Get Even posticipato al 23 giugno per l'attentato a Manchester

24 Maggio 2017 24

A causa dell'attentato a Manchester di ieri, Bandai Namco ha deciso di rimandare l'uscita di Get Even al 23 giugno. Le tematiche toccate dagli sviluppatori di The Farm 51 prendono in considerazione le manovre violente di un mercenario, terroristiche comprese, di conseguenza la società ha deciso di posticipare la data di uscita del gioco proprio per rispetto alle vittime e alle famiglie colpite da questa immane tragedia.

Nel breve comunicato stampa pubblicato da Bandai Namco, la società ha espresso tutto il proprio dolore e la vicinanza alle persone coinvolte.

"Buona sera,
dati i recenti avvenimenti e come segno di rispetto, abbiamo deciso di posticipare l’uscita commerciale di GET EVEN al 23 giugno 2017.
Vorremo esprimere le nostre più sentite condoglianze a tutte le persone coinvolte.
Grazie,
TEAM BANDAI NAMCO Entertainment Italia"

Davvero poco da dire su questo fatto che sconvolto, ancora una volta, l'intero pianeta.

Il compatto che non vuole arrendersi dalle ottime caratteristiche? Sony Xperia Z3 Compact è in offerta oggi su a 310 euro oppure da Amazon a 395 euro.

24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
franky29

Non ha agito sicuramente da solo

deepdark

Ahahahaha. No. Ma sempre meglio che essere del pd, della lega o di fi.

Daniele Davide

puahahah i grilllini anche su hd plog ahahaah

Paolo Giulio

Meschina mossa pubblicitaria...
Il gioco l'hanno pensato e sviluppato lo stesso, pur abbracciando tematiche molto delicate in forma molto (troppo?) realistica...
La vera domanda dovrebbe essere se c'era necessità di un "gioco" impostato su questi argomenti e non farlo uscire un po' dopo mostrando una falsa (?) vicinanza alle vittime dell'attentato di Manchester...
Bah...

takaya todoroki

Dicono che per 'seguire bene' un solo sospetto nella vita reale serve un numero elevato di agenti (per via di turni, spostamenti, ...).
Non sorprende quindi che non bastino, almeno finché non riescono tramite analisi di intelligence a restringere, e di molto, il campo.

deepdark

Spiegato così ha più senso. E sinceramente, il fatto che usino meno agenti del dovuto mi fa insospettire molto di più. Fosse l'Italia, si parlerebbe dei soliti ciarlatani, ma Inghilterra, Francia e Germania, che di soldi ne hanno, proprio no.

takaya todoroki

La spiegazione oggettiva te l'ho data: non hanno un numero di agenti sufficienti da poter controllare nemmeno una minuscola percentuale dei sospetti nella vita reale.

Cerca su Google le dichiarazioni delle FDO a riguardo e vedrai che ammettono esattamente questo.

Fin qui era la parte oggettiva.

La parte soggettiva, il mio giudizio, è che potrebbero fare molto di più nel mondo reale se non si ostinassero a sprecare tempo a taggare gente normalissima come estremista solo per aver letto un giornale che parla di Linux (altro fatto che trova riscontro, cerca con google) producendo così un sacco di inutile rumore che va a inficiare le analisi di intelligence.

EMARCEUS

Fassista!

deepdark

Non stai facendo 2+2, stai dando una tua opinione, peraltro non verificata da niente e nessuno. Scusami ma la spiegazione: ce ne fott1amo e ci facciamo gli affari nostri, ormai non funziona neppure per il comune di Morterone.

takaya todoroki

tutte cose che chi vuole colpire studia (meglio dei sedicenti chimici italiani ) ben prima di venire in occidente.

Wrenchies

Nazioni come Francia, Germania, Inghilterra e Stati uniti, tutte nazioni che credono di essere superiori alle altre, e pff basta un esaltato qualunque a far andare nel panico tutto il paese

PS: rispetto per le vittime, ma queste nazioni dovrebbero imparare a guardare più in casa propria, "che criticare l'erba del vicino"

takaya todoroki

quindi 2+2 non fa 4 perché è troppo semplice.
Ok.

deepdark

Beh un po' troppo semplicistica come spiegazione.

deepdark

Sono un chimico e fidati, produrre esplosivo non è così semplice o almeno produrne di stabile (per intenderci acetone e acqua ossigenata sono molto ma molto instabili). Ci vuole pure chi sa cosa fa e infatti si pensa che chi abbia costruito l ordigno sia un professionista.

takaya todoroki

Siccome gli algoritmi che stabiliscono chi dev'essere tenuto d'occhio sono ridicoli ops.. estremamente blandi (ad es. in USA chiunque legga linux journal è flaggato come estremista, quindi va tenuto d'occhio), succede che ci sono milioni di sospetti.
Ora, visto che ormai, come ho detto sopra, il 99% del personale di intelligence ama lavorare davanti ad un PC dove può monitorare le comunicazione delle sue ex ops... dei terroristi, il rimanente 1% è totalmente insufficiente per seguire 24/7 i milioni di sospetti nel mondo reale.
Così ti è chiaro?

Nax

L esplosivo non è difficile da ottenere.
Con una spesa al supermercato e un paio di tutorial su internet si riesce a creare esplosivi abbastanza potenti, se poi aggiungi anche chiodi o frammenti di metallo ottieni veramente qualcosa paragonabile ad una granata a frammentazione

deepdark

Beh è anche strano che un tizio tenuto d'occhio abbia potuto procurarsi dell esplosivo senza problemi. Si torna al punto di partenza: qualcosa non quadra. Cioè fosse stato un pazzo con furgone/camion rubato, ancora ancora..... Ma così no, mi sa che ci stanno pigliando per i fondelli. Questi o sono incapaci o sono in "malafede".

takaya todoroki

Sono troppo impegnati a monitorare il mondo immateriale, spiando le comunicazioni, hackerando i device e via dicendo.

Se uno agisce nel mondo reale è praticamente indisturbato.

GIEC

Non è mio interesse sminuire quella che è oggettivamente una necessità di aumentare e inseverire i controlli a scopo preventivo, per quanto la "casualità" degli eventi e dei potenziali attentatori sia tale da rendere la cosa, se non impossibile, quantomeno estremamente difficile.
Però non si può esigere dai controllori dell'accesso a un concerto la piena conoscenza dei soggetti "sotto controllo", cosa di cui dovrebbero occuparsi gli organi di Polizia e Antiterrorismo. C'è da considerare poi che anche solo "allontanare" questi soggetti da zone densamente popolate rischierebbe di metterli in allarme del fatto di essere monitorati, rendendoli forse addirittura più pericolosi, di certo più imprevedibili.
Onestamente nel mio piccolo non penso sia una questione facile da risolvere o da trattare preventivamente, ma sono d'accordo al 100% sulla necessità della cosa. Vedere degli Stati colpiti da attacchi del genere fare de facto spallucce con manifestazioni di "fratellanza" e contestazioni anti odio razziale e generalizzazioni (perchè se poi ci sono gli immancabili estremisti che lo fanno, chiunque non faccia parte delle marce dei "gessetti colorati" è automaticamente additato a sua volta come un estremista razzista) è nauseante, oltre che s*upido...

deepdark

Tra l altro sto tizio è riuscito pure a procurarsi l esplosivo come se nulla fosse.

deepdark

Quindi basta avvicinarsi all ingresso e nessuno ha un minimo sospetto che un terrorista, conosciuto, possa fare quel che vuole.....
Come dire, controlli si ma solo se cerchi di entrare. Se prendi un tir e giochi a carmagheddon tutto ok....

andrea55

Chissà perchè sono sempre conosciuti alle forze dell'ordine, ma quella cosa chiamata prevenzione?

Lukinho

il tutto è' avvenuto all'uscita/ingresso del concerto, alla fine dell'evento...
Infatti lui non è entrato ad assistere al concerto, e quindi non è stato soggetto ai controlli da parte della sicurezza.

deepdark

Non vi sembra strano che in questo periodo di attentati, un 23 enne sfacciatamente arabo senza la prole a seguito, riesca ad entrare ad un concerto dove sono tutti minori o minori accompagnati, senza che nessuno lo fermi? Qualquadra non cosa. E di brutto.

PES 2018 beta online: la nostra prova

Xenoblade Chronicles 2: la nostra anteprima

Yoshi per Nintendo Switch: la nostra anteprima

Rain World: la nostra recensione