Last Day of June: la nostra recensione

29 Agosto 2017 10

In questi ultimi anni, l'universo degli sviluppatori indipendenti sta portando alla luce avventure talmente ispirate da far impallidire diverse produzioni tripla A. Mostrato durante l'E3 2017, Last Day of June è uno di quei titoli che punta a colpire l'animo del giocatore attraverso una trama tanto tragica quanto accattivante, affiancata da un sistema di gioco in grado di far spremere le meningi tramite serie di enigmi basati sull'effetto farfalla.

TRAMA

Come riportato nella nostra anteprima, disponibile a questo link, Last Day of June narra la triste vicenda di una coppia colpita da un'immane tragedia. Durante una gita Carl e June vengono sorpresi da un temporale ma il destino beffardo decide di far perdere il controllo dell'auto a Carl. L'uomo perde l'uso delle gambe mentre June non sopravvive allo scontro.

Dopo aver pianto la moglie, Carl prende il coraggio a due mani e decide di entrare nella stanza in cui la consorte coltivava l'hobby della pittura. Qui un evento soprannaturale trasforma i quadri in veri e propri portali grazie ai quali il protagonista potrà viaggiare indietro nel tempo e vestire i panni dei pochi abitanti di un villaggio. Lo scopo è quello di intervenire sugli eventi lontani nel tempo per sfruttare l'effetto farfalla ed evitare l'incidente.

Senza fare alcuno spoiler, Last Day of June è in grado di mantenere l'attenzione del giocatore grazie alla presenza di enigmi non proprio semplici da risolvere e alcuni oggetti collezionabili in grado di approfondire la trama stessa. In determinati momenti si potrà inoltre assistere a figure statiche che mostrano alcune situazioni della vita della coppia. E' importantissimo osservare con attenzione ogni singola scena se si vorrà capire al 100% quanto preparato dagli sceneggiatori. Il quadro completo è perfettamente in grado di colpire i sentimenti dell'utente, accartocciarli e buttarli via. Un paio di colpi di scena sono talmente inaspettati da lasciare lo spettatore a bocca aperta, il tutto poi seguito da un finale che lascerà il segno.

Abbiamo completato Last Day of June in circa 5/6 ore di gioco, tempistica che può essere allungata se si decide di esplorare per bene l'area di gioco in modo da raccogliere tutti i collezionabili.

GAMEPLAY

Last Day of June è un adventure game in cui è possibile avanzare nel gioco solamente risolvendo i vari enigmi presenti. Il puzzle sono proposti in maniera da sfruttare "l'effetto farfalla", di conseguenza ogni azione avrà delle ripercussioni che porteranno o meno il giocatore nella direzione giusta. In un primo momento il giocatore potrà disporre solamente di un personaggio, ma in seguito sarà necessario vestire i panni di quattro abitanti del piccolo villaggio.

Ogni figura avrà a disposizione un'abilità specifica. Il bambino potrà tirare la palla per interagire con lo scenario e aprire alcune vie bloccate dalle fioriere, il cacciatore avrà modo di utilizzare il fucile e chiamare il proprio cane in supporto. Ogni scenario può essere risolto con azioni differenti ma la soluzione corretta sarà una sola. Il sistema è stato studiato in maniera da dare la possibilità al giocatore di rivivere la stessa scena quante volte vuole, in modo da capire come intervenire e impedire che l'incidente si tramuti in realtà. Il gioco non avverte se la via intrapresa è quella giusta o sbagliata. Dopo alcune situazioni ci si troverà di fronte alla possibilità di "concludere il giorno" e verificare se quanto eseguito sia davvero in grado di salvare June.

E' bene sottolineare che i quattro personaggi non saranno disponibili fin da subito. Si partirà con il bambino, per poi passare alla migliore amica, al cacciatore e al vecchietto. I protagonisti potranno essere sbloccati solamente risolvendo i puzzle legati all'eroe precedente, senza contare inoltre la necessità di dover interagire con tutto il roster. Più semplicemente, ci si ritroverà ad affrontare più volte le stesse giornate, con soluzioni sbagliate, in modo da sfruttare le abilità del nuovo personaggio sbloccato, aprendo quindi nuove vie e mettendo a disposizione oggetti che possono tornare utili solamente a una figura differente. La cosa si complica ancora di più se si deciderà di andare a caccia dei ricordi, collezionabili sotto forma di fotografie.

La soluzione intrecciata proposta dagli sviluppatori è in grado di tenere il giocatore incollato allo schermo. La curiosità di vedere cosa accadrebbe in caso si decidesse di effettuare determinate scelte risulta talmente accattivante da tentare ogni tentativo possibile. La presenza di una location non proprio vasta ma dalle dimensioni accettabili rende inoltre meno frustrante il dover tornare indietro e rifare alcune azioni. Il gioco accorcia comunque alcuni momenti non chiave effettuati la prima volta, di conseguenza la sensazione di frustrazione potrà farsi sentire. E' necessario sottolineare che dopo un determinato evento, il gameplay subirà una variazione e proporrà un sistema di enigmi leggermente differente.

Last Day of June è il classico titolo che riporta alla memoria produzioni come The Secret of Monkey Island e simili. Chi ha affrontato i vari punta e clicca ha, quasi certamente, optato per proporre i puzzle ad amici e parenti, in modo da avere più pareri sulla soluzione. Poiché durante la nostra prova negli uffici di Halifax avevamo risolto la maggior parte dei bivi, per questa recensione abbiamo scelto di sederci comodi in poltrona, invitare qualche amico e comandare il personaggio, ascoltando i suggerimenti nati dai ragionamenti dei presenti. Come previsto, abbiamo ottenuto proprio l'effetto ipotizzato in precedenza. In poco tempo abbiamo assistito a dibattiti ed elucubrazioni di ogni genere, il tutto condito da sentimenti in grado di andare dal divertimento ai duri colpi al cuore causati dalla trama stessa.

TECNICA

Il comparto tecnico di Last Day of June si basa su una concezione cartoon caratterizzata dalla presenza di un gioco di colori in grado di rendere l'atmosfera quanto più poetica possibile. Il sistema di illuminazione e le tonalità scelte per l'occasione vanno ad esaltare una preponderante colorazione che mixa il rosso e l'arancio in maniera sapiente ricordando il periodo autunnale. Impossibile non apprezzare le animazioni: ogni personaggi ha a disposizione una serie di movimenti esclusivi che lo caratterizzano.

Ottimo anche il comparto audio, seppur tutti gli abitanti del villaggio comunichino tra loro con mugolii in perfetto stile The Sims. L'intera esperienza si basa sulle musiche di accompagnamento realizzate da Steven Wilson, il quale ha saputo donare all'avventura una serie di sinfonie in grado di sfiorare l'epicità.

COMMENTO FINALE

Last Day of June è un piccolo capolavoro che deve essere assolutamente provato. Distribuito al prezzo di 19.99 euro (con tanto di 10% di sconto se si decide di effettuare il preorder e altri bonus, tutti i dettagli a questo link), il titolo si distingue per trama magistrale, gameplay accattivante e un impatto visivo poetico per questa produzione di 505 Games.

Non abbiamo praticamente mai riscontrato alcun difetto, sia a livello di codice che di concezione degli enigmi. In maniera egoistica, avremmo fortemente voluto un numero di ore maggiore prima di raggiungere il finale, ma il rapporto qualità/prezzo è convincente. La natura del gioco stesso rende poco appetibile il fattore rigiocabilità, seppur siamo comunque certi che per apprezzare al massimo la trama sia necessario affrontare almeno un paio di volte il tutto, andando alla ricerca dei collezionabili e facendo caso a diversi elementi che potrebbero essere sfuggiti durante la prima run.

  • GAMEPLAY 9
  • TECNICA 9
  • LONGEVITA' 8
  • MULTIPLAYER -
  • GLOBALE 9

TITOLO TESTATO SU PLAYSTATION 4.


L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Tiger Shop a 584 euro oppure da Amazon a 650 euro.

10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
rsMkII

Penso tu sia l'unico al mondo in grado di non capire che lo fosse. Davvero. Senza offesa.

Echoing

Se la tua è ironia ti consiglio vivamente di lasciar perdere. Fai pena. Senza offesa.

rsMkII

Ironia, questa sconosciuta...

Echoing

Peccato che June è il nome di lei non il mese in questo caso

Francesco Volpe

Last day on Earth!!!

sardanus

un po in ritardo :D
ah no mi hanno anticipato :(

rsMkII

Appunto!

CAIO MARIOZ

Last day of August

Enzo

Non uscirà su Switch?

rsMkII

In ritardo di due mesi...

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione