Dai creatori della serie Worms arriva Penarium, un arcade 2D per Android ed iOS

30 Aprile 2017 4

Dagli stessi creatori della pluripremiata serie Worms, Team 17 e lo sviluppatore indie Self Made Miracle, arriva a distanza di quasi tre anni dalla pubblicazione su Steam, Penarium, un arcade game in 2D incentrato su una sinistra arena circense in cui i concorrenti, un po' come gli antichi gladiatori, sono costretti a intrattenere un sadico pubblico.

In questo irrequieto gioco arcade con arena in 2D, assumerete il ruolo di uno strano anti-eroe: Willy, il quale per sopravvivere deve correre, saltare ed evitare una serie di trappole mortali. Se riuscirete a completare ogni livello, Willy diverrà il campione di Penarium, in caso contrario morirete in maniera orrenda, per la gioia della folla in delirio.


Nei trenta livelli che compongono la modalità single-player non ci sono acquisti in-app che potrebbero rovinare l'esperienza di gioco, inoltre potrete ricominciare l'avventura dall'inizio provando i tre diversi livelli di difficoltà, infine, non mancano le classifiche globali con la quale migliorare il proprio risultato.

  • Penarium | Android | Google Play Store, 1,99€

  • Penarium | iOS | iTunes App Store, 1,99€

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8 è in offerta oggi su a 500 euro oppure da Unieuro a 759 euro.

4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
shaytan79

ma cos'è il titolo di un film di cicciolin@?

IlRompiscatole

Gioco bellissimo quanto cattivo, consiglio di giocarci in multyplayer locale su pc :-)
Auguri e xanax a chi proverà a giocarci su telefono :-)

RobyMax1

Ahahahha

Fabio Rock

Loool!! Che cazz di nome XD

FIFA 18: la nostra recensione

Forza Motorsport 7: la nostra recensione

Genomia: l'indie che stupisce la Milan Games Week 2017

Dishonored - La morte dell'Esterno: la nostra recensione