Nioh: il DLC dal nome La Fine del Massacro arriva il 26 settembre

08 Settembre 2017 3

Dopo "Onore Sprezzante", Nioh sta per ampliarsi con la sua ultima espansione intitolata "La Fine del Massacro" che sarà disponibile a partire dal 26 settembre.

Il nuovo DLC porterà i giocatori all'interno del perfetto capitolo finale che concluderà la sanguinosa era Sengoku. Gli eventi proseguiranno dal punto in cui si erano interrotti nel precedente contenuto aggiuntivo. L’assedio della campagna invernale di Osaka è quindi giunto al termine grazie a un negoziato di pace tra Toyotomi e Tokugawa. La situazione però è ancora critica e lo scoppio di una rivolta e di un'altra guerra è praticamente inevitabile.

L'espansione includerà quindi al suo interno una serie di nuove missioni, principali e secondarie, inediti Yokai, nuovi personaggi e Spiriti Guardiani.

"La Fine del Massacro" però introduce anche nel gioco un nuovo livello di difficoltà e l'imperdibile "Abisso", un'inedita modalità caratterizzata da epiche battaglie e sfide uniche pensate per i giocatori più abili. I guerrieri più forti potranno quindi mettersi alla prova su un campo di battaglia dove gli scontri non termineranno mai.

Il nuovo DLC potrà essere scaricato gratuitamente da tutti i possessori del Season Pass, mentre gli altri giocatori dovranno acquistarlo al prezzo di 9,99 euro.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giu P

Merita , gioco molto bello anche se le ore perse per farmare non si contano .
Per platinarlo e completare almeno la storia e le missioni dei dlc ci sono volute 138 ore di gioco.

Pier Giorgio

Merita o per inerzia?

Giu P

Platinato qualche giorno fa e finiti i due dlc, aspetto questo terzo dlc ;)

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione