Call of Duty WWII: approfondimenti su multiplayer e bonus pre-order

15 Giugno 2017 0

Dopo aver svelato diversi dettagli sul comparto multiplayer, gli sviluppatori di Sledgehammer Games hanno deciso di pubblicare in rete un nuovo video dedicato alla modalità War di Call of Duty: WWI, sezione in cui l'obiettivo della missione cambierà in base alla mappa affrontata.

Più precisamente, il primo filmato mette in risalto la necessità di proteggere un carro armato, mezzo pronto a raggiungere una batteria antiaerea nel lato più lontano della mappa.Viene inoltre approfondita"Divisioni", sistema di creazione riveduto e corretto che prende il posto della creazione delle classi vista nei capitoli precedenti.

Il funzionamento di Divisioni viene spiegato in maniera dettagliata nei cinque video che seguono.

Gli ultimi due filmati mostrano i primi scorci di due mappe che si preannunciano essere particolarmente importanti. Pointe Du Hoc è la location in cui sarà possibile affrontare scontri ravvicinati sulle spiagge della Normandia, mentre Ardenne è una vera e propria location immersa nella neve e posta in una foresta in Belgio.

I videogiocatori che effettueranno il preorder di Call of Duty: WWII potranno inoltre contare sul Division Pack, bonus che proporrà un vero e proprio equipaggiamento premium per ognuna delle divisioni presenti nel gioco. Di seguito l'immagine dedicata al Division Pack.


Appuntamento fissato al 3 novembre 2017, momento in cui Call of Duty: WWII sarà disponibile perPlaystation 4, Xbox One e PC.

Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da Tigershopit a 408 euro oppure da Amazon a 459 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione