Wonder Boy The Dragon's Trap, la nostra recensione

21 Aprile 2017 17

Il concetto di remaster e remake sembra essere leggermente sfuggito di mano. Diversi team di sviluppo stanno ripiegando sulla proposta di avventure riviste e correte uscite solamente un paio di anni fa, causando nei videogiocatori una sorta di confusione sul reale scopo del rivedere titoli retrò riapparire sugli schermi, con grafica completamente rifatta.

Wonder Boy: The Dragon's Trap, è il remake del, quasi, omonimo capolavoro che di anni sulle spalle ne ha un bel po' più - il capitolo originale arrivò nel lontano 1989 su Master System e Game Gear - ed è pronto ad appassionare nuovamente i fan del marchio con la medesima avventura, caratterizzata però da un motore grafico completamente rinnovato per l'occasione.

Sviluppato da Lizardcube e distribuito da DotEmu, Wonder Boy: The Dragon's Trap arriva su Playstation 4, Xbox One e Nintendo Switch. Vi lasciamo quindi alla nostra, nostalgica, analisi del gioco.

TRAMA

Il comparto narrativo rimane ancorato a quanto proposto quasi trent'anni fa. Dopo lo scontro finale con il Meka-Dragon di Wonder Boy in Monster Land, il protagonista viene colpito da una maledizione lanciata dal morente antagonista. L'eroe si trasformerà quindi un un lucertolone umanoide, il quale si ritroverà a vagare per diverse location, allo scopo di trovare una soluzione al problema del proprio aspetto. E' bene sottolineare che, durante l'avventura, il protagonista avrà la possibilità di mutare la propria forma in altri strambi animali, il tutto condito dalla presenza di diverse abilità innate. Ci si accorgerà fin dal primo momento che la vera chiave per risolvere gli enigmi risiede proprio nell'aspetto, e nelle abilità, dell'eroe.

Rimane invariata anche la longevità di gioco. Chi non ha mai affrontato l'avventura dovrebbe impiegare circa quattro o cinque ore per capire come affrontare i vari pericoli e raggiungere l'epilogo, mentre chi conosce a menadito l'epopea potrebbe impiegare massimo due ore. Non mancheranno di certo momenti di backtracking e soprattutto fasi in cui sarà necessario memorizzare la posizione di determinati ambienti, in modo da tornare sui propri passi e sfruttare la forma dell'eroe corretta, in modo da risolvere l'enigma proposto.

GAMEPLAY

Gli sviluppatori di Lizardcube non hanno voluto modificare alcun elemento del gameplay. A parte il motore grafico completamente rifatto e la presenza di una versione femminile dell'eroe senza nome, Wonder Boy The Dragon's Trap propone il medesimo gameplay visto nel 1989. Sarà quindi necessario correre da uno scenario all'altro, eliminare i nemici presenti sullo schermo, risolvere l'enigma e affrontare fasi platform. Concettualmente semplice, almeno a livello di meccanica, Wonder Boy The Dragon's Trap si trasforma in un'esperienza complicata fin dai primi momenti, a causa soprattutto dell'effetto di pesantezza dato dal protagonista.

Gestire un salto o un attacco significa fare i conti con movimenti sporcati proprio dalla mole dell'eroe, senza contare i pattern quasi assurdi dei nemici. Per portare a casa la pelle è necessario studiare bene le mosse del nemico e agire di conseguenza, tenendo conto ovviamente dei movimenti "pesanti" del proprio alter ego virtuale. Sferrare, ad esempio, un attacco in salto non è cosa da poco e significa calcolare alla perfezione le mosse da effettuare. Inizialmente potreste trovarvi in difficoltà, ma con una buona dose di allenamento è possibile scalare, quasi, velocemente la curva di apprendimento.

Cinque sono le trasformazioni possibili. Sconfiggendo i vari guardiani sarà possibile contare su forme completamente nuove, che spaziano dall'uomo-pesce, in grado di respirare sott'acqua, a uomo topo, capace di camminare sulle pareti, passando da uomo uccello e altro. Sarà quindi necessario tenere a mente le zone inizialmente impossibili da esplorare, per poi tornare indietro e superare l'ostacolo grazie al nuovo potere del protagonista. Inutile sottolineare che sono presenti anche zone opzionali, che nascondono diversi tesori interessanti.

In Wonder Boy The Dragon's Trap non mancano di certo alcuni elementi da gioco di ruolo. Il protagonista può contare su diversi pezzi dell'equipaggiamento, acquistabili in negozio, oppure aumentare il numero di cuori a disposizione (in perfetto stile The Legend of Zelda). Il fascino del gioco risiede però nella costante sensazione di scoprire sempre qualcosa di nuovo durante l'esplorazione degli stage. Capita spesso e volentieri infatti di trovarsi di fronte a sezioni non ancora visitate, regalando quindi quel sentimento di appagamento che si trova solamente nelle esperienze di altissimo livello.

Gli sviluppatori hanno pensato di inserire la possibilità di scegliere il livello di difficoltà del gioco, decisione senza dubbio azzeccata soprattutto per gli utenti più giovani, non proprio abituati ai titoli ostici degli anni 80 e '90.

TECNICA

Come detto in apertura, il motore grafico di Wonder Boy The Dragon's Trap è stato completamente ricostruito da zero. Le animazioni proposte e lo stile adottato sono figlie di un lavoro eccellente, il tutto condito dalla possibilità di passare alla grafica originale con un semplice tocco. E' però impossibile pensare di non godersi ogni secondo dell'avventura osservando la mole di dettagli presenti nel gioco, il tutto mosso da un motion engine che non denota alcuna incertezza e garantisce un frame rate davvero granitico. Lo stile cartoon sprizza verve da tutti i pori, come del resto i vari scenari inseriti per l'occasione.

Apriamo una piccola parentesi dedicata alla versione Nintendo Switch. Wonder Boy The Dragon's Trap gira perfettamente sia sfruttando la configurazione mobile di Nintendo Switch che quella legata alla dock, con conseguente collegamento al proprio televisore. Abbiamo apprezzato entrambe le soluzioni e non abbiamo riscontrato alcuna problematica di sorta.

Ottimo anche il comparto audio. Michael Geyre ha deciso di aggiungere alla colonna sonora una serie di pezzi storici remixati, il tutto condito dalla presenza di sottofondi legati ad alcuni livelli. L'autore ha inoltre lavorato sulla sountrack completa, in modo da renderla perfettamente in linea con i i tempi.

COMMENTO FINALE

Wonder Boy The Dragon's Trap è senza dubbio uno dei remake più interessanti presenti sul mercato. I videogiocatori con qualche annetto sulle spalle affronteranno nuovamente l'avventura con piacere, mentre chi non ha vissuto gli anni del Sega Master System può approfittare dell'occasione e lanciarsi in un vero e proprio prodotto da non perdere.

Il gameplay retrò potrebbero però essere uno scoglio "complicato" da superare. Chi non ha mai avuto a che fare con Wonder Boy dovrà cambiare completamente la propria concezione di gioco e tenere conto di alcune meccaniche che potrebbero far storcere il naso. Niente comunque di insormontabile. Il vero difetto di Wonder Boy The Dragon's Trap è legato alla bassa longevità di gioco. L'avventura risulta essere davvero troppo corta e non propone alcuna sezione in grado di donare all'epopea una linfa vitale aggiuntiva.

  • GAMEPLAY 8
  • TECNICA 9
  • LONGEVITA' 7
  • MULTIPLAYER -
  • GLOBALE 8

TITOLO TESTATO SU NINTENDO SWITCH


Motore grafico incredibileAffascinante come un tempoGameplay curato..
... ma fin troppo legato alla sua natura di retrogameTroppo corto
L'iPhone più grande di sempre? Apple iPhone 6s Plus è in offerta oggi su a 431 euro oppure da ePRICE a 638 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
lanuovaterra

Dove sbaglio? il finale di Wonderboy in monsterland (almeno quello che ancora gioco ogni tanto su MAME) prevede la partenza dell eroe su un ufo appena sconfitto il drago meccanico.
Non ho mai giocato alla versione originale ma se è bello la metà di WBiML mio al day one se mi regge il gioco il mio netbook... ho speranze con il mio ASUS UX305F?

Intel Core M-5Y10 (0.8 - 2.0 GHz) / Intel
Intel HD Graphics 5300, 8gb ram, ssd.

Emiliano Frangella

Brutto non mi piace. È poi perché scorre anche verso sinistra??

StriderWhite

A me non sembra...

Michele Vitelli

Non ha assolutamente nulla a che vedere con i giochini in flash, animazioni disegnate a mano e fluidissime! L' unica critica che ho da fare è che a differenza degli sprite originali i nuovi sono ribaltati specularmente per le animazioni destre e sinistre...

SketchT

Appena mi scarico dalle millemila recensioni che sto facendo organizzo una diretta così vi mostro il gameplay. Purtroppo ho un paio di embarghi e sono davvero incasinato.

met

Fermi, non era una critica al gioco, anzi! Intendevo solo dire che gli screenshot rendono veramente male male male rispetto a quello che è il gioco

Nuanda

Comunque questi giochi stanno a Switch come il cacio sui maccheroni c'é poco da fare, se gli sviluppatori saranno un poco lungimiranti trasformeranno Switch nella patria degli Indie..

Karis

Devo aspettare giugno

Borindil

l'importante vche arrivi :D a me questi platform mi mandano fuori, tra shovel knight, questo, 20xx, megaman la collector edition...ci perdo la testa proprio

StriderWhite

dubito che esista un gioco in flash GRATUITO con una grafica simile...

dario

sì esatto, proprio perché è completamente rifatta dicevo, ricordandosi com'era ai tempi (o switchando direttamente da qui) l'effetto wow è sicuramente maggiore! :)
(chiaramente non per tutti, io ad esempio amo moltissimo la pixel art e la grafica originale la trovo davvero magnifica per una console a 8 bit e anche in senso assoluto!)

StriderWhite

Ma perché su PC arriva appena in giugno?? Babbè...

met

Ma la grafica è completamente rifatta (c'è anche la possibilità di switchare alla versione originale 8bit), è proprio l'effetto degli screen a farmi brutto :D
Già vedendo i video è tutt'altra cosa

dario

credo dipenda anche dall'età... al di là della bellezza grafica di un gioco interamente disegnato a mano (e mi sembra sia disegnato anche molto bene, ma il giudizio è soggettivo), se sei giovane devi provare a metterti nei panni di chi ha giocato all'originale e, in generale, ai vari capitoli della saga negli anni '80... avrà tutto un altro valore! :D

met

Si certo, parlo solo ed esclusivamente degli screenshot statici che ho visto finora..mi fanno davvero un brutto effetto!
Comunque penso che sarà il mio prossimo acquisto su switch

Nuanda

In realtà le animazione sono fatte veramente bene ed è super fluido, di effetto gioco flash non vi è neanche l'ombra...

met

tutti ne lodano il comparto grafico di bell'impatto, ma vedendolo in screenshot continua a sembrarmi uno di quei giochini gratuiti in flash :/
da provare sicuramente

DiRT 4: la nostra anteprima

Ultra Street Fighter II: The Final Challengers, la nostra recensione

Injustice 2: la nostra recensione

Disgaea 5 Complete: la nostra recensione