una nuova "Pagia". Qualcuno potrebbe inoltre invitarci a fare un giro a bordo di un simpatico carrellino da miniera parlante e recuperare gemme affrontando il percorso; è il primo passo per ottenere una nuova pagina.

Non manca inoltre la presenza di personaggi "fissi" che rincontreremo nei vari mondi: il simpatico serpentello è presente in tutti i livelli ed è sempre pronto a venderci qualche nuova abilità o mossa. Immancabile la venditrice di tonici che dona a Yooka e Laylee dei bonus speciali (attivabili uno alla volta) a patto di aver ottenuto determinati obiettivi. Un bizzarro coccodrillo inoltre, recuperando delle speciali monete, mette a disposizione i suoi cabinati con i quali affronteremo divertenti mini-giochi.

Il livello generale di difficoltà è abbastanza elevato, non aspettatevi quindi un platform creato per i più piccini. Recuperare piume, pagine e i vari collezionabili non sarà proprio un gioco da ragazzi ma richiederà tempo e abilità.

Il level design dei mondi di gioco è stato creato con l'idea di dare vita ad un gioco difficile e alcune volte anche frustrante, sopratutto durante gli scontri con i Boss che non saranno per nulla semplici. Spesso capiterà di cadere dalle piattaforme perché non abbiamo calcolato bene la misura del salto da compiere e quindi per raggiungere la tanto agognata pagina saremo obbligati a rifare tutta la strada, sperando di non compiere altri errori.

TECNICA

In un platform, il sistema di controllo e la telecamera sono due elementi fondamentali e, purtroppo, Yooka-Laylee in questi due aspetti non brilla. L'inquadratura in molte situazioni non funziona a dovere e quando si sposta in maniera autonoma non punta quasi mai l'obiettivo che interessa, costringendo a sistemarla manualmente. Il sistema di controllo dal canto suo non sempre è preciso e reattivo come dovrebbe.

I mondi di gioco sono vari e ben diversificati, sembrano dei piccoli open world tutti da esplorare con sfide, missioni, zone segrete, grotte, passaggi segreti e collezionabili da trovare.

Meno entusiasmante invece l'hub. Il livello risulta infatti confusionario e anche la ricerca dei tomi, che trovandoli e spendendo "Pagie" ci permettono di accedere ai mondi, non sempre è piacevole e spesso non si capisce esattamente cosa bisogna fare. Non esiste il teletrasporto che nel livello hub sarebbe stato molto gradito e avrebbe velocizzato gli spostamenti tra i vari libri già sbloccati.

Visivamente il titolo non delude, ma non risulta neppure eccellente: la qualità delle texture non è sicuramente la vera quintessenza del gioco e anche gli elementi delle location e alcuni personaggi potevano essere rifiniti e dettagliati maggiormente.

Ottima invece la colonna sonora con musiche e motivetti piacevoli da ascoltare. Personalmente invece abbiamo trovato fastidiosi i versi gutturali e indecifrabili che i personaggi usano per comunicare tra loro.

CONCLUSIONE

Yooka-Laylee presenta sicuramente alcuni difetti tuttavia Playtonic ha dato vita ad un titolo in grado realmente di inglobare tutte quelle meccaniche di gioco che hanno portato al successo il genere platform.

Il comparto narrativo è leggero, fresco ma non memorabile. Il gameplay diverte dona al giocatore totale libertà e i mondi di gioco sono simili a piccoli open world in cui le cose da fare non mancano. Una gestione più precisa delle telecamera e un sistema di controllo più performante, però, non avrebbero reso frustranti alcune sessioni di gioco.

Il livello di difficoltà non è da sottovalutare, Yooka-Laylee è un platform impegnativo ed esplorare tutti i mondi completandoli al 100%, ottenendo tutte le "Pagie", le piume , i collezionabili e sbloccando ogni tonico e abilità non sarà una passeggiata.

Nel complesso il titolo di casa Playtonic, anche con i suoi difetti, merita di essere giocato sopratutto da coloro che da anni aspettavano un platform degno del genere.

I mondi di gioco sono dei piccoli open wolrddivertente, ricco di collezionabili, sfide e missioni La longevità è garantita e il livello di sfida è assolutamente alto
L'inquadratura presenta alcune problematicheSistema di controllo non sempre preciso e reattivo come dovrebbeHub centrale poteva essere strutturato meglio
  • GAMEPLAY 8
  • TECNICA 6.5
  • LONGEVITA' 8
  • GLOBALE 7.5
Il massimo rapporto qualità/prezzo? Motorola Moto G5 è in offerta oggi su a 140 euro.

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Raw

Oggi lo scarico da steam per PC ovviamente, sparandomelo a 3440x1440 in ultra wide

Raw

Spyro non era niente di eccezionale a confronto con capolavori senza tempo come Banjo Kazooie , Mario 64 ecc
Questi ultimi due erano indimenticabili, non il draghetto che,avendo AVUTO ENTRAMBE LE CONSOLE, per me SCOMPARIVA a confronto con i platform Rare e Nintendo per N64.
Per PSX la saga platform che mi colpì di più fu quella di Crash Bandicoot ,cmq inferiore pure quella rispetto a quei due gioconi per N64...

Gianluca Attanasio

Io posso dire che lo sto giocando e mi piace tantissimo non sono d'accordo con la vostra recensione

Darkat

"Il livello generale di difficoltà è abbastanza elevato, non aspettatevi quindi un platform creato per i più piccini."
Ma cosa dite?1! Questa è la grafica da puffi, si vede, non è realistica, basta con questi giochi per bambini, basta questi giochi per Nintendo.
TROLL MODE OFF
Detto questo, di molti giochi sarebbe bello se li provaste su piu console perché secondo me la giocabilità con i diversi controller cambia molto, ad esempio questo diventerebbe molto più comodo con i joycon come un po' Snake pass

StriderWhite

e funghi allucinogeni no?

Patatoso_Morbidoso!!

Mitico amico ti rendi conto che stai scrivendo ad uno che si chiama Patatoso_Morbidoso??

Don Peridone

Ma quando ti guardi allo specchio non ti fai un po' pena sapendo che perdi tempo a scrivere putt@nate del genere su internet ? Che tralaltro non fanno nè ridere nè piangere nè pensare.
Boh, io al posto tuo valuterei le mie priorità

alessandro bono

D3stroyah

rareware avrebbe potuto dominare il mondo. Hanno danneggiato l'umanità sciogliendosi nei primi anni 2000. Dovrebbero essere fisicamente puniti, anche per le razzate stellari che stanno sparando tra i pirati di qualcosa e questo. Ho intervistato uno di loro di recente e ha fatto finta che non fosse successo niente, solite risposte diplomatiche appena si tocca "cosa è successo". Abbruttiti.

Sagitt

dove sono i fanatici che quando è uscito il giochino del serpente per switch erano li a dire che giochi del genere uscivano solo su quella consolle perchè per bambini :D?

Patatoso_Morbidoso!!

Stanchi di giocare agli ormai obsoleti giochi di guerra e alle solite simulazioni di Calcio giocato? Allora la nostra mitica community ha quello che fa per voi!! Yooka-Laylee è il mitico gioco dell'anno che ha riscosso successo dovunque nei Blog tecnologici di tutto il mondo con punteggi altissimi!! Ora mitici tutti nel PS store ad acquistare questo miracolo di progettazione videoludica!! Hip Hip Hurrà!!

Dragon's Dogma: Dark Arisen, la nostra recensione su PS4

Total War - Warhammer II: la nostra recensione

FIFA 18: la nostra recensione

Forza Motorsport 7: la nostra recensione