Arms: nuovo aggiornamento permetterà di riconfigurare i tasti dei Joy-Con

08 Settembre 2017 17

Non sappiamo ancora con esattezza quando Nintendo pubblicherà il nuovo aggiornamento di Arms, noto divertente picchiaduro uscito in esclusiva su Switch, tuttavia dall'account Twitter giapponese del titolo giungono interessanti novità.

Il nuovo update che porterà Arms alla versione 3.0 introdurrà infatti la possibilità di personalizzare e quindi "mappare" a proprio piacimenti i tasti dei Joy-Con. Si segnala inoltre che i giocatori potranno anche bilanciare la sensibilità dei sensori di movimento.

L'aggiornamento dovrebbe debuttare la prossima settimana, ma la data precisa non è ancora stata divulgata. L'update introdurrà inoltre un nuovo stage e un inedito personaggio, la colorata Lola Pop, dotata ovviamente di abilità e armi esclusive.

Arms, per chi non lo sapesse, è un divertente picchiaduro 3D, in cui boxe e braccia estendibili sono due degli elementi principali del gameplay. Ogni personaggi presente nel roster è ovviamente dotato di esclusive abilità e di punti di forza unici.


17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Max

RiccardoC

sì io ne ho 41, ormai 5 anni di differenza sono poco più di un dettaglio, anche se, diversamente da me, hai iniziato a fare figli MOLTO prima (il mio primo è nato nel 2015!).
Anche io ho iniziato con il Vic-20, credo attorno all'84, ma prima appunto avevo provato i videogiochi in sala giochi (appunto erano altri tempi, non era normale avere un computer in casa come adesso, anzi era decisamente "originale").
Chiaramente il mio figlio grande è molto curioso ed attento (anche il piccolo, ma appunto ha 4 mesi!) e quindi nota ed osserva gli oggetti presenti in casa ed è successo diverse volte che ne abbia usato qualcuno, ma sempre appunto in nostra compagnia e con la nostra totale supervisione.
Quando ha iniziato a dire le prime parole circa un anno e mezzo fa, era molto curioso dei nostri smartphone e appena aveva occasione li prendeva in mano; abbiamo trovato la soluzione di dargli un vecchio smartphone, senza sim e con il wifi disattivato ovviamente, di cui lui potesse disporre liberamente (un galaxy ace, pressoché inutilizzabile secondo i canoni attuali e di valore nullo, ma discretamente robusto e quindi adatto a resistere alle sollecitazioni di un bambino di quella età, più dei nostri costosi smartphone di ultima generazione!). Ci ha giocato per un po', poi si è reso conto che trattori e macchinine erano più interessanti e non lo ha più cercato; al massimo se vede che lo stiamo usando noi ci dice "che stai facendo? me lo fai vedere?", ma solo se non è impegnato in altro, oppure prende un oggetto qualsiasi, se lo mette all'orecchio e dice "sto chiamando il nonno" :-)

Max

Forse ho una manciata di anni più di te (vado per i 46) ma ho passato esperienze simili iniziando con un VCS2600 a casa prima del VIC-20, che mio padre riteneva a ragione più istruttivo di una semplice consolle...
Concordo che 2 anni siano davvero pochi, ma il mio piccolo (il primo ha 19 anni ed all'epoca le cose erano un po'diverse) già intorno ai due anni curiosava sui dispositivi di papà, pur non avendone accesso esclusivo naturalmente. I tempi cambiano e non è giusto usare per loro i nostri standard secondo me...

RiccardoC

d'accordissimo, mi sono spiegato male; io gioco con i videogiochi da quando avevo 6-7 anni (o forse anche prima con i Game & Watch, non ricordo di preciso); certo nulla di paragonabile adesso, ai tempi il massimo era pacman in sala giochi, anche se ho un vago ricordo di strani giochi elettromeccanici (dei cabinati con delle sagome che si muovevano e "sparavi" con un fucile a luce!) :-D
E' solo che i miei figli al momento sono davvero troppo piccoli: 2 anni e mezzo e 4 mesi :-D
Quando andrà a scuola, o anche un po' prima, figurati se non gli faccio provare qualche gioco, un appassionato come me ha solo l'imbarazzo della scelta, potrei mettergli in mano il Gameboy Pocket per esempio, mi sembra la cosa più simile ai Game & Watch che avevo da bambino e secondo me deve provare almeno una volta il miglior tetris di sempre, appunto quello del Gameboy :-D

Max

Come tutto, non bisogna esagerare

Idkfa

Credo anche io che non valga la pena di connotare negativamente l'uso dei videogames, anzi migliorano la coordinazione tra mano e occhio, oltre a sviluppare la rapidità del processo di scelta. Ovviamente vanno usati nei limiti della ragionevolezza

Max

Il mio, sotto il controllo dei genitori, ha iniziato con il tablet a 5 anni. Poi è arrivata la Wii U a 6 (pessimo acquisto) ed oggi ha una 3DS, il mio vecchio iPad Air ed una Switch nuova di pacca (che in realtà si è in gran parte finanziato da solo con i regali dei nonni).
Basta non esagerare, ma ritengo che i videogiochi siano più salutari della TV sorbita passivamente

RiccardoC

ok i miei figli sono ancora piccoli, per i VG c'è tempo :-)

Max

Fondamentalmente si... Tieni conto che la switch è per mio figlio di sette anni ed io ci gioco per divertimento insieme a lui (in coop o contro)

RiccardoC

da quello che ho visto sembra il classico gioco dove impari la base in un attimo, ma ci metti una vita a padroneggiarlo pienamente (e quindi, come ho scritto sopra, non più compatibile con la mia vita), confermi?

RiccardoC

chiaro, diciamo che non ho messo la panza (proprio per nulla) e già questo mi distingue da un buon 80% dei coetanei, ma non mi definirei in forma (faccio attività fisica, ma non molta); ma per i riflessi c'è poco da fare, si parla di frazioni di secondo rispetto a prima, ma quel tanto che basta per cui un ragazzino arriva sempre prima di te ed in Arms il tempismo è fondamentale.
Se a questo aggiungi il fatto che in questi giochi è fondamentale anche la "memoria muscolare", ovvero quei movimenti che fai spessissimo al punto che diventano naturali quasi come respirare, capisci che anche la frequenza con cui riesci a giocare e la durata delle sedute non è compatibile con la vita di una persona che lavora e passa del tempo coi propri figli.
Bada bene, non è nostalgia, mi va bene la vita che ho ed ogni età ha le sue soddisfazioni ed i suoi problemi, semplicemente dico che per me ormai sono più adatti altri giochi (per esempio Radib Kingdoms!) :-)

Masterpol

beh oddio a 40 anni se in forma ci dai dentro ancora parecchio fisicamente (vedi pugili / calciatori ecc...). poi se ti sei adagiato a fare il divanaro e sfondarti di birre è un altro conto (io più o meno sto nel mezzo :D)

Eros Nardi

i testpunch non mi hanno convinto..
sarà che dopo smash bros non mi è piaciuto più nessun picchiaduro a parte soul calibour 2..
(si, ho provato i nuovi tekken e mortal kombat, è un po' che non vedo DoA, ne fanno più?)

RiccardoC

bel gioco, ma non adatto a me, mi sa che sono diventato troppo vecchio; c'è qualche altro over 40 (possibilmente con figli) che riesce a giocare bene con Arms non avendo più ne' i riflessi ne' il tempo da dedicare che aveva 20 (o anche solo 10) anni fa?

Nuanda

Gran bel gioco e uno dei pochi difetti erano proprio la mappatura dei tasti....

Max

Giochino dalla dinamica molto semplice ma che prende moltissimo.

Joao

https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione