F1 2017: la nostra recensione su Xbox One

21 Agosto 2017 74

Dopo un'edizione 2015 non particolarmente apprezzata, con F1 2016 Codemasters aveva indubbiamente dato vita ad un sequel che era riuscito ad entusiasmare grazie all'implementazione di una Carriera coinvolgente, di interessanti novità e di un sistema di guida degno di nota.

Tra pochi giorni sulle nostre piattaforme di gioco approderà l'edizione 2017 di Formula 1 e la domanda che tutti i fan della serie si pongono è la seguente: Codemasters sarà riuscita a migliorare ulteriormente un titolo che, a parte qualche piccolo difetto, era già di qualità molto elevata?

CONTENUTI DI GIOCO

Presente anche quest'anno l'immancabile modalità Carriera, il fiore all'occhiello dell'intera produzione. Si inizia con la consueta creazione del nostro pilota virtuale per passare successivamente alla scelta di una delle 10 scuderie, tra cui Mercedes, Ferrari, Redbull, Williams e cosi via.

La decisione risulta abbastanza importante considerando che ognuna ha diverse aspettative e condizioni: ci sono infatti scuderie che non conoscono la parole "Sconfitta" mentre altre sono più tolleranti, permettendo qualche errore in pista e la possibilità di non salire sempre sul podio. Ovviamente iniziare la nostra Carriera con i team più rinomati, tra cui Mercedes e Ferrari, non sarà proprio una passeggiata e fin dalle prime gare le aspettative nei nostri confronti saranno molto alte.

Il passo successivo è quello di scegliere il nostro compagno di squadra per poi impostare alcune parametri delle prove libere e giungere finalmente alla firma del contratto come secondo pilota. Si entra quindi nel consueto hub di gioco popolato da visi noti della scuderia da noi scelta e si comincia a familiarizzare con il nostro personale computer che, oltre a mostrarci tutte le informazioni sulla carriera e sul rivale di turno, ci permette di prepararci al meglio per le prossime gare potenziando a dovere la vettura.

Finalmente arriva il momento di scendere in pista a Melbourne. Il consiglio è quello di sfruttare totalmente le prove libere per prendere dimestichezza con il sistema di guida e con le novità introdotte da Codemasters. Tramite una serie di programmi creati ad hoc, infatti, impareremo a conoscere e gestire al meglio ogni singolo aspetto del nostro bolide tra cui il consumo del carburante e dei pneumatici.

In seguito non avremo tempo di annoiarci e tra qualifiche, gare, campionati, miglioramenti da apportare alla vettura, studio delle strategie da attuare in pista ed inviti ad eventi speciali che ci permettono anche di salire a bordo di ben 12 vetture storiche della Formula 1, c'è solo l'imbarazzo della scelta.

La Carriera di F1 2017 si conferma quindi una modalità completa e vasta sotto tutti i punti di vista, in grado di coinvolgere totalmente il giocatore sia in pista che fuori. Mantiene le caratteristiche principali presenti nel precedente episodio ma viene ampliata con alcune aggiunte che rendono l'intera l'esperienza indubbiamente più profonda e appagante.

Ottenere prestigio, fama, popolarità e scalare le classifiche delle varie gare al fine di ottenere ingaggi da altre scuderie non sarà per nulla semplice. Oltre ad essere abili nella guida infatti è necessario saper gestire al meglio i vari aspetti tecnici della monoposto e potenziarla nel miglior modo possibile tramite un sistema (Ricerca e Sviluppo) che sembra arrivare direttamente da un RPG, con tanto di "Albero delle Abilita" suddiviso in quattro sezioni: telaio, aerodinamica, motopopulsore e resistenza.

Oltre alla corposa Carriera, F1 2017 propone anche altri contenuti tra cui le imperdibili Prove a Tempo, la modalità Evento, Gran Premio, la componente multigiocatore e i Campionati comprensivi di varie discipline e delle auto storiche.

GAMEPLAY

Pad alla mano F1 2017 si conferma nuovamente un ottimo ibrido in grado di garantire un giusto mix tra arcade e simulazione. I neofiti del genere attivando i vari aiuti alla guida come il controllo della trazione o le traiettorie, non troveranno particolari difficoltà e arrivare sul podio non sarà difficilissimo.

Giocando ad un livello "Pro", invece, l'esperienza in pista diventa indubbiamente più simulativa e saper gestire nel dettaglio gli elementi del motore, i molti aspetti meccanici della propria auto ed attuare la giusta strategia di gara, sarà indispensabile per ottenere buoni piazzamenti.

Sviluppare e potenziare a dovere la monoposto è inoltre più complesso rispetto a quanto visto nel capitolo precedente, richiede più risorse e una maggiore attenzione all'usura delle sospensioni, del cambio e dei pneumatici.

Sia fuori dalla pista che dall’interno dell’abitacolo del nostro bolide, durante la permanenza ai box, è infatti possibile accedere al computer e modificare vari parametri della vettura sia nel dettaglio che in modo più generale. Si può ad esempio cambiare assetto, gomme, modificare i 6 Power Unit e accedere alla sezione Ricerca e Sviluppo per migliorare a livello di prestazioni la vettura.

Si dovranno quindi utilizzare i Punti Risorse (ottenibili sia nelle prove libere che nelle qualifiche e nelle gare) per sviluppare, tramite Albero delle Abilità composto da oltre 100 potenziamenti, nuovi componenti. La ricerca però richiede tempo e risorse: i livelli superiori di migliorie hanno infatti un costo maggiore e bisognerà attendere di più per vedere la fine dei lavori. Come accade nella vita reale, però, non sempre il risultato finale sarà ottimale e, a volte, capiteranno problemi ed intoppi nella fase di fabbricazione che potrebbero avere ripercussioni anche nella gara.

Da segnalare la presenza del sistema di Rewind che ci permette di rimediare ai nostri errori in gara, il ritorno della Safety Car e anche la Virtual Safety Car, in grado di dare maggiore realismo al gioco. Presente, come nel precedente episodio, la possibilità della partenza manuale, fiore all'occhiello per tutti i piloti virtuali professionisti ma meno adatta per i neofiti del genere che dovranno fare attenzione anche all'ingresso manuale ai box: in questo caso, è infatti necessario controllare la velocità per evitare di incorrere in sanzioni che potrebbero compromettere il nostro piazzamento.

Non dimentichiamoci inoltre del giro di formazione che permette di sperimentare la tensione pre-gara, riscaldare i pneumatici e testare freni e setup dell'auto in vista dell'imminente partenza.

In F1 2017 gestire tutti gli aspetti del nostro bolide, anche in pista, è essenziale per ottenere buoni risultati, accumulare esperienza e guadagnare Punti Risorse, di conseguenza il Display Multifunzione diventa uno strumento indispensabile. Posizionato nella parte inferiore dello schermo ci permette di tenere sempre sotto controllo la condizioni della vettura, le temperature dei componenti e le informazioni sulla strategia di gara oltre alla possibilità di accedere ad alcune impostazioni tra cui il bilanciamento della frenata o le gomme che verranno montate al pit stop successivo. Ovviamente gestire il tutto mentre si corre non è assolutamente semplice tuttavia l'assistente vocale è un buon aiuto.

Ottime inoltre le numerose modifiche apportate al regolamento, al design e alle prestazioni delle varie vetture che rispecchiano in modo impeccabile tutte le variazioni fatte nel campionato di Formula 1 reale. Le monoposto, rispetto al precedente episodio, hanno una maggiore aderenza, risultano più veloci in quasi tutte le situazioni, sopratutto in curva, e si ha la possibilità di ritardare leggermente la frenata. Tuttavia rischiare di perdere il posteriore è molto più semplice sopratutto se non si dosa bene l'acceleratore quando si esce da una curva.

Da elogiare inoltre l'ottimo lavoro eseguito da Codemasters sulle auto storiche sia dal punto di vista visivo che da quello del sistema di guida. Le differenze sono chiare, le vetture storiche non sono tecnologiche come le attuali, gestirle in pista è più difficile, sono più leggere e meno veloci.

TECNICA

F1 2017 si basa sull'l'EGO Engine di proprietà di Codemaster che restituisce un buon livello visivo, seppur gravato da alcune piccole imperfezioni. Praticamente esente da difetti il dettaglio nella riproduzione delle varie auto che rispecchiano in modo ottimale la loro controparte reale, con tanto di livree aggiornate. Perfetti anche i tracciati e le ambientazioni ricche di elementi di contorno. Meno entusiasmanti invece i personaggi secondari che non brillano particolarmente.

Sul fronte del frame rate non abbiamo nulla da segnale: durante le varie gare su Xbox One e anche nelle sessioni di gioco più frenetiche non si sono mai verificati cali significativi mentre qualche incertezze l'abbiamo riscontrata fuori dalla pista.

Ottimo, come nel precedente episodio, il sistema di illuminazione e la gestione dei cambiamenti meteorologici; entrambi gli elementi riescono infatti a coinvolgere totalmente il giocatore. Gareggiare in condizioni meteo differenti ci costringe ovviamente a modificare il nostro stile di guida e la strategia di gara. Non bisogna inoltre mai dimenticare che sotto la pioggia battente la visibilità sarà ridotta al minimo e commettere errori non sarà così difficile.

Il comparto audio nel complesso risulta buono anche se i rombi dei motori delle monoposto attuali e i vari effetti sonori potrebbero essere migliorati ulteriormente. Ottima invece la riproduzione audio delle auto storiche.

Migliorato rispetto all'anno scorso il sistema di Intelligenza Artificiale con avversari molto più competitivi che aumentano il livello di sfida. Il sistema di danni, nonostante nel complesso risulti accettabile, ha suscitato in noi ancora qualche dubbio in quanto non sempre rispecchiare fedelmente la realtà.

CONCLUSIONE

F1 2017 compie un passo in avanti ben visibile rispetto al precedente episodio. I contenuti di gioco non mancano e la modalità Carriera messa in piedi da Codemaster risulta completa, vasta e profonda.

Come da tradizione F1 2017 non offre una simulazione vera e propria ma risulta un titolo accessibile a tutte le tipologie di giocatori: un ottimo ibrido in grado di garantire divertimento ai neofiti del genere e il giusto livello di sfida ai veterani dei racing game.

Dal punto di vista del gameplay e dei contenuti di gioco il titolo non presenta difetti degni di nota e propone un sistema di guida scalabile e realistico. Qualche incertezza invece nel comparto tecnico che presenta ancora qualche difetto. Non possiamo invece dare un giudizio definitivo sul comparto multigiocatore in quanto, a causa dei server praticamente deserti, non abbiano potuto gareggiare online.

  • GAMEPLAY 9
  • TECNICA 8
  • LONGEVITA' 9,5
  • MULTIPLAYER -
  • GLOBALE 9
  • VERSIONE TESTATA: Xbox One (disponibile anche su PC e Playstation 4)
MODALITA' CARRIERA COINVOLGENTE E RICCA DI CONTENUTIAUTO STORICHESISTEMA DI RICERCA E SVILUPPO E DI GUIDA OTTIMO
PERSONAGGI SECONDARI NON PARTICOLARMENTE CURATIALCUNI CALI DI FRAME RATE FUORI DALLA PISTA
Il massimo rapporto qualità/prezzo? Motorola Moto G5, compralo al miglior prezzo da Media World a 139 euro.
Apple Iphone 8 Plus 64gb Grigio Siderale Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 757 euro.

74

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
giuseppe

Te lo ridico per l'ultima volta il mio messaggio era solo (visto che sono un appassionato con tanto di postazione tre monitor oculus Rift etc etc ) una constatazione ,non ho consigliato nulla a nessuno ho scritto un messaggio generico senza voler consigliare niente ..... per noi appassionati rfactor 2 è un signor Sim completissimo in ogni suo dettaglio ,molto ma molto superiore ad Assetto Corsa sotto certi aspetti e carente sotto altri ,ma non lo prendere come un dato di fatto è solo la mia idea personale ....... è un articolo su Xbox ok ma discutendo civilmente mi ero permesso di segnalare una qualità di un noto Sim ,senza ne voler consigliare ne voler sminuire ne la console ne F1 2017

Dylan Drog

Io ho sia pc che xbox quindi il problema non si pone, la mia domanda era: che senso ha andare in un articolo di un gioco per console e dire che è meglio un gioco per pc? Che campagna ha rFactor 2? Gli aggiornamenti delle parti meccaniche durante la campagna/campionato le ha? Veramente non ho parole ancora non capisci che i due giochi non hanno niente a che vedere l'uno con l'altro? Anche se ci fosse rFactor su console per quale motivo suggerire un gioco mediocre e datato quando già da anni ci sono capolavori come Assetto Corsa?

giuseppe

Intanto ho detto rfactor 2 ,che tra i mille mila campionati online ha una marea di fans ,il mio discorso era generico ,non ho alcuna intenzione di mettermi a fare PC vs Xbox ,se leggi il commento dell'utente te ne accorgi ...... l'auto in pista era un esempio, di come la gommatura in quel sim sia dinamica ,non mi passa nemmeno per la testa di consigliare a chi che sia PC PlayStation Xbox etc etc

Dylan Drog

Seriamente parlando rfactor 2 è un simulatore vecchio, quanti utenti conta ora come ora? Te lo dico io: chi ha una patata come computer ci gioca altrimenti gioca ad assetto corsa, Dimmi ora te cosa ci fa un auto in mezzo al circuito per qualche giro? In quale disciplina automobilistica lasciano un auto in mezzo al circuito per qualche giro?

giuseppe

Non mi ero accorto che era la recensione della versione Xbox

giuseppe

Non sto paragonando un bel nulla , l'utente chiedeva alcune cose ,io ho solo scritto ,che molte Delle cose che ha elencato sono disponibili su rfactor 2 ..... noiosissimo lo sarà per te comunque ,visto che ha milioni di appassionati per tutto il globo

Dylan Drog

Stai paragonando un noiosissimo simulatore con un simcade.. Davvero non te ne sei reso conto?

Dylan Drog

Mod su assetto corsa nella xbox one che non si salvano nemmeno gli assetti?

Dylan Drog

Da quando la xbox one supporta il vr?

CAIO MARIOZ

Esce il 25 agosto anche su macOS

Fenzi Mattia

Ma rosberg non si era ritirato?

Babi

Che razza di birro chi è Hamilton mamma mia...

Roberto

Ho F1 2016 per Xbox One S e il gioco merita. Ovviamente da giocare senza aiuti e soprattutto assolutissimamente non con il pad. Volante e pedaliera obbligatori (se ne trovano di qualità anche a buoni prezzi).

fire_RS

Hai vinto un lecca-lecca per la battuta super mega originale

fire_RS

Euronics 50€

Gianlu27

Pre-ordinato quasi 2 settimane fa. Non vedo l'ora che arrivi, quest'anno si prospettano belle cose. Guardando un po' di video, sembra che l'AI sia migliorata tantissimo, oltre alla gestione della vettura (cambio, Power Uniti, upgrades). Inoltre devo dire che anche le sfide con le auto classiche sembrano abbastanza interessanti e difficili.

Gianlu27

No :(

Comunque era il 2010, secondo me il gioco più coinvolgente per "vita di paddock"

Gianlu27

Io l'ho pre-ordinato su Amazon e tra sconti vari l'ho pagato 45 per PC :)

Kaan Ekinci

Ia questa anno e competivissimo guarda i video su YouTube vedrai che non mollano più facilmente il sorpasso

FedEx

Infatti ho detto, ma che hanno messo Rosberg ad honorem?

Painkiller

Si

giorgio085

le foto sono del 2016, incompetenti.

Alex'99

Mi state facendo ricredere. Nonostante adori la Motogp e sia indifferente alla f1,quest'ultimo gioco mi sembra piu curato. Magari lo prendo :)

Dwarven Defender

no, ma contrapporlo ad un gioco penoso non ha molto senso...

Agostino D'Auria

gli screenshot del 2016 no dai..

Cornici

Ti ringrazio

vincenzo francesco

Dove lo hai preordinato? Mediaworld?

Sagitt

si

giuseppe

A 160€ trovi i t500rs o t300rs che sono i migliori volanti commerciali esistenti ,e non hanno nulla a che spartire con il Logitech è compagnia bella ,

giuseppe

Molte Delle cose che hai elencato le trovi su rfactor 2 ,c'è pure la turbolenza in scia, se sei troppo vicino in curva vai per prati o contro un muro , c'è anche la gommatura in tempo reale ,ad esempio se un auto rimane in mezzo al circuito e le auto per qualche giro gli passano a destra e sinistra ,si crea la gommatura da entrambi le parti ....tutta sta magnificenza rovinata da una grafica di 15 anni fa azz....

giuseppe

Il VR è supportato?

SUPerPony

Tecnicamente, se te lo regalano non lo puoi comprare..

KaIser

pensa che per me è il contrario..
moto in fila indiana nessuna strategia box , nessuna strategia gomme, nessuna variabile in gara con il carburante o con bottoni magici per avere più potenza..
potrei continuare ...

Alex'99

Beh in fondo,hai ragione :)

KaIser

no, mi aspetto commenti inerenti però..
la MotoGP è come il cavolo a merenda in questa pagina
-.-

Alex'99

Ho Motogp URT 3 su PC,ci gioco ancora ogni tanto :D
Magari valuterò motogp verso natale,quando costerà un po' meno

Alex'99

Ho Motogp URT 3 su PC,ci gioco ancora ogni tanto :D
Magari valuterò motogp verso natale,quando costerà un po' meno,

KaIser

ma mica hanno rimesso le interviste come in F1 2011 ?

KaIser

" tra cui Mercedes, Ferrari, Redbull* **, Williams e cosi via. " ***
* bibitari
** sostituisci con McLaren
*** giusto ordine : " Ferrari , tutte le altre "

LH44

è proprio il gameplay che fa pena ormai. Mi mancano i tempi di MOTOGP della XBOX 360 di CAPCOM.

Alex'99

Non credo,la grafica non è esaltante e la carriera neanche.Ma da amante della motogp lo prendo appunto per il gameplay

LH44

Alcune gare sono scandalose. Altre belle. La f1 da emozioni diverse ma per chi e' amante non ne puo fare a meno

LH44

vabbe dici di prendere motogp17. Perdonami ma adamante della motogp fa pena come gioco

LH44

la F1 il problema sono i circuiti non la disciplina in se. In una carreggiata ci stanno 10 moto in Formula 1 a volte a stento 1.

fire_RS

Ovvio, quello c'è da sempre

Alex'99

Perché,solo commenti positivi devono esserci?

Cornici

Scusate, ma oltre alla carriera sarà possibile anche fare il campionato con un pilota che c'è già?

Alex'99

Ci sta assolutamente. Però credo sia chiaro che la F1 da guardare è una palla paragonata alla motogp

fire_RS

Tipico commento di chi guarda una gara all'anno per 10 minuti e magari becca Montecarlo

M_90®

che poi, la fisica dei giochi della moto gp fa ridere, sembrano linee rette che si piegano, sono imbarazzanti.

Xbox One e PS4, forse le ultime console con supporti fisici | Speciale

The Vanishing of Ethan Carter: la nostra recensione su Xbox One X

PlayerUnknown’s Battlegrounds: recensione versione Game Preview

Kingdom Come: Deliverance, intervista e anteprima