DMC Devil May Cry Definitive Edition : la data di uscita viene anticipata

14 Gennaio 2015 0

Ninja Theory, tramite il suo profilo Twitter, ha ufficialmente annunciato che la data di uscita di DMC Devil May Cry: Definitive Edition viene anticipata di sette giorni. L'atteso titolo vedrà infatti il suo debutto il 10 marzo su Xbox One e Playstation 4.

La speciale edizione includerà il gioco originale, tutti i contenuti aggiuntivi resi disponibili dopo il lancio, inclusa la campagna "Vergil’s Downfall", nuove modalità e inedite caratteristiche aggiuntive.

Tra le nuove features appena riportate, troviamo la possibilità di interpretare il fratello gemello di Dante nella modalità Vergil’s Bloody Palace. Verranno inoltre aggiunte le modalità Gods Must Die, Must Style, la Modalità Turbo e quella Hardcore, che è stata pensata per permettere uno stile di gioco vicino ai classici della serie.

La Definitive Edition sarà inoltre impreziosita da un maggiore bilanciamento all'interno del gioco e altri miglioramenti, pensati per rispondere alle richieste dei fan. Saranno ovviamente incluse anche classifiche aggiuntive, trofei ed achievement, e funzionalità social.

Per quanto riguarda il lato tecnico, il titolo sulle attuali console di Sony e Microsoft girerà a 1080p e 60 fps.

In attesa di nuove informazioni vi ricordiamo che alcune ore fa, Capcom ha anche rilasciato alcuni nuovi screenshot dedicati all'atteso titolo.

La riconferma di un'azienda che cerca l'equilibrio tra prestazioni al top e prezzo competitivo? OnePlus 6T è in offerta oggi su a 469 euro oppure da Amazon a 579 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

I migliori giochi per smartphone di gennaio | Video #MOBILEGAMING

Recensione Super Smash Bros. Ultimate: è il miglior Smash di sempre | Video

I migliori giochi per smartphone di dicembre | Video #MOBILEGAMING

Red Dead Redemption 2: la nostra recensione. Una vita da fuorilegge