Kingdom Come: Deliverance, intervista e anteprima

11 Dicembre 2017 5

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!
In occasione di un test organizzato da Kotch Media abbiamo potuto incontrare Tobias Stolz-Zwilling, il PR Manager di Warhorse, in sostanza i creatori del gioco in uscita il 13 febbraio, Kingdom Come: Deliverance. Nella nostra intervista, che potrete ascoltare nel video, abbiamo chiesto al portavoce del team molte informazioni riguardanti KCD nonostante il pochissimo tempo a disposizione, ma le cose che ci hanno più colpito, sono state indubbiamente modalità e tempistiche con cui è nato il gioco, realizzato in 4 anni e caratterizzato da un alto livello di attenzione nella genesi dei personaggi principali e secondari della serie.

Il team, anche se affacciatosi da poco nel mercato videoludico, ha investito tutto il possibile per far si che la loro creazione rasentasse la perfezione, utilizzando ad esempio veri e propri attori per riprenderli tramite motions capture e creare filmati, espressioni e movimenti di ogni singolo personaggio o oggetto presente nel mondo di KCD.

La trama principale parla del giovane figlio di un fabbro (Henry, interpretato da Tom McKay) che, per volere del padre morto, si incammina nel consegnare la spada al lord del paese vicino ma questa gli viene rubata ed Henry si ritrova a dover imparare a combattere per avere una minima possibilità di riprenderla. Durante la sua avventura, Henry si troverà ad essere cavaliere, combattente e, addirittura, frate per esaudire tutte le richieste che gli verranno fatte durante la storia.


Questo, però, non è né un gioco di simulazione e neppure uno dei classici RPG, ma una versione rivisitata di questi ultimi. Infatti, non abbiamo una mini-mappa o una mappa del luogo che stiamo percorrendo, né tantomeno la reattività dei normali RPG, ma riprende perfettamente i tempi ed i movimenti della scherma medioevale con una visuale completamente in prima persona, perfetta a nostro parere per sentirci parte di ciò che sta per accadere.

Grafica ed audio li valuteremo in fase di recensione. La prima prova ha consentito di apprezzare il buon lavoro per quanto riguarda le animazioni e le ambientazioni, finalizzate a creare la miglior atmosfera. Se vi state preoccupando per la lingua, possiamo già rassicurarvi: è vero che il parlato sarà solo in inglese ma ogni altro elemento verrà tradotto in italiano. Provato soltanto su PC ma previsto anche su PS4 ed Xbox One, Kingdom Come: Deliverance è pensato sia per essere controllato da mouse e tastiera, che per il gioco "da divano" collegando il pad.

La versione base, in pre-order per PC e console, è affiancata dalla Collector's Limited (79,99€) che comprenderà non soltanto il gioco, ma anche action figure, mappa in tessuto, l'artbook ed il disco completo delle sound track del gioco.

In conclusione, ci sentiamo in dovere di complimentarci con tutto il team del progetto per un'ottima prima impressione ed aspettiamo di poterlo testare meglio con una recensione più dettagliata. Nel frattempo, chapeau a tutto il team che ha preso parte al progetto per il fantastico lavoro svolto.

Shauni

Il vero top gamma Nokia? Nokia 8 è in offerta oggi su a 306 euro oppure da Amazon a 365 euro.

5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
AK88

Anche io probabilmente lo comprerò, ma di sicuro a distanza dal day one

Sergio Iovino

concordo ed aggiungerei che la visuale in terza persona sarebbe stata molto gradita , a mio avviso. Cio' non toglie che il progetto e' molto interessante e sono curioso di leggere le recensioni e vedere i gameplay, magari lo comprero' lo stesso.

AK88

La cosa che smonta un pò l'hype (almeno per me) è il doverlo giocare per forza senza le facilitazioni della mini mappa e del GPS per il completamento delle missioni.

KaIser

parecchio bello...

Gaio Giulio Cesare

Sono curioso di vederlo in azione.

Far Cry 5: la nostra recensione

Fortnite Battle Royale mobile: aperte le iscrizioni per la beta su iOS

Playstation 5: alcuni sviluppatori sarebbero già in possesso dei dev kit

NPD: Switch sarà la più venduta nel 2018 ma un'altra console potrebbe sorprendere