Monster Hunter World: la nostra anteprima

07 Dicembre 2017 14

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Prima le console portatili...poi il mondo! Monster Hunter World esce dai ristretti schermi di Nintendo 3DS (e PSP) e si prepara a fare il grande salto sulle console casalinghe (Xbox One e PS4) e su PC, mantenendo intatto il cuore di un gameplay che ha conquistato molti. Si va a caccia di mostri, con un capitolo che abbiamo provato in anteprima e ha aperto le danze con la più classica delle introduzioni in stile cinematografico.

Pochi minuti per conoscere i protagonisti e poi ci si butta in azione con il vantaggio di una meccanica che salta i noiosi tutorial e integra direttamente nelle prime fasi di gioco le informazioni necessarie ai neofiti per prendere confidenza con il titolo.


Creato personaggio e fedele compagno felino, tramite un editor completo e ricco di opzioni, Monster Hunter World ci introduce all'hub che farà da centro per tutte le battute di caccia ai mostri che popolano l'ambientazione di gioco. Qui non assisteremo solo allo sviluppo della trama, guidati dai personaggi non giocanti che godono di un doppiaggio parlato nelle main quest, ma vivremo la nostra storia in un avamposto animato, ricco di attività dalla cucina alla forgia, senza dimenticare ovviamente le nostre stanze dove gestire l'equipaggiamento, importantissimo per la progressione nel gioco al fine di affrontare mostri sempre più forti.

La prima cosa che salta subito all'occhio e distingue questo episodio è l'integrazione fra trama e gameplay, due aspetti ben coesi e caratterizzati dalla continuità necessaria ad immergerci meglio nel mondo di gioco. Sempre in tema di coesione, lodevole l'introduzione alle meccaniche con tutorial "nascosti" e camuffati sotto forma di interazioni con i vari NPC.

La sensazione è quella di un "corso accelerato" che però risulta completo, facendoci scoprire meccaniche avanzate quando servono e soprattutto tagliando sui tempi morti. Si va subito in azione ma senza sbatterci la faccia se non si è esperti conoscitori della serie, tanto che anche la fase di indagine è semplice: si trova la zona, un po' di esplorazione, qualche traccia da leggere per addestrare il nostro sciame di insetti e poi li si segue fino alla preda.


Preda che non sta certo alla nostra mercé: per sorprenderla dovremo ingegnarci, cercando magari un punto cieco così da poter sferrare un primo colpo caricato e inseguendola per la mappa di gioco quando questa tenterà la fuga, anche per rifocillarsi e guadagnare parte delle forze perse. E' qui che le cose si complicano: il "World" di Monster Hunter World è vivo, questo significa che potremo imbatterci in altre creature durante la caccia. Alcune ci ignoreranno, altre ci atteccheranno a prescindere e altre ancora potrebbero alterarsi e caricarci perché magari, sciabolando fendenti a destra e manca, vengono coinvolte nella lotta contro il nostro obbiettivo primario.

Può inoltre capitare, però, che le creature entrino in conflitto tra di loro: la scena sarà una versione ridotta di quella osservata nelle profondità oceaniche di Naboo ne la Minaccia Fantasma...

Il combattimento è gestito con due modalità di attacco principali, quello base e quello speciale, diversi a seconda dell'arma. Entrambe poi permettono di sfruttare varie combinazioni di tasti per variare le mosse, sistema che non risulta complicato ma piuttosto richiede del tempo per padroneggiarlo, iniziando a memorizzare attacchi e addestrando occhi, mani e testa a ricordarsi le sequenze di tasti da premere. Manca l'immediatezza di altri generi ma d'altronde non ce l'aspettavamo da un titolo del genere che privilegia la pluralità di scelta, anche strategica e di approccio, nelle fasi combattive.

A ricompensarci per il tempo iniziale che dovremo spendere nel familiarizzare con i controlli, c'è però la cura nelle animazioni delle armi, nella loro realizzazione, nella varietà e nella resa generale di un sistema che riesce bene a restituire peso e potenza delle lame che impugniamo. E rispetto al passato la fluidità nella gestione dei combattimenti è migliore, anche se questo non significa che potremo dedicarci al button mashing più becero e sperare di uscire vivi, specie nelle sessioni più avanzate. La tattica e la strategia restano un punto fondamentale.


Scoprire la mappa in poche ore è impossibile, quel che è certo è che il tempo passato con Monster Hunter World ci ha permesso di apprezzare il level design, vario nell'utilizzo di passaggi nascosti, grotte sotterranee, specchi d'acqua e strutture verticali rappresentate sia dagli alberi su cui arrampicarsi nella fitta foresta, sia dalle alture nelle zone più aperte. Un ottimo utilizzo delle tre dimensioni e un level design che è funzionale anche al gameplay così da offrire diverse possibilità di approccio.

Caccia dopo caccia si arriva al punto di sbloccare il multiplayer, sezione che più di tutte ha subito il trattamento "occidentalizzante" semplificando in parte l'accesso e offrendo più opzioni nella gestione della sessione. Si forma il party da quattro e ci si lancia in battaglia per affrontare le creature più potenti, consci però che il numero, come spesso accade, andrà ad aumentare la difficoltà nell'abbattere l'avversario, così da non rendere il gioco frustrante a causa della troppa semplicità. Tale sezione è infatti integrata con il gioco in solitario: prima di ogni missione si potrà formare la squadra e chiedere così l'aiuto di altri cacciatori da portarci dietro anche nelle quest successive.


Tirando le somme, Monster Hunter World riesce bene nell'intento di aprire al pubblico delle console casalinghe, lo fa con una tecnica valida ma ancora da analizzare nella versione finale (potete farvi un'idea nel video gameplay catturato durante la prova su una build non definitiva) e soprattutto con modifiche mirate nel gameplay e nelle dinamiche che però non rischiano di deludere i fan storici della serie.

In realtà c'è molto di più in Monster Hunter World, come ad esempio tutto il sistema di progressione, di armi, di creazione, delle trappole e di raccolta materie prime: capisaldi mantenuti più o meno intatti da quel poco che abbiamo potuto osservare (il tempo era limitato) ma, allo stesso tempo, in linea con lo snellimento generale delle dinamiche che rende tutto più fruibile. Per andare nel dettaglio, però, l'appuntamento è con la recensione.

Lo smartphone Android più completo sul mercato e con il miglior display in commerico? Samsung Galaxy Note 8 è in offerta oggi su a 420 euro oppure da ePrice a 764 euro.
Samsung Galaxy Note 8 Dual Sim Black è disponibile da puntocomshop.it a 739 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Hello Mickey

da prendere ESCLUSIVAMENTE sulla One X , come TUTTE le decine di multipiattaforma

Hello Mickey

un altro ennesimo titolo che avrà nella One X la sua migliore espressione tecnica , e anche caricamenti dimezzati

Matteo Giorgi

Più che le animazioni che anche a me sembrano buone è il sistema di collisioni che mi sembra pessimo... i vari personaggi si passano attraverso in ogni combattimento che ho visto!!!

Tony_the_only

Io le vedo buone...almeno nei combattimenti.

Samuele Di Carlo

non vedo l'ora che inizi la beta

Luke_Friedman

Beh, è un Monster Hunter alla fine.

Filippo Rossano

Il gioco che più aspetto, con un gruppo di amici appassionati si perde la vita sociale, uscite la beta subito :D

Alessio B.

Mio al day One e sti ca**i!!

Honoré de Balzac

lo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo vogliolo voglio

manu1234

O.T: https://twitter. com/GamingAdd_slp/status/938700136728989696
#4ThePlayers

Signor no

Hype!

MeneS

Sono contrario alla politica del day one ma questo mi tenta parecchio

Giulk since 71'

Anche questo esce sul pc bene bene :D

N

Animazioni pietose...

HDMotori.it

Monster Energy Supercross: la nostra recensione

Xbox One e PS4, forse le ultime console con supporti fisici | Speciale

The Vanishing of Ethan Carter: la nostra recensione su Xbox One X

PlayerUnknown’s Battlegrounds: recensione versione Game Preview