Rollercoaster Dreams: debutta il 22 dicembre su PS4 supportando Playstation VR

28 Novembre 2016 4

Rollercoaster Dreams sarebbe dovuto uscire il 13 ottobre su Playstation 4 tuttavia i responsabili di Bimboosoft avevano posticipato il debutto del gioco al fine di risolvere una serie di problemi. Ora il simulatore di montagne russe è pronto ad approdare sulla console di Sony con relativo supporto a Playstation VR.

Rollercoaster Dreams debutterà in formato digitale il 22 novembre e oltre ad essere compatibile con il visore dedicato alla Realtà Virtuale supporterà anche Playstation 4 Pro.

I giocatori potranno quindi divertirsi con Playstation VR all'interno della modalità Free Walking, interagendo con le attrazioni del parco e affrontando una serie di mini-giochi.

Il titolo supporterà inoltre il nuovo hardware di casa Sony offrendo miglioramenti in ambito tecnico e il supporto alla risoluzione 4K nel momento in cui, ovviamente, non si utilizza il visore VR.

Rollercoaster Dreams, per chi non lo sapesse, è un gestionale nel quale i giocatori dovranno non solo costruire il parco divertimenti dei loro sogni ma saranno chiamati anche a gestirlo, occupandosi del personale, della pubblicità e dei vari aspetti economici. Il tutto sarà inoltre accompagnato da alcune funzionalità online che di fatto permetteranno di condividere con la community le proprie creazioni.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
matiu2

Questo sembra interessante!

IlRompiscatole

Tuttavia essendo
Cicciolina = cavallona
Semplifichiamo cosí:
(cavallona:cavallo)/cavallo=na
-> rollercoaster:VR=na

IlRompiscatole

Immagino lo vendano in bundle con un secchio e dei travelgum.

Dev

Rollercaster:VR=Cicciolina:Cavallo

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione