Football Manager 2018: la nostra recensione

10 Novembre 2017 36

Ogni anno tutti gli appassionati di calcio manageriale attendono con trepidazione l'arrivo del nuovo episodio di Football Manager che anche questa volta non si fa attendere e si presenta a Milano Football Museum.

Sport Interactive è ormai il leader indiscusso all'interno dei manageriali di calcio tuttavia bisogna tenere ben presente che effettivamente la serie non ha un vero e proprio rivale. Nonostante la mancanza di un avversario, la software house nel corso degli anni ha però sempre cercato di migliorare Football Manager, aggiungendo nuove funzioni, rendendo il tutto il più realistico possibile, modificando l'interfaccia di gioco e lavorando sulla tecnica.

Nota: testato su PC

CONTENUTI

Il fulcro su cui ruota Football Manager 2018 rimane ancora una volta la modalità Carriera e quindi si vestiranno i panni di un allenatore, al comando di una qualsiasi squadra con l'obiettivo finale di portarla al successo.​ Sarà necessario gestire vari aspetti sia dentro che fuori dal campo. Bisognerà, ad esempio, tenere a bada la stampa, organizzare la squadra e i giocatori che ne fanno parte, cercando anche di accontentare le loro richieste dove possibile. Si dovranno vendere e comprare atleti, ingaggiare Osservatori, controllare lo stato di salute dei nostri giocatori, mantenere sempre alto l'umore negli spogliatoi, ascoltare persino i tifosi e studiare le tattiche migliori da attuare durante le partite.

L'esperienza generale del gioco rimane quindi praticamente invariata rispetto agli episodi precedenti. I veterani della serie si sentiranno subito a casa nonostante alcune nuove funzioni e cambiamenti, nell'interfaccia di gioco, dovranno essere metabolizzati a dovere.

I neofiti della serie si troveranno invece all'interno di un manageriale davvero immenso che tenta di rispecchiare nel modo più simile possibile la realtà e tutte le meccaniche che girano intorno al mondo calcistico.

Presente l'editor che permetterà di creare il proprio alter ego virtuale e si potrà decidere se si vorranno vestire i panni di un allenatore da tuta o di uno tattico. In base alla scelta si andrà ad influenzerà una serie di caratteristiche che potranno essere sviluppate assegnando punti extra in perfetto stile RPG.

Al termine di questa fase iniziale si prenderanno in mano le redini della squadra ed entreremo nel mondo virtuale di Football Manager. Immancabile ovviamente la presenza di un database vastissimo che comprende una moltitudine di squadre, calciatori e staff tecnico.

Tra le altre modalità proposte, torna il Fantasy Draft impreziosito quest'anno da una nuova interfaccia creata principalmente per agevolare lo streaming e dall'implementazione di nuove opzioni per squadre e budget. Non dimentichiamoci inoltre della Carriera Online e di Football Manager versione Touch, dedicato ai dispositivi mobili e permette agli utenti di affrontare il gioco manageriale in modo molto più semplificato.

GAMEPLAY

A livello di gameplay, una delle novità che salterà subito agli occhi è l'implementazione di un nuovo sistema denominato "Dinamiche". In pratica si tratta di un inedito modulo che permette di gestire in modo più approfondito e di avere una visione completa dello spogliatoio e delle dinamiche che si creano al suo interno. Conosceremo ad esempio quali giocatori della nostra squadra sono più influenti, se sono presenti problemi con lo staff, sapremo lo stato d'animo di ogni singolo atleta e se tra di loro fanno d'accordo.

Le Dinamiche si basano su tre elementi principali: Coesione Partita (comprensione tra i giocatori in campo ), Atmosfera dello Spogliatoio e Sostegno Allenatore (le aspettative che i giocatori hanno sul manager). Tutti e tre dovranno essere costantemente monitorati in quanto ogni singolo valore influenzerà il rendimento della squadra sul campo da calcio.

Sulla carta l'aggiunta risulta indubbiamente interessante in quanto permette ai Manager di avere una visione molto dettagliata di quello che accade all'interno della squadra, con dinamiche assolutamente realistiche che comprendono anche eventuali rapporti di amicizia tra i giocatori. Il sistema però non risulta ancora sfruttato a dovere a causa anche di un'AI non proprio performante che spesso porta i giocatori a rimanere della loro opinione nonostante fiumi e fiumi di parole. La sensazione è infatti quella di dover fare i babysitter a calciatori ultra viziati.


Altra interessante novità è l'introduzione del Centro Medico che fornisce una panoramica completa del rischio di infortuni e della condizione di salute globale di ogni nostro atleta. Le informazioni elargite nella sezione sono davvero tante ma l'interfaccia risulta poco chiara ed intuitiva. Da segnalare inoltre che, rispetto al capitolo precedente, il numero di infortunati dopo ogni partita non sembra voler diminuire e non di rado capiterà di trovarsi con una squadra quasi decimata.

Cambiamenti significati sul fronte dello scouting e del calciomercato. Entrambi sono stati completamente rivisti e resi più attuali e realistici con l'introduzione di alcune "chicche", tuttavia l'interfaccia delle due sezioni non paga e, come accade nel Centro Medico, il tutto risulta poco intuitivo e caotico, anche per i veterani di Football Manager.

Parlando di scouting, oltre alla possibilità di impostare un budget in linea con gli obiettivi della nostra società, viene introdotta la figura del Data Analyst che affiancherà la schiera di Osservatori e risulterà fondamentale nei briefing pre-partita. Grazie al suo aiuto infatti sapremo in anticipo alcuni punti di forza e le rispettive debolezze del team avversario al fine di attuare modifiche tattiche prima di scendere effettivamente sul campo da gioco.

Interessanti alcune piccole aggiunte nella schermata relativa ai giocatori nella sezioni Osservatori. Un valore numerico a fianco di ogni calciatore, ad esempio, permetterà di capire all'istante se l'atleta in questione potrebbe essere un buon acquisto ed un piccolo grafico indicherà i ruoli migliori per il giocatore in questione.


Fare acquisti per rimpolpare la propria rosa però non sarà proprio una passeggiata, le cifre sono decisamente alte, alcune persino eccessive, e le controfferte delle altre società spesso raggiungono numeri da capogiro, a volte troppo distanti dalla realtà. Capiterà inoltre che il giocatore dei nostri sogni ci verrà portato via con offerte inferiori alla nostra senza capirne il motivo.

Nel complesso però il sistema funziona e diverte, inoltre l'aggiunta delle nuove opzioni di pagamento e dei prestiti biennali con con obbligo di riscatto, rendono il tutto più realistico.

Ricordate inoltre che vendere un giocatore "influente" all'interno dello spogliatoio potrebbe non essere particolarmente apprezzato dagli altri giocatori che non nasconderanno il loro malcontento: correre ai ripari sarà l'unica soluzione possibile prima che la situazione degeneri.

Immancabile ovviamente la sezione dedicata alle Tattiche che Sport Interactive ha ampliato a dovere con una cura nei dettagli quasi maniacale. Si potrà fare praticamente qualunque cosa: saremo in grado di gestire ogni singolo aspetto sia dal lato difensivo che offensivo, sono stati introdotti nuovi ruoli, ogni singolo atleta potrà avere un suo comportamento in campo e cosi via. Continua invece a non essere presente una sorta di modalità "allenamento" nella quale provare i vari moduli e strategie prima di scendere sul campo da calcio.


Nel corso dei match si potrà inoltre interagire in vari modi con la squadra tramite una schermata molto più dettagliata rispetto a quella presente nel precedente episodio: nonostante risulti più intuitiva, prima di padroneggiarla al meglio sarà necessario del tempo.

Football Manager ha sempre cercato di stare al passo coi tempi e diventare anno dopo anno sempre più realistico. Nel 2017, il team di sviluppo aveva quindi deciso di implementare alcune meccaniche di gioco legate alla "Brexit" e quest'anno invece ha pensato di dare spazio ai calciatori che decidono di fare Coming out, svelando di fatto il loro orientamento sessuale. Un aspetto che ha fatto discutere ma rimpolpa anche le casse della nostra società in quanto alcune associazioni faranno donazioni consistenti quanto un nostro calciatore deciderà di fare outing.

TECNICA

Football Manager non è un gioco che si compra per la grafica, è un manageriale e il 99% del tempo lo si passa a gestire ogni aspetto della squadra all'interno delle innumerevoli schermate di gioco. Sport Interactive ha comunque voluto migliorare alcuni aspetti prettamente visivi e il motore grafico in 3D non delude.

Presenti nuove animazioni e modelli poligonali, buona anche l'entrata in campo delle squadre, le movenze degli arbitri e le esultanze al gol. Il pubblico è più reattivo, curato ed è stata ampliata la varietà degli stadi, il tutto contornato da un'illuminazione più realistica.

I miglioramenti, che comunque non sono esenti da alcune sbavature, hanno però reso il gioco indubbiamente più pesante e quindi i giocatori con PC non proprio performanti potrebbe riscontrare qualche problema. Da segnalare inoltre che le simulazionei delle partite hanno tempi molto più lunghi rispetto al precedente episodio, anche se abilitiamo la massima velocità.

L'interfaccia non presenta differenze epocali tuttavia varie sezioni sono state riprogettate e non neghiamo che abbiamo avuto inizialmente qualche difficoltà nel trovare determinate voci, specifici menu e settaggi.

Sul fronte dell'AI non sono presenti grandi miglioramenti, i dialoghi con i calciatori sono sempre molto basilari, poco originali e le risposte che otterremo saranno sempre le stesse. Anche sul fronte della stampa la situazione rimane praticamente identica al passato.

CONCLUSIONE

Football Manager 2018 è indubbiamente un ottimo manageriale che però continua a portarsi dietro alcuni storici problemi, tra cui il numero di infortunati dopo ogni partita e un'AI non proprio performante.

Come ogni anno, Sport Interactive ha cercato di aggiungere nuove funzioni tra cui le Dinamiche, un'sistema che sulla carta ha delle potenzialità ma in pratica non è stato sfruttato a dovere e spesso si ha la sensazione di essere diventati dei babysitter.

Interessante invece il centro medico, le modifiche apportate al calciomercato e alla sezione degli Osservatori. Ovviamente non stiamo parlando di modifiche epocali ma di piccole aggiunte che vanno ad ampliare l'esperienza complessiva del gioco.

Ammirevole la volontà di voler migliorare alcuni aspetti prettamente visivi con un motore grafico in 3D potenziato tuttavia tale aspetto è andato ad appesantire notevolmente il gioco. Se considerate che abbiamo giocato a Football Manager 2018 con un hardware che monta un i7 4790K 4.00GHZ con Nvidia Geforce GTX 1080 e 16GB DDR5, con tutto il database installato, le prestazioni erano di una stella e mezza.

DINAMICHE INTERESSANTI BUONE LE MODIFICHE AL CALCIOMERCATO E AGLI OSSERVATORIMIGLIORATO L'ASPETTO GRAFICO.....
AI POCO PERFORMANTEIN ALCUNE SEZIONI L'INTERFACCIA DI GIOCO RISULTA POCO INTUITIVAMA APPESANTITO NOTEVOLMENTE IL GIOCO
Postazione di prova

GAMEPLAY: 8
TECNICA: 8
MULTIPLAYER: 8
LONGEVITA': 10
GLOBALE: 8

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 885 euro oppure da Amazon a 1,049 euro.

36

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sagitt

Stiamo parlando del calcio, non c’è logica dietro.. è puro fanatismo dettato dal contesto sociale... vai in USA e FM = 0, al massimo Basket Manager

Lorenzo Rossi

sicuramente ha molti più punti a favore di una cosa che viene acquistata da poche persone... e poi il 80-90% delle volte si.. se una cosa va alla grande è giusta

delpinsky

La prima volta che ho fatto il ricercatore per l'Italia fu per Championship Manager 1997/98 Credo di avere da qualche parte ancora l'Almanacco di quell'anno :) A Oliver Collyer chiesi all'epoca se fosse possibile inserire un engine 3D tipo Virtua Soccer oppure simile a Player Manager di Dino Dini, ma mi rispose che non c'era sufficiente potenza grafica per realizzarlo. A distanza di 20 anni non hanno fatto molti passi in avanti da quel punto di vista. Ho sempre amato Championship Manager sin dai tempi dell'Amiga, ma onestamente non ci gioco più da quando hanno messo il primo motore di gioco con vista dall'alto. Odiosissimo. Finché non fanno un motore di gioco 3D più realistico non lo prendo. Poi l'interfaccia grafica la preferivo prima. Questa sembra troppo asettica e piena di "cose" all'inverosimile.

Paul The Rock

Ma c'è ancora la possibilità di scegliere se giocare in modalità completa o in modalità "classica" con meno cose da gestire e quidni più veloce (era presente nella versione 2014, non so se nelle successive c'era ancora)?

Ikaro

Insomma, la solita solfa, una IA, anche la tua, che più che altro gioca contro di te che con te mista ai soliti contorni fatti apposta per metterti i bastoni tra le ruote (son anni che dovrebbero evolvere quelle scandalose interviste e i prezzi folli del calciomercato: quando vuoi vendere ti ritrovi sempre a dover scendere di prezzo, quando vuoi comprare, gli devi dare pure il cul0) eppure rimane sempre un gioco appassionante...
Dovrebbero però pensare a un abbonamento, magari annuale, o almeno dare la possibilità di importare database precedenti, come gioco una "partita" potrebbe durare anni e non sarebbe male giocarla con le "migliorie" che escono di anno in anno

Sagitt

Ah ok

tyrion94

no, volevo commentare per prendermi i big likes

DaemonRaging

Da provare sicuramente anche su iOS è arrivato in una sua forma molto più semplice rispetto alla versione classica su PC ma sempre godibile.

Shrek

Longevità: 12

Shrek

No

Stefano

Ottimo il supporto a linux al day one. Bravi.

Stefano

Io a scudetto ci gioco ancora oggi, è scaricabile gratuitamente.

densou

ridateci FIFA MANAGER :( dove si poteva anche far il presidente (ma c'era cmq da far il resto....forse con qualche versione in più, si migliorava l'implementazione del ruolo)

Sagitt

quindi se una cosa va alla grande, è giusta?

Sagitt

come ho detto, è meglio di fifa e company ma fa c4gare comunque

M_90®

quanti anni ho giocato a fm, diventa come una droga, un passatempo stimolante e difficile. tra l'altro da quanto ho letto oggi, che è uscita la release sul torrente, sarà difficile da crackare perchè ha la stessa protezione di AC, quindi bisognerà per forza prenderlo originale, potrà fare buoni risultati quest'anno.

M_90®

è molto diverso sagitt, sono meccaniche completamente differenti. Fm ti prende una volta che cominci a giocare perchè si avvicina molto alle meccaniche reali, diventa quasi una droga. hai bisogno di strategie, devi scommettere sui giocatori durante le campagne acquisti per capire se potranno aiutarti o meno, ti scontrerai con varie difficoltà, è tutto molto diverso e a me è sempre piaciuto tantissimo. :)

dari89

Capolavoro, ricordo che ci facevo intere squadre di fenomeni costruite con i parametri zero

dari89

Non era tutto un altro gioco, scudetto era dello stesso team di sviluppo sports interactive prima che cambiassero publisher e quindi hanno dovuto cambiare nome in football manager, fidati perché anch'io li ho giocati quasi tutti in questi anni

franky29

Football manager non si è mai chiamato in quel modo quello era tutto un altro gioco

Edoardo Carlo

Io gioco ancora a FM 2005 :P

Max

Max

Lo ricordo bene quello

Max

FM 2018 Touch ? Non lo vedo nello store

Lorenzo Rossi

se non ti piace perchè commenti in modo così " interessante " ? .... se guardi alle vendite nelle varie versioni definirlo gioco di m ti rende solo ridicolo.... o bimbomichia ?

Stefania Costa

Ciao, FM 2018 è disponibile da oggi

-|benzo|-

siamo vecchi :D

Mark984

Io avevo quello del 94.
Solo la serie A e qualche stella acquistabile dall'estero

Luca Candiloro

Durante la partite non ci sono i colori delle magliette e spalti e giocatori sono totalmente neri.. Sapete darmi una spiegazione? Grazie

Max

Lo cambiavi ogni anno ? Ma non ti dispiaceva perdere tutto il lavoro svolto? Per me questo gioco va cambiato non prima di due anni

Max

Gioco ancora a FM touch 2016 su iPad: una droga. Ho saltato il 2017 ma stavo pensando al 2018. Notizie sul l’uscita?

-|benzo|-

hai dimenticato pc calcio?!?? :D
https://uploads.disquscdn.c...

Lukinho

Gioco a FM da quando si chiamava Scudetto 2000/2001 o Championship Manager 2000/2001...
Ma forse sarà per via dell'età, o forse del sempre meno tempo disponibile, quest'anno per la prima volta ho deciso di non prenderlo al lancio...per la prima volta dopo 15-16 anni.

Sagitt

ti ho toccato nel profondo :D?

tyrion94

Che commento di m, ma sicuramente meglio di... no niente

Sagitt

che gioco di m, ma sicuramente meglio di fifa & company

I migliori giochi per smartphone di gennaio | Video #MOBILEGAMING

Recensione Super Smash Bros. Ultimate: è il miglior Smash di sempre | Video

I migliori giochi per smartphone di dicembre | Video #MOBILEGAMING

Red Dead Redemption 2: la nostra recensione. Una vita da fuorilegge