Final Fantasy XIV A Realm Reborn : recensione da HDBlog

13 Maggio 2014 2

Disponibile già da qualche tempo sia su Pc che su Playstation 3, il popolare Final Fantasy XIV: A Realm Reborn è sbarcato, da qualche settimana, anche sulla nuova console di casa Sony, Playstation 4.

Come è noto a tutti la primissima versione del gioco, uscita nel 2010 inizialmente solo su Pc, non aveva raggiunto il successo sperato a causa dei numerosi bug e di un livello tecnico assolutamente sotto le aspettative.

Le varie problematiche riscontrate e le innumerevoli critiche al gioco, avevano di fatto portato la stessa Square-Enix a cambiare totalmente lo studio che si occupava della produzione del titolo, dopo solo 3 mesi dal lancio ufficiale.

Il compito di far risorgere un gioco nato sotto una cattiva luce e pieno di problemi non era semplice, tuttavia Square-Enix è riuscita a raggiungere l'obiettivo e a donare ai giocatori un vero e proprio MMORPG, all'altezza delle aspettative.

Prima di andare ad analizzare gli aspetti del gioco è in particolare le nuove caratteristiche introdotte nella versione dedicata alla console di nuova generazione di casa Sony, è importante ricordare che, tutti i player in possesso della versione PS3 di Final Fantasy XIV A Realm Reborn, saranno in grado di trasferire il proprio account gratuitamente su Playstation 4, tuttavia è importante sottolineare che, una volta effettuato il trasferimento, non sarà più possibile giocare alla versione dedicata a Playstation 3

TRAMA

Il titolo ci porta nel regno di Eorzea insieme a giocatori di tutto il mondo con i quali, affronteremo una moltitudine di avventure. Final Fantasy XIV: A Realm Reborn, come è noto a tutti coloro che hanno già giocato al titolo su Pc e Playstation 3, unisce perfettamente le meccaniche del single player a quelle del massive game, garantendo un'ottima esperienza di gioco a tutti, anche a coloro che, si affacciano per la prima volta al genere.

Il primo passo da compiere, prima di entrare nel vivo del gioco è ovviamente la creazione del nostro alter ego virtuale, che tramite l'ottimo sistema, ricco di opzioni ci permette di modificare ogni singolo aspetto del nostro personaggio.

Altro passo decisamente importante è la scelta della classe, che come è noto a tutti gli appassionati del genere determinerà il nostro stile di gioco e la strada che vogliamo intraprendere.

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn offre infinite possibilità, anche a coloro che non amano particolarmente il gioco di gruppo, infatti rispetto al precedente MMORPG che imponeva da subito l'interazione con altri giocatori, qui la collaborazione diventa un elemento fondamentale solo a livelli più alti, e le missioni della storia principale possono essere giocate anche in solitaria, senza andare incontro a troppe difficoltà.


La storyline principale di Final Fantasy XIV si evolve in un susseguirsi di missioni, ricche di colpi di scena, facenti parte del Main Scenario Quest, che hanno tra i compiti principali quello di farci entrare in confidenza con le varie meccaniche di gioco, e quello di portare la nostra classe primaria al livello 50.

Ovviamente tramite le varie missioni della storyline principale riusciremo a livellare solo la nostra classe principale, per quanto concerne le altre dovremo entrare nel vivo del sistema MMO, partecipando quindi ad eventi, missioni e combattimenti di gruppo.

Come anticipato prima, Final Fantasy XIV: A Realm Reborn offre infinite possibilità, ad attenderci troveremo un numero elevatissimo di Dungeon, che celano al loro interno ricche ricompense e nemici in ogni angolo, i FATE, eventi dinamici che compaiono sulla mappa e che uniscono al loro interno un elevatissimo numero di giocatori, , varie missioni secondarie mirate sopratutto alle varie specializzazioni, missioni dedicate solo ai gruppi, PVP, innumerevoli scontri con ogni sorta di boss, città e luoghi completamente esplorabili, il tutto impreziosito da una trama di altissimo livello e da cut scene davvero indimenticabili.

GAMEPLAY

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn unisce in maniera perfetta le meccaniche del single player a quelle del massive game, il tutto impreziosito da un'interfaccia abbastanza intuitiva, e da un sistema di controllo praticamente perfetto, che riprende totalmente quello offerto su Playstation 3 ma, con delle aggiunte che lo rendono nettamente migliore.


Grazie al touchpad del DualShock 4, la gestione dell'inventario, delle abilità e dell'equipaggiamento risulta decisamente molto più pratica e immediata, facendoci sentire molto meno la mancanza di tastiera e mouse, accessori, che comunque possono essere collegati alla nostra console e decisamente molto pratici nel momento in cui dobbiamo fare uso della chat di gioco, indispensabile nelle istanza di gruppo.

Anche nel corso dei vari combattimenti il DualShock 4 si comporta decismanete bene, tuttavia in determinate sessioni di gioco la mancaza e la praticità del mouse si fa sentire, sopratutto nel momento che dobbiamo cliccare direttamente su un obiettivo.

Una delle caratteristiche principali del titolo, è sicuramente il Job System che, di fatto, ci dona una libertà notevole anche se non esente da alcune piccole limitazioni.

Tale sistema ci permette di rendere il nostro personaggio multi ruolo, in pratica il nostro alter ego avrà la possibilità, cambiando semplicemente equipaggiamento, non solo di portare avanti più classi ma, anche di combinarle tra loro, al fine di utilizzarle e sfruttare le loro varie potenzialità.

Altro elemento di rilievo è ovviamente il Crafting, forse uno dei migliori attualmente in circolazione, ci offre infinite possibilità nella creazione di oggetti, assemblando insieme materiali di ogni tipo, che troveremo e raccoglieremo praticamente ovunque.


TECNICA

Dal punto di vista tecnico la versione Playstation 4 di Final Fantasy XIV: A Realm Reborn mostra parte della potenza delle nuova piattaforma, avvicinandosi di molto alla versione dedicata a Pc, con una buona risoluzione delle texture, un anti-aliasing decisamente migliorato, e dei panorami e ambientazioni da togliere il fiato.

La risoluzione è a 1080p con un Frame Rate a 60, decisamente più stabile, rispetto a quanto visto nella versione del gioco dedicata alla passata generazione ma, non completamente esente da alcuni piccoli cali.

Tra le opzioni disponibili, è importante sottolineare, la possibilità di cambiare risoluzione portando di fatto il gioco dai 1080p ai 720p. Se tale opzione in un primo momento può sembrare alquanto superflua, in alcuni scontri, con boss decisamente potenti tale possibilità può tornarci molto utile, in quanto a causa dei cali di Frame Rate, il nostro altrer ego si potrebbe trovare in serio pericolo.

E' scontato dire che il comparto audio è praticamente perfetto, grazie ad un soundtrack di altissimo livello, che ci accompagna lungo tutto il gioco e riesce a coinvolgere il giocatore in modo impressionante.

COMMENTO FINALE

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn è un titolo imperdibile sia per gli amanti della celebre saga che per tutti coloro che amano questo genere di gioco.

La versione dedicata a Playstation 4 raggiunge un livello molto buono, avvicinandosi alla sua controparte per Pc, sopratutto per quanto riguarda il lato tecnico, dove troviamo texture decisamente di buona risoluzione e un Frame Rate molto più stabile anche se, come dichiarato precedentemente, non ancora totalmente esente da cali.

La trama, che ci accompagna nella nostra avventura è profonda, ricca di colpi di scena e impreziosita da cut scene ed intermezzi davvero coinvolgenti, le innumerevoli attività, missioni da compiere, l'ottimo Job Sistem , il Crafting, e le ottime meccaniche di gioco, che riescono a spingere il player ad interagire con altri giocatori, sono solo alcuni degli elementi che rendono l' MMORPG di Square Enix un titolo di altissima qualità, giustificandone il canone mensile e riuscendo a tenere i giocatori incollati agli schermi per moltissime ore.

  • GAMEPLAY 8,5
  • TECNICA 8,5
  • LONGEVITA' 9,5
  • MULTIPLAYER 9
Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 579 euro oppure da Amazon a 629 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
bL4Ck

Il PVP è ancora quello, personalmente l'ho provato solo al lancio arrivando a rank 5, roba di 20 partite vinte al massimo, comunque sì, il gioco è ancora acerbo, c'è tanta roba da fare ma nessuna veramente appagante, a meno che non raidi e fai l'unica istanza da 8 con reset settimanale, dato che l'altra che c'era è stata spezzata in più parti e resa disponibile ai più, e l'equip che droppa oramai è buono giusto per tappare i buchi mentre farmi punti per l'equip nuovo dei vendor, sempre che non sei già cappato dai mesi di farming fatti nei mesi precedenti all'ultima patch.

Ad ogni modo, per me rimane il fatto che il gioco va comprato, è un final fantasy e come tale eredita tante buone cose dalle saghe precedenti:
-story mode molto affascinante, quando l'ho comprato sono rimasto incollato al gioco per progredire e continuare la storia, perfino le quest secondarie hanno un certo fascino, roba che in altri MMO viene lasciata un po tralasciata visto che nessuno legge mai il testo.
-tanti, tantissimi, riferimenti alle vecchie saghe, ci sono le magitek armor di FF6, i chocobi, mostri presi da tutti i FF (specialmente l'XI e XII).
-le battaglie contro le summon elementali, ognuna con cose particolari da fare ed estremamente evocative.
-sistema di combattimento lento ma comunque bilanciato, il GCD di 2,5sec fa un po storcere il naso a chi è abitutato da WoW e simili dove è di 1/1,5sec, però rende le battaglie molto più tattiche e meno un frenetico spammare lo stesso tasto, ma ti costringe a pianificare al meglio le tue mosse.
-classi molto bilanciate, almeno in PVE, nessuno è escluso, tutti sono necessari e portare surplus di una stessa classe ti penalizza più che darti un vantaggio.
Poi ovviamente ci sono i lati negativi:
-Il grind estremo introdotto nell'ultima patch, leggermente corretto con la 2.25, ma ancora presente in alcuni aspetti principali del gioco
-Il PVP praticamente inutile al momento, c'è solo il sistema di Arene a la WoW, ma a breve verranno introdotti i battleground di gruppo dove si potra giocare contro tutto il server allo stesso tempo, senza limiti.
-itemizzazione un po troppo poco varia, ci sono tanti oggetti ma a conti fatti cambia solo la disposizione delle stat, non c'è una vera differenza sostanziale tra due pezzi, sopratutto, le Relic Weapon sono troppo inferiori alle controparti ottenibili nei dungeon di alto livello.

Secondo me, anche se solo per la storia ed alcune battaglie il gioco vale i soldi, la confezione base oramai si trova a poco meno di 20€, per PC, per arrivare al prezzo di un gioco PS3/PS4 bisogna metterci sopra altri 40€, ecco, con 40€ ci paghi 4 mesi di abbonamento, ed in quel tempo è virtualmente possibile fare tutto il content disponibile attualmente nel gioco, se giocato assiduamente, ma anche un casual può tranquillamente completare la storia principale ed assaporare le battaglie più belle del gioco in quel lasso di tempo.

Max Severest

Ha qualcosa di buono ma e' acerbo. Non so se hanno implementato novità lato pvp ma quando giocano io c'era solo un 4vs4. E' fortemente pve, il che non è un difetto ma almeno per quanto mi riguarda una limitazione.

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione

Nintendo Switch Lite: le nostre prime impressioni | Video Anteprima

Recensione The Dark Pictures: Man of Medan; l'atmosfera horror c'è ma non basta