Wolfenstein The New Colossus: la nostra recensione

13 Novembre 2017 31

In un periodo in cui i titoli single player basati su un forte comparto narrativo e strutturalmente lineari sono a rischio, Bethesda e MachineGame hanno rilasciato Wolfenstein II The New Colossus per far capire al mondo intero che è ancora possibile creare un FPS senza multiplayer.

Basato sulle ottime meccaniche di The New Order, The New Colossus amplia ed impreziosisce alcuni aspetti tra cui la possibilità di equipaggiare due armi diverse contemporaneamente. Un titolo brutale, con una storia coinvolgente e personaggi che non si dimenticheranno tanto facilmente. Un gameplay che mescola sapientemente meccaniche più improntate sullo stealth con combattimenti frenetici e un livello generale di sfida degno di nota.

Basteranno questi elementi a non far sentire la mancanza del multiplayer ?

Nota: testato su Xbox One S e Xbox One X (a seguito della patch), disponibile anche per PC e PS4

TRAMA

Dopo gli ultimi drammatici eventi accaduti in The New Order e lo sconto con il pazzo scienziato tedesco, B.J. Blazkowicz non sarà più l'uomo che noi tutti conoscevamo. Devastato sia nell'anima che fisicamente viene salvato da una morte quasi certa e condotto nel sottomarino nucleare il "Martello di Eva".

Per il nostro "maciulla nazisti" inizierà quindi una nuova avventura che si preannuncerà fin da subito ardua, violenta e a tratti persino ironica e commuovente. L'obiettivo sarà quello di liberare gli Stati Uniti d'America dall'invasione dai nazisti fino ad arrivare allo scontro finale con il nuovo personaggio supercattivo: la psicopatica Frau Engel. Un comparto narrativo profondo e coinvolgente che, rispetto a quanto visto nel precedente episodio, analizzerà in modo approfondito anche la terribile infanzia di Blazkowicz, segnata dal rapporto con la madre e con un padre violento.

Il Blazkowicz di Wolfenstein II The New Colossus sarà un uomo inizialmente provato, costretto a combattere su una sedia a rotelle e successivamente obbligato ad indossare un vero e proprio esoscheletro per restare in piedi. E' psicologicamente distrutto e sembra proseguire nella sua guerra solo per forza d'inerzia, vedendo nella morte la sua unica possibilità di salvezza.

Lentamente però il protagonista tornerà ad essere il personaggio che noi tutti conosciamo: violento, sadico e nel pieno delle sue forze, pronto a sterminare con estrema ferocia qualunque cosa intralci il suo cammino.


Ad inizio gioco, un video racconta gli avvenimenti più importanti avvenuti nel precedente episodio. Il filmato, oltre a permettere ai neofiti di capire il contesto della nuova avventura, traghetterà i giocatori verso la storica scelta di The New Order: chi salvare tra Fergus o Wyatt. La decisione influenzerà la storia di Wolfenstein II, proponendo alcune armi differenti, cambiamenti nei dialoghi e in alcune scene d'intermezzo con conseguente variazione anche dei rapporti con i nostri seguaci.

MachineGame sul fronte narrativo ha indubbiamente eseguito un lavoro impeccabile. E' riuscita a portare la serie ad un livello superiore rendendo umana una vicenda fatta di morte, distruzione, ferocia e violenza. Le numerose scene d'intermezzo riescono ad approfondire il background del gioco, raccontando storie che vanno oltre alla semplice liberazione degli Stati Uniti, concentrandosi anche sui personaggi che vantano una caratterizzazione impeccabile.

Fanatismo estremo e surrealismo sono alla base del comparto narrativo che però risulta coerente e credibile, il tutto contornato da un linguaggio penetrante, duro, quasi al limite della decenza. Tutti i personaggi hanno una storia da raccontare ma il lavoro migliore è stato svolto proprio su Blazkowicz e sulla psicopatica Frau Engel che difficilmente dimenticheremo.

GAMEPLAY

Wolfenstein II The New Colossus mantiene le caratteristiche del precedente episodio e quindi parliamo di un FPS in prima persona che ricalca lo stile old school degli sparatutto degli anni 90 nel quale saremo chiamati a sterminare con una violenza inaudita orde di nazisti.

Uno sparatutto frenetico e caratterizzato da un livello di difficoltà generale abbastanza elevato nel quale i parametri di salute ed armatura di Blazkowicz saranno sempre da tenere monitorati. La sua salute potrà raggiungere un valore massimo di 50 che potrà aumentare raccogliendo i vari medikit sparsi nelle ambientazioni ma diminuirà con il passare del tempo fino a tornare al suo level cap. L'armatura invece potrà essere incrementata fino a 200 e diminuirà solo sotto i colpi nemici.

Si potranno impugnare svariate e potenti bocche da fuoco e dare vita a delle vere e proprie carneficine oppure optare per un approccio più stealth sterminando ignari nazisti a suon di ascia cercando di non attivare gli allarmi. Saranno i giocatori comunque a decidere che tipo di strategia utilizzare in quanto le ambientazioni risultano più ampie rispetto al passato, con la possibilità di intraprendere strade alternative per raggiungere l'obiettivo. Le mappe di ogni zona (consultabili in qualunque momento) diventano quindi fondamentali per pianificare al meglio la strategie d'attacco, mostrando punti d'interesse, scale, passaggi e cosi via.

Sul fronte del sistema di combattimento, Wolfenstein II The New Colossus si riconferma un eccellente sparatutto persino quando Blazkowicz sarà costretto ad affrontare gli spietati nazisti bloccato su una sedia a rotelle con movimenti decisamente limitati. Il meglio però arriverà quando, grazie ad uno speciale esoscheletro, il nostro "eroe" tornerà a camminare.

L'arsenale di armi non è particolarmente vasto ma sufficiente a far fronte a qualunque situazione: pistole, fucili d’assalto, a canne mozze, al plasma, lanciagranate, le immancabili bombe e l'impareggiabile ascia che, oltre sbloccare l'entrata di passaggi alternativi, si rivelerà molto utile in fase stealth per eseguire uccisioni davvero epiche.

Nella maggior parte dei casi si potranno impugnare contemporaneamente due armi identiche o diverse con l'unica limitazione data dall'impossibilità di mirare. Recuperando i Kit potenziamento saremo in grado di rendere il nostro arsenale più performante aggiungendo, ad esempio, silenziatori o aumentandone la potenza con proiettili speciali. Il feedback delle armi si riconferma ottimo grazie ad un rinculo credibile e ad effetti sonori praticamente perfetti.

Torna dal capitolo precedente il sistema di talenti che viene ampliato ma il suo funzionamento rimane praticamente invariato. In ogni categoria sono presenti svariati potenziamenti, sbloccabili dopo aver raggiunto una serie di requisiti. Molto interessante invece l'implementazioni dei tre upgrade meccanici: il Costrittore - comprime il torace del nostro eroe permettendogli di passare tra fessure o grate - l’Ariete - per sfondare pareti e nemici - e il Bipode - permette di utilizzare dei trampoli per arrivare in luoghi all'apparenza inaccessibili.


Il livello di sfida generale è abbastanza alto anche se affronterete il gioco impostando una difficoltà bassa. In certe zone i nemici risulteranno davvero tanti e sopratutto molto incattiviti. Nazisti in carne ed ossa, altri dotati di impianti meccanici, nemici corazzati, robot giganti, droni e gli immancabili comandanti, faranno di tutto per mandare al creatore Blazkowicz che dovrà sfruttare l'ambiente a suo vantaggio, utilizzando le coperture per tentare di annientare questa feccia umana.

Non mancano ovviamente una serie di collezionabili da reperire che ampliano il background narrativo, inoltre i codici enigma da decifrare a bordo del Martello di Eva (hub di gioco) per conoscere l'esatta ubicazione del comandante in questione e svolgere la rispettiva missione secondaria.

Nell'hub di gioco che visiteremo al termine di ogni incarico principale, saremo anche in grado di interagire coi vari personaggi che avranno una serie di incarichi pronti per noi con tanto di ricompense.

Un gameplay che nel complesso non presenta grossi difetti fatta eccezione per l'IA nemica non particolarmente brillante, causando situazioni che qualche volta sono di fatto un "deja vu". Troviamo inoltre un hub che poteva essere ampliato ulteriormente con incarichi più significativi e vari.

TECNICA

Tecnicamente Wolfenstein II The New Colossus non è un titolo perfetto ma le piccole sbavature ed imperfezioni non rovinano sicuramente l'incredibile il titolo di casa MachineGame che si basa sul noto motore id Tech 6, quello di DOOM e Dishonored 2.​

Le ambientazioni sono evocative, varie e ben strutturate con effetti luce e particellari da lasciare davvero senza fiato. Su Xbox One X (a seguito della patch) risultano molto più travolgenti, con un livello di dettaglio molto più alto e ombre migliori.

Piccole sbavature invece sul fronte delle textures, alcune non eccelse, e sui modelli poligonali dei vari personaggi che non presentano differenze epocali con il passato. Migliorate invece le animazioni che risultano più credibili e realistiche. Completano l'opera un comparto sonoro da dieci con musiche ed effetti sublimi e un doppiaggio in italiano che non presente difetti e risulta all'altezza dell'eccellente comparto narrativo.

In ambito frame rate non abbiamo riscontrato problemi significativi: su entrambe le console di Microsoft Wolfenstein II riesce a garantire un frame rate assolutamente stabile a 60 FPS grazie ad una risoluzione dinamica che su Xbox One X riesce in alcuni momenti a raggiungere i tanto agognati 4K.

Poco performante invece l'intelligenza artificiale con nemici in grado di sfruttare le coperture ma incapaci di creare strategie d'attacco e quindi spesso diventano carne da macello: effettivamente lo sono, tuttavia si poteva sperare in qualcosa di meglio. Nonostante l'AI non brilli per astuzia, il livello generale di sfida non viene intaccato, in quanto la feccia nazista è sempre molto aggressiva e ha un unico obiettivo: eliminarci. In Wolfenstein II The New Colossus non bisogna mai abbassare la guardia ed è necessario studiare sempre la strategia offensiva migliore. In certe situazioni, la voglia di lanciare il controller sarà irrefrenabile e quindi è utile sapere che possiamo cambiare il livello di difficoltà in qualunque momento.

CONCLUSIONE

Bethesda e MachineGame hanno dimostrato che è ancora possibile creare un ottimo FPS senza comparto multiplayer. Wolfenstein II The New Colossus è uno sparatutto in prima persona nudo e crudo che ricalca lo stile old school.

Scaricare interi caricatori sui nazisti regala grandi soddisfazioni e farli a pezzi con l'ascia ancora di più. Un livello di sfida decisamente ostico, nemici a tonnellate, un arsenale non particolarmente vasto ma sufficiente ed esaltare in ogni situazione. The New Colossus però non è solo "sparare a più non posso" ma è anche un gioco che richiede strategia ed è sopratutto dotato di un comparto narrativo profondo e travolgente, surreale, fanatico ma coerente e credibile, in stile Tarantino.

E' difficile trovare negli attuali FPS, una trama geniale e ricca di colpi di scena come quella presente nell'opera di MachineGames, impreziosita da personaggi caratterizzati in modo impeccabile.

NARRATIVA ECCELLENTECOMPARTO SONO DA 10SPARATUTTO OLD SCHOOL CON UN LIVELLO DI SFIDA DEGNO DI NOTA
AI DEI NEMICI NON PROPRIO PERFORMANTEPOCA VARIETA' DEI NEMICIPICCOLE SBAVATURE A LIVELLO VISIVO
  • GAMEPLAY 8,5
  • TECNICA 9
  • LONGEVITA' 8,5
  • MULTIPLAYER -
  • GLOBALE 9

Testato su Xbox One S e Xbox One X (a seguito della patch), disponibile anche per PC e PS4

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact, compralo al miglior prezzo da ePrice a 446 euro.
Samsung Galaxy Tab S2 T719 8.0 Gold 4g Ve è disponibile da puntocomshop.it a 312 euro.

31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
PB

The Old Blood ad ogni modo spiega anche alcune cose di The New Order.

pdor

Grande! un altro motivo per acquistarlo allora :)

Saverio

nel fucile a pompa si possono mettere come upgrade

Saverio

giocalo che è davvero bello questo

ric

Per il multiplayer ci sono già doom e quake champions per chi vuole sparare online

Lorenzo Poli

Nel primo capitolo ricordo che si partiva entrambi da 50 e poi migliorabile collezionando statuette di 10 in 10 fino a 200..ora non so com'è in questo gioco però :)

Stefano Aimo Boot

Bah a me non sembravano così tremende con tutto al massimo ma è anche vero che in wolfenstein non ci si stava un granchè a soffermare su questi dettagli

ErCipolla

Io ho salvato Fergus (sia nel primo che qui quando ti chiedono di rifare la scelta) e comunque la vita è a 50. E' proprio così di suo a prescindere dalla decisione, per scelta narrativa (più avanti il limite viene tolto, ma non spoilero oltre perché è una scena assurda che merita di essere vista).

Matt Ds

vabe', Horizon non lo considero mai, e' fuori scala: oltre il 10, ma caso unico e credo irripetibile in questa gen, PC compreso

ErCipolla

E' decisamente meglio del predecessore da quel punto di vista. Però diciamo che non griderei al miracolo. Gli ambienti rimangono molto statici, l'ambientazione principalmente in interni, l'illuminazione è abbastanza basica, ecc.

Non sto dicendo sia brutto, ma non ti fa neanche "cascare la mascella diciamo". Cioè, se questo è da "9" secondo la recensione, allora a titoli tipo Horizon cosa diamo?

Matt Ds

insomma, le texture erano abbastanza pietose in ogni caso, che poi il risultato generale fosse artisticamente splendido nessun dubbio, del resto pure Doom risulta magnifico in 720p su Switch

Stefano Aimo Boot

Su pc ad ultra già the new order era piuttosto bello e dettagliato

Il Cavaliere

Non vedo l'ora di giocarlo ma primo gioco di nuovo i due precedenti.

Eros Nardi

Fake.
Si sa che non hai una vita a parte odiare Switch basta vedere lo storico dei tuoi commenti.

Lorenzo Poli

"La salute arriva fino a 50 mentre la corazza fino a 200”
È errato, dal momento che questo accade anche in The New Order se si decide di salvare Wyatt.
Se invece si decide di salvare l'anziano Fergus la situazione è capovolta: salute uppabile fino a 200 e corazza fino a 50 (o 100 non ricordo)

Lorenzo Poli

Guarda questo è direttamente collegato a The New Order... Basta giocare solo a quello per capire a pieno la trama di questo Colossus. Al massimo l'espansione stand alone The Old Blood che però è un prequel a The New Order e c'entra già ben poco con quest'ultimo... Quindi non ne vale la pena. Però certo se li provi tutti e 3 è sempre meglio

pdor

così pochi euro,così poco tempo per giocarli tutti mannaggia :( la mia whishlist si allunga, tra nioh, horizon e questo. e sicuro ne sto dimenticando qualcuno... il primo mi era piaciuto parecchio quasi lo reinstallo :)

i proiettili "rimbalzanti" ci sono ancora?

Biso22

Il primo me lo sono giocato con calma anche perchè a un buon livello di difficoltà è abbstanza impegnativo, l'avevo pagato 9 euro quindi tanta roba

Simone Masito Scotti

Spero di trovare un'offerta simile per il primo anche io :D

Silver

> Basteranno questi elementi a non far sentire la mancanza del multiplayer ?

ma PER FORTUNA che non c'e' il multi : averne di giochi cosi'

Primo47

Pensate che sia necessario aver giocato ai capitoli precedenti (principalmente The New Order) per poterselo godere appieno?

futurama92

Preso il primo un paio di settimane fa a 5€. Veramente un gran bel gioco. Aspettiamo come dici tu qualche offerta

Matt Ds

dalle immagini delle review sembra enormemente superiore al predecessore, non e' cosi'? In The New Order tutte le texture erano in bassissima risoluzione, qui non sembra, e credevo fosse un bel passo avanti, tipo Doom, che graficamente e tecnicamente non e' malvagio.

Damiano Galasso

Doom non mi ha entusiasmato per niente..questo invece è un capolavoro!

Georgi Mihaylov

meglio tardi che mai !! ;D

comunque c'e un errore?? ''COMPARTO SONO DA 10'' sarebbe comparto sonoro ?

Liburn

Fatemi un Wolf-Et moderna!

ErCipolla

Ci sto giocando, ottimo titolo, l'unico sparatutto moderno privo di tutte quelle meccaniche da bbk che infestano i vari CoD e simili.

Unico appunto sul voto alla tecnica: sul sonoro concordo, però visivamente ormai il motore IdTech 6 sente il peso degli anni... illuminazione ed effetti particellari in generale non sono all'altezza di altri titoli moderni, senza contare le megatexture che da sempre soffrono un po' dell'effetto "jpeg" su questo engine.

Biso22

Appena fanno qualche offerta sul PSN sarà mio, come il precedente

Manuel

Lunga vita a giochi così!

Frank West

Ci stò giocando adesso, è il miglior fps su console, graficamente mostruoso, migliore persino di Doom.

Simone Masito Scotti

Sapevo che non sarei rimasto deluso da questo capitolo! Aspetto con trepidazione un calo di prezzo

HDMotori.it

Monster Energy Supercross: la nostra recensione

Xbox One e PS4, forse le ultime console con supporti fisici | Speciale

The Vanishing of Ethan Carter: la nostra recensione su Xbox One X

PlayerUnknown’s Battlegrounds: recensione versione Game Preview