Microsoft registra il marchio 'Direct Reality', e ha a che fare col gaming

08 Giugno 2017 8

Abbiamo accennato ieri alle dichiarazioni di Alex Kipman secondo cui Microsoft non avrebbe parlato di realtà aumentata/mista/virtuale su Xbox nel corso della conferenza E3 2017, che prenderà il via tra pochissimo. Kipman ha spiegato che non solo Microsoft sta impiegando moltissime risorse nel settore PC, ma l'obiettivo su console è sfruttare una connessione wireless tra visore e unità centrale.

Eppure, appena qualche ora fa è stata scoperta la registrazione di un nuovo brevetto presso l'USPTO: un marchio chiamato Direct Reality, forse tutto attaccato, che ha a che fare con:

Computer software; computer game software; computer software for holographic applications


Purtroppo la documentazione non aggiunge alcun dettaglio in più rispetto a ciò che vedete nello screenshot qui sopra. Certo è che l'area di interesse è la realtà virtuale (o derivate) in ambito di app e giochi, e il tempismo in relazione all'E3 è se non altro singolare. Al momento, comunque, l'informazione è semplicemente da tenere presente per la valutazione di futuri sviluppi.

Due fotocamere sono meglio di una, meglio Plus? Huawei P9 Plus, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 419 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
R.Tonio

in pratica hai descritto microsoft

Orlaf

Direct fuffa...

MatitaNera

"soprattutto se parliamo di tecnologie che non vedremo nell'anno corrente", soprattutto se parliamo di Microsoft

Fabrizio Bocci

Dal nome è impossibile non pensare a nuove librerie integrate nelle DirectX...

juveTriplete... LOL

Il fatto che all'E3 non si parli di una cosa, non vuol dire necessariamente che non esista... Soprattutto se parliamo di tecnologie che non vedremo nell'anno corrente. Anzi, lo ritengo doveroso nel rispetto degli utenti. Quello che al contrario non ritengo corretto è annunciare giochi senza data solo per creare hype isterico. Giochi che escono poi dopo anni e milioni di early adopters che si vedono stampata in faccia magari una nuova console, quando effettivamente iniziano a uscire i giochi, e che saranno costretti a giocare su una console comprata anni prima solo per prendere polvere...

manu1234

l'unica cosa che mi potrebbe venire in mente è un qualcosa che ti da il senso del tocco

MatitaNera

un altro tipo di "reality", giusto per fare chiarezza...e alzare il livello di fuffa...

Simone

Niente hardware dunque

Get Even: la nostra recensione

Star Trek: Bridge Crew, la nostra recensione

Dirt 4: la nostra recensione

E3 2017: date, orari e dove seguire tutti gli eventi più importanti