Prey: un video dedicato alla stazione spaziale Talos I

19 Aprile 2017 0

Tra poche settimane, Prey sarà finalmente disponibile sulle nostre piattaforme di gioco e quindi sarà necessario salire a bordo di Talos I. Gli alieni sono sfuggiti al contenimento e hanno invaso la stazione spaziale.

Talos I rivestirà un ruolo di fondamentale importanza all'interno di Prey, sarà un vero simbolo delle sfrenate ambizioni dell'umanità, piena di segreti da scoprire e si rivelerà presto un pericolo a sé. Il team di sviluppo ha quindi deciso di pubblicare un nuovo ed imperdibile video per portare i videogiocatori alla scoperta di alcuni segreti di Talos I.

Dalla sontuosa lobby ai cunicoli di servizio della stazione spaziale, Talos I riserverà ai giocatori qualcosa di diverso dietro ogni angolo. Fin dall'inizio si potrà esplorare tutta la stazione nell'ordine che si preferisce. Vestendo i panni di Morgan Yu, i giocatori saranno in grado di muoversi liberamente in ogni zona e tornare nelle aree precedentemente esplorate in cerca di cambiamenti dovuti all'evolversi della trama o alle azioni compiute.

In aggiunta si potrà uscire nello spazio e volare a gravità zero, sfruttando l'esterno della stazione per spostarsi tra le varie zone di Talos I o per cercare ulteriori segreti celati nello spazio.

Prey sarà disponibile a partire da venerdì 5 maggio su Xbox One, PlayStation 4 e PC. Il 27 aprile i giocatori potranno però testare la prima ora di gioco grazie al rilascio di una beta gratuita destinata alle console di Sony e Microsoft.

Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium è in offerta oggi su a 556 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

FIFA 18: la nostra recensione

Forza Motorsport 7: la nostra recensione

Genomia: l'indie che stupisce la Milan Games Week 2017

Dishonored - La morte dell'Esterno: la nostra recensione