Skull and Bones: Ubisoft conferma la presenza di una campagna single player

22 Giugno 2017 3

Ubisoft Singapore, team di sviluppo che ha dato vita alle battaglie navali viste in Assassin's Creed Black Flag, è attualmente al lavoro su Skull and Bones, nuova IP presentata ufficialmente all'E3 2017.

Il video mostrato durante la conferenza di Ubisoft ha focalizzato l'attenzione sul comparto multigiocatore e in molti hanno pensato che Skull and Bones fosse un gioco basato unicamente sull'online, tuttavia l'interessante titolo includerà anche un campagna single player.

Non sono stati svelati molti dettagli, ma durante un'intervista con PC Gamer, un responsabile della software house francese ha confermato che la campagna sarà completamente integrata nel gioco, offrirà un comparto narrativo interessante e permetterà ai giocatori di incontrare ed interagire con personaggi iconici e pirati rivali memorabili.

Al momento non sappiamo ancora la data precisa di uscita. Skull and Bones dovrebbe comunque approdare su PC, Xbox One e Playstation 4 entro la fine del 2018 di conseguenza siamo certi che, nei prossimi mesi, sentiremo parlare ancora molto del nuovo titolo incentrato sulle battaglie navali a bordo di grandi vascelli pirata.

Vi ricordiamo che sul sito ufficiale di Skull and Bones è possibile registrarsi per partecipare alla versione beta che sarà disponibile prossimamente.

Una scelta che vi fa onore? Honor 5c è in offerta oggi su a 160 euro.

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Guest123

Molto probabilmente sarà una campagna inspida e dimenticabile come quella di For Honor

saccovr

Durerà ben 3 ore se giocata in modalità Titano

Felk

Siamo arrivati al punto di dover aspettare delle conferme per il single player, assurdo.

Dragon Ball FighterZ: la nostra anteprima

All-Star Fruit Racing: la nostra recensione

PES 2018 Single Player: la nostra recensione

Redout: la nostra recensione