Far Cry 5: la nostra recensione

29 Marzo 2018 83

La serie di Far Cry aveva indubbiamente bisogno di rivedere alcuni aspetti, sopratutto sul fronte della struttura troppo ancorata al passato. Con il quinto episodio Ubisoft, dopo qualche anno di pausa dal rilascio di Far Cry 4, ha quindi deciso di proporre un open world nel quale la parola d'ordine è Libertà e i cattivi questa volta sono ben quattro.

Si cambia anche setting di conseguenza non saremo più su una qualche sperduta isola ma nel Montana dove avremo a che fare con una setta di veri e propri invasati. Ubisoft propone quindi svariati cambiamenti: sarà riuscita a creare il suo miglior Far Cry?

Testato su Xbox One X e Xbox One (disponibile anche su PC e Playstation 4)

TRAMA

Nella splendida Hope Country, situata nel Montana, si annida una pericolosa setta di deliranti ed invasati personaggi che, piano piano, hanno acquistato ogni singola proprietà del luogo. Nessuno si era accorto di quanto pericoloso fosse il "Padre", Joseph Seed, e il suo culto, Eden's Gate, che giorno dopo giorno è riuscito a soggiogare al suo volere la maggior parte degli abitanti della contea.

Effettivamente la popolazione non aveva grandi possibilità di scelta: ribellarsi a Joseph Seed e ai suoi fratelli significava infatti andare incontro a torture e ad una morte alquanto brutale. Finalmente qualcuno si accorge di quanto sta accadendo: toccherà proprio a noi (nei panni di un semplice vice sceriffo) arrestare il delirante "Padre" della Setta. Ovviamente qualcosa andrà storto e una serie di catastrofici eventi prenderà il via.

GAMEPLAY

Far Cry 5, per la prima volta, abbandona la progressione lineare, aprendosi ad un'ambientazione open world in cui la parola d'ordine è "liberta". Saremo noi a decidere quali missioni affrontare - scegliendo tra incarichi principali, secondari ed eventi - e in che modo portarle a termine, optando per un approccio più stealth oppure buttandoci nella mischia ad armi spiegate. L'obiettivo finale sarà quello di liberare Hope Country dalla "psicopatica" famiglia di Joseph Seed.

I nemici principali, oltre a Joseph, saranno in totale tre: John, Jacob e Faith. Ognuno, in modo simile a quanto visto in Ghost Recon Wildlands, controllerà una porzione di Hope Country e per arrivare allo scontro finale contro Joseph sarà necessario annientare prima i tre fratelli.

In ogni zona bisognerà aumentare il grado di "resistenza", portando a termine una serie di missioni principali e secondarie prima di poter affrontare il delirante personaggio a capo della "regione".

Si dovranno conquistare gli avamposti della setta, distruggere i centri di produzione della droga e arruolare combattenti. Saremo chiamati ad aiutare poveri cittadini, recuperare veicoli, oggetti, equipaggiamenti e persino parti di animali ben precisi. Si dovranno liberare ostaggi, assaltare camion di detenuti e rifornimenti, si andrà a pesca e a caccia e si guiderà ogni sorta di veicolo: dalle moto d'acqua, ai furgoni, per passare agli aeroplani (completi di combattimenti aerei), sino ad arrivare a moto e macchine di ogni tipo.

Missioni ed incarichi non mancheranno e l'intero mondo di gioco è variegato, vivo e dinamico ...in alcuni momenti persino troppo. I seguaci di Joseph saranno praticamente ovunque, gireranno a piedi, su macchine, furgoni e moto ed ogni occasione sarà buona per spararci a vista anche quando saremo impegnati con qualche NPC intento ad affidarci un incarico.

Per combattere la setta di invasati avremo un arsenale di tutto rispetto (mitra, fucili a pompa, archi, pistole, armi da mischia, lancia razzi e ogni sorta di granata ed esplosivo). Ogni bocca da fuoco sarà modificabile, si potranno caricare diversi tipi di munizioni e il feeling ricalca perfettamente quanto offerto nei capitoli precedenti con un sistema di combattimento realistico e completo di una balistica esente da difetti. Le munizioni però non abbonderanno e sarà necessario non solo cambiare l'arma al volo quando saremo a corto di proiettili, ma anche depredare qualsiasi cadavere, baule, zaino e cassa.

A combattere non saremo soli: alcune persone che salveremo dalle grinfie degli invasati si uniranno alla Resistenza e qualcuno - persino un orso, un puma e un cane - combatterà attivamente al nostro fianco. I "Mercenari" saranno in totale nove e negli scontri si riveleranno molti utili a patto di "comandarli a bacchetta" e di optare per quello più idoneo. Ogni soldato di supporto sarà infatti dotato di armi e abilità ben precise: Jess con il suo arco, ad esempio, sarà infallibile nelle fasi stealth mentre Nick, a bordo del suo aereo, potrà tornarci utile in molte occasioni.

Ogni combattente sarà associato ad un tasto del D-Pad, si potranno impartire ordini di attacco, mandarlo in prima linea e potrà persino rianimarci. Se viene colpito "pesantemente" avrà bisogno di tempo prima di tornare al nostro fianco. La gestione dei Mercenari aggiunge agli scontri di Far Cry una buona dose di tattica sopratutto per chi predilige uno stile più improntato allo stealth.


Al termine di ogni missione o incarico accumuleremo soldi, utili ad acquistare munizioni, armi, gadget, esplosivi e materiali per creare droghe capaci di potenziare in modo temporaneo alcune abilità. Otterremo anche punti, utili a sbloccare i "Tratti": per la precisioni 50, suddivisi in cinque categorie che oltre a migliorare vari parametri, andranno a sbloccare, ad esempio, il rampino, il paracadute e la possibilità di portarci in battaglia un secondo Mercenario.

Il sistema di progressione è indubbiamente corposo e permette ad ogni giocatore di accedere ad una serie di potenziamenti capaci di garantire un'esperienza personalizzata in base allo stile di gioco adottato. I punti abilità si otterranno inoltre portando a termine una serie di sfide e anche affrontando la modalità Arcade.

Immancabili inoltre un sistema di crafting che, nonostante sia estremamente semplice e basilare, funziona a dovere. L'esplorazione rivestirà quindi un ruolo molto importante al fine di recuperare materiali per creare esplosivi e droghe ma anche per cercare collezionabili, armi, munizioni e medikit.

L'intera campagna di Far Cry 5 può essere affrontata interamente in compagnia di un amico tuttavia, nonostante la possibilità della cooperativa e di un'esperienza divertente ed appagante, sono presenti due difetti principalii. Il nostro compagno di avventura infatti, entrando nella nostra partita, guadagnerà punti esperienza ma non progredirà nella sua campagna, svolgendo di fatto un ruolo puramente di supporto. Sottolineiamo inoltre che per un livello di sfida consono a due giocatori sarà necessario impostare un livello di difficoltà più alto in quanto il numero di nemici non aumenterà rispetto alla versione in solitaria.

Ad ampliare l'offerta di Far Cry 5 interviene anche la modalità Arcade che include il classico deathmach, rigorosamente online e dotato di una buona varietà di mappe, e alcune sfide da affrontare da soli o in compagnia di un amico. Previsti anche vari eventi che saranno disponibili nei prossimi giorni e una modalità Editor: tutti contenuti pensati per prolungare la longevità del gioco che anche con la sola campagna si attesta comunque a livelli assolutamente soddisfacenti.

TECNICA

La contea di Hope Country è meravigliosa con paesaggi che su Xbox One X lasciano davvero poco spazio alle critiche. L'ambientazione è indubbiamente variegata: fitte foreste, zone più montuose, luoghi selvaggi, laghi, fiumi e piccoli centri urbani. Il tutto è governato da un eccellente sistema di illuminazione, da effetti (sopratutto sul fronte della vegetazione) convincenti e da un ciclo giorno e notte dinamico che regala panorami evocativi, da lasciare senza fiato.

Tutto risulta curato nel minimo dettaglio: gli avamposti della setta, ad esempio, sono davvero dettagliati con innumerevoli elementi di contorno con i quali interagire che impreziosiscono le intere strutture e anche il gameplay generale.

Graficamente i difetti sono davvero pochi e, fatta eccezione per gli interni dei veicoli non particolarmente dettagliati e per alcuni NPC esteticamente molto simili tra loro, il resto è praticamente impeccabile. Nulla da segnalare neppure sul sistema di guida dei vari veicoli, improntato ovviamente su un stile puramente arcade.

Presenti alcuni bug e l'Intelligenza Artificiale soffre di alti e bassi. I Mercenari potranno agire anche in autonomia ma spesso e volentieri senza ordini ben precisi si metteranno nei guai e invece di aiutarci complicheranno la situazione. I nemici alterneranno azioni argute ad altre decisamente meno performanti come, ad esempio, l'incapacità di utilizzare le coperture o l'andare a soccorrere, in massa e senza guardarsi intorno, un compagno ferito a terra.


Nessuna incertezza in ambito frame rate che su Xbox One X garantisce un'esperienza esente da cali, assolutamente fluida. Sul modello tradizionale di Xbox invece sono presenti alcune incertezze soprattutto nelle vasi di gioco più frenetiche.

Ottimo il comparto sonoro sia nella soundtrack, con musiche e melodie a tema che coinvolgono in un modo mai visto prima in un titolo della serie, effetti convincenti e un doppiaggio in italiano esente da difetti.

Qualche dubbio invece sul comparto narrativo che in alcuni momenti non sempre risulta credibile e non riesce totalmente a decollare, fermo restando che l'inizio e la fine del gioco saranno comunque memorabili. I quattro cattivi di turno sono estremamente dettagliati sia visivamente che caratterialmente con tratti ben precisi ma il nostro sceriffo risulta praticamente muto e non entusiasma come la famiglia di Joseph.

Le scene di intermezzo - a volte anche brutali - sono dirette in modo magistrale, i colpi di scena non mancheranno ma non sempre i dialoghi che raccontano i retroscena sono in grado di aggiungere quel tocco in più: le tematiche trattate potevano essere approfondite meglio dando vita ad un comparto narrativo da 10.

CONCLUSIONE

Far Cry 5 è indubbiamente uno dei titoli migliori della serie. Le tematiche trattate, anche se potevano essere approfondite meglio, sono comunque profonde, attuali e parlano di un tema particolarmente sentito sopratutto in territorio statunitense. Il Montana è un'ambientazione che non toglie nulla, ma anzi aggiunge, al classico setting della sperduta isola.

Il mondo di gioco è vasto e, nonostante la struttura ricordi quella di Ghost Recon Wildlands, attività, missioni ed incarichi proposti risultano molto più vari e numerosi.

Far Cry 5 è quindi un ottimo gioco che poggia le basi su quanto di buono, tra cui il sistema di combattimento, era presente nei precedenti episodio. La base si amplia con innumerevoli contenuti e il gioco abbandona la progressione lineare trasformandosi in un free-roaming di tutto rispetto. Permangono alcuni difetti storici tra cui un'AI che in alcuni momenti lascia l'amaro in bocca e la cooperativa che sul fronte campagna poteva essere implementata meglio consentendo all'amico di progredire anche nella storia.

Sottolineiamo che incarichi e missioni nel complesso risultano variegate tuttavia a lungo andare, come in ogni free-roaming, un sensazione di "già visto e già giocato" si percepirà.


OTTIMO GAMEPLAY CON FASI STEALTH ALTERNATE A PURA GUERRIGLIA URBANAOPEN WORLD VASTO E LIBERTA' TOTALETANTI CONTENUTI DI GIOCO
IL PROTAGONISTA BUONO NON E' ALTEZZA DEI CATTIVIAI AMICA E NEMICA POCO PERFORMANTE IN VARIE OCCASIONIBUG SPARSI QUA E LA'
  • GAMEPLAY: 9
  • TECNICA: 8
  • LONGEVITA': 9
  • MULTIPLAYER: 8
  • GLOBALE: 8,5
Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30, in offerta oggi da Tiger Shop a 369 euro oppure da ePrice a 422 euro.

83

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Cinicollerico

UAHAHAHAHAHAH
È fotografo e filmmaker!!!!
Datti all'ippica

Cinicollerico

Menomale che ti sei molto informato. Non ridevo così dai tempi di Benny Hill.

Cinicollerico

Non sai niente, taci.

Cinicollerico

Sei un co***ne ignorante e spocchioso, sai?

EMARCEUS

Ok, trøIIi, ciao.

Luca Bussola

Questo è appurato dalla medicina che il cervello non può elaborare oltre il 30/35 frame al secondo e su questo non si può discutere su nulla. Tornando al discorso iniziale allora qual è il vantaggio di avere anche 100 frame al secondo? Il motivo è sicuramente altrove e se non sai una risposta non impuntarti su cose errate appurate dalla medicina

TheAlabek

AHAHAH

TheAlabek

mi stai facendo morire ahahah

TheAlabek

Ahahahah

TheAlabek

ah la cagata mi mancava

EMARCEUS

E tu continui ad ignorare il fatto che il 100% delle persone che vede filmati ad oltre 30 FPS se ne accorge, come la mettiamo?

Luca Bussola

Va a farti tutte le ricerche che vuoi e chiedi a tutti i medici che vuoi.

Prima cosa... ho inizialmente scritto che l'occhio umano vede una media di 25 frame al secondo correggendomi poi dicendo che è il cervello che non è in grado di gestire flussi oltre i 30/35 frame al secondo (E SU QUESTO NON SI PUO' DISCUTERE... E' COSA RISAPUTA E ASSODATA SULLA QUALE NON SI POSSONO RISCRIVERE LE REGOLE).

Ho ampiamento spiegato le motivazioni sul perchè in un video il maggior frame rate migliora la qualità del video.

Visto che nel rendering 3D non esiste l'effetto blur ho provato CIVILMENTE a chiedere le motivazioni, ma sinceramente sto trovando una persona che oltre ad ignorare (come me) la motivazione, si impunta ad arrampicarsi sugli specchi dicendo che l'uomo può anche elaborare un frame rate al secondo di 100 o più (COSA SCIENTIFICAMENTE IMPOSSIBILE).

Se come me non lo sai non insistere su una cosa sicuramente sbagliata... e questo non lo dico io ma la medicina.

Sicuramente la motivazione sta altrove... ho chiesto se qualcuno la conosce ma SE NON LO SAI SMETTI DI DIRE COSE INESATTE!

EMARCEUS

Non hai mai detto che non ci siano materialmente differenze ma continui a chiedere quali benefici portino i 60 FPS "visto che l'occhio ed il cervello umano elaborano solo 30/35".

Io davvero non so che medici tu abbia sentito né quali ricerche scientifiche abbia consultato, e tantomeno sono sicuro che tu abbia realmente compreso il contenuto delle stesse, ma questa storia dell'occhio umano che nonvede oltre i 30 FPS - e 20 (VENTI) in tarda età - è tanto ridicola da essere diventata una meme.

Luca Bussola

Comunque l'ignoranza è davvero triste. La mancanza di volersi informare sulle motivazioni ancora di più. e con questo ho chiuso dato che il troll sei certamente tu visto che continui una discussione che non ha alcun senso e mettendomi in bocca cose mai dette.

Luca Bussola

Credi quello che vuoi e in ogni caso non ho mai detto che non ci sono materialmente differenze.

Sui video la motivazione la conosco e l'ho descritta (riduzione del blur) e quindi il singolo frame risulta meno mosso. Ma nel render 3D non esiste il blur e quindi non ha questo vantaggio.

Questo è... ho chiesto se qualcuno sa il motivo... sui 35 frame circa di un cervello adolescente è cosa appurata a livello medico e puoi credere a tutte le fate che vuoi se non ci credi.

Quello che ho chiesto è la motivazione della miglior resa nell'aumento del frame rate di un render 3D visto che comunque la combinazione occhi/cervello non può elaborare più di 35 frame al secondo che scendono fino a 20 in età avanzata.

Se non lo sai non inventarti cose. E' realtà... chiedi a qualsiasi medico. SE NON SAI IL MOTIVO ALMENO NON INVENTARTI CHE IL CERVELLO UMANO GESTISCE 100 O PIU' FRAME AL SECONDO PERCHE' NON E' POSSIBILE.

EMARCEUS

Puoi farmi tutte le ricerce e interpellare la CRANDE SCIENZAH ma se io stesso vedo chiaramente la differenza tra 120, 60 e 30 FPS , così come qualsiasi persona che abbia la decenza di aprire un video di prova su YT, forse è il caso di ricredersi.
Forse, eh...

Luca Bussola

Più che l'occhio è il cervello. Non lo dico io ma la scienza. Se hai dubbi vai da un oftalmologo e chiedi a lui.

EMARCEUS

Quindi in pratica mi stai continuando a dire che l'occhio umano non può percepire oltre i 30/35 FPS... Vabbè.

Luca Bussola

Sono tutto tranne che un troll e a questa discussione mi sono molto informato.
Tecnicamente l'occhio umano può anche arrivare a percepire 100 frame al secondo ma è il cervello che non è in grado di gestire tutte queste informazioni.

Un cervello di una dolescente può arrivare a 30/35 frame al secondo che con il proseguimento dell'età però scende fino a 20 frame al secondo se non qualcosa meno.

Se non ci credi cerca nella rete che ci sono parecchi studi scentifici a riguardo.

Quindi non capisco perchè tutta questa corsa al frame rate. Sono anche fotografo e da poco filmaker e quindi è un settore di ampio interesse.

Per esempio nelle riprese video fare una registrazione a 100 frame al secondo ha il vantaggio di ridurre l'effetto blur e quindi aumentare il dettaglio complessivo ed avere inoltre la possibilità di rallentare la scen a fino a 4 volte senza perdere in alcun modo in fluidità.

Ma per un PC non avendo il blur questo vantaggio non c'è.

EMARCEUS

Ho la netta sensazione che tu sia un trøII, ma ti rispondo comunque pretendendo il contrario.

Che l'occhio umano possa vedere fino a 24/25/30 FPS è una vaccata astrale, la frase che cerchi è "servono almeno 24 frame in un secondo affinché l'occhio umano smetta di percepire i singoli fotogrammi ed inizi a rilevare un flusso fluido.

Questo non esclude che l'occhio, dispositivo analogico, non possa acquisire ed elaborare più informazioni, se necessario. Per questo che davanti ad una sequenza di 60 o più fotogrammi la differenza si vede eccome, nel caso videoludico servono per rendere più reattivi i comandi e più naturale la visione di sequenze movimentate.

Per una prova tangibile basta aprire un video dimostrativo su YouTube ed acceryarsi di impostare la qualità ad almeno 720p 60FPS.

EMARCEUS

E i prezzi scendano.

Luca Bussola

Ok... hai le tue supposizioni come io ho le mie ma entrambi non abbiamo le conoscenze tecnico/scientifiche per dare una risposta.

Quello che scrivi sul blur e film non è corretto... lo stesso occhio umano crea se stesso l'effetto blur e quindi non è un'imposizione cinematografica (ora anche i film essendo in digitale hanno aumentato il frame rate ma qui solamente per ottenere un dettaglio maggiore avendo meno effetto blur).

Achille

Nessun gioco dovrebbe utilizzare blur. Per l’appunto esistono alti FPS.

I film sono filmati già decisi e calcolati, un gioco non lo è. Richiede che venga calcolato a tempo reale ed è lo stesso giocatore che ne è partecipe.
Se si fa attenzione pure i film non sono il massimo della fluidità.
Le fotocamere e videocamere poi sfuocano i movimenti (appunto Blur nei giochi) e evitano una sensazione “scattosa”.

Qualsiasi gioco per essere goduto deve essere giocato a 60 frameps o superiori, come confermato da qualsiasi persona che giochi.

Luca Bussola

Ripeto... spiegazione tecnica/scientifica. Non stai dando nessuna risposta alle tue motivazioni.

Per quale motivo ci sono queste differenze fra film/realtà e frame rate di un gioco?

Perchè l'occhio umano e il cervello le percepiscono in modo diverso?

Albi Veruari

Il problema non è la scattosità ma l'input lag che ne deriva da tale framerate. Inoltre abbiamo schede video talmente potenti che non si possono limitare a piacere in modo fisso ma ci sono comunque variazioni di framerate che rendono il tutto più scattoso.

Achille

Innanzitutto c’è riduzione dell’input lag. Il giocatore riesce a visualizzare prima “il tasto che preme”. Combinando ciò con altre tecnologie quali FreeSync e GSync si ottiene una esperienza ottimale per giochi frenetici (quali FPS).
Seconda cosa, fluidità. Vengono variati i frame con più frequenza facendo risultare i movimenti molto più fluidi e morbidi
Terza cosa, che si ricollega alla prima e alla seconda, tempo di risposta. Il giocatore vede prima ciò che gli accade (come lo sbucare fuori e inoltre ha possibilità di maggiore precisione sul nemico.

Tutta roba da poco conto eh.

Luca Bussola

E dai le motivazioni... è così belloo cercare le motivaizoni a una risposta!
E' da 2 ore che ti chiedo il motivo ma fors enjon ci arrivi.

Luca Bussola

Forse la risposta sta nel "Blur" che nel rendering 3D non è presente a differenza di un film.
Sto cercando nella rete qualche riposta (mi piace capire le cose e non sentire una sentenza senza spiegaizoni) ma ne ho trovata una risalente al 1999 anche se particolarmente tecnica:

https://netgamers. it/showpost.php?p=565538&postcount=1

Achille

Ma vuoi capire che pure una persona miope capisce se sta giocando a 30, 60 o 144 fps?

E se proprio ti interessa, ho provato proprio in questo istante i 30fps (stabili).
Ho la nausea

Luca Bussola

Ripeto pure io... l'occhio umano non è in grado di percepire oltre 30 frame al secondo, quindi superare tale refresh video farà certamente dell'altro ma non è assolutamente possibile che l'occhio umano percepisca 100 frame al secondo. E' FISICAMENTE IMPOSSIBILE!

Achille

Ripeto, prendi un gioco molto frenetico e giocalo prima a 120Fps (monitor permettendo) poi a 60 e infine a 30.

Oltre al fatto che a 30 frame il nemico manco lo vedi che già è uscito dal muro e ti ha ammazzato, l’esperienza di gioco inizia a farti completamente schifo.

Luca Bussola

Sinceramente l'occhio non può percepire oltre i 30 frane al secondo (un occhio di un ragazzo) che con proseguire con l'età potrebbe scendere anche sotto i 20 frame al secondo e comunque la media dell'occhio umano è 25 frame al secondo.

Quindi tecnicamente tutto quello che va oltre questo frame rate viene in parte completamente perso.

Altro discorso invece è il dettaglio del singolo frame se saliamo ad una frequenza maggiore perchè logicamente avrebbe un effetto "mosso" minore (ma qui il paragone lo sto facendo sulla realtà e non so se un render 3D lo concepisce allo stesso modo).

Sinceramente la capisco molto poco questa corsa al frame rate elevato... per il tuo discorso bisognava vomitare l'anima anche nei cinema dato che tutti i film a pellicola erano realizzati a 24 frame al secondo.

mario d'amico

Il gioco mi Gira benissimo a ultra

franky29

A passare no ma se giochi con un frame da 30 ma che sia fisso senza stutfering ci puoi giocare

franky29

Io riesco a giocare anche a 25 fps, importante siano fissi, il problema che dopo un poco mi si chiudono gli occhi

Ivan M.

Io con i7-6700 non k ed Fury X, gira benissimo a 2560x1080 https://uploads.disquscdn.c...

ric

Io uso volentieri l'arco .. Magari é per questo che lo trovo difficile..

Merdslie

No aspetta che ne inventano di nuove

Marco

La missione di jacob a livello difficile è stata difficilissima (ho iniziato da lui, avevo quindi armi scrause)

Vincenzo

Dopo una lunga attesa " dovuta alla mancanza di vendite di xbox " è tornato il buffone.

O_Marzo

Idem, lo stavo cercando anche io

Matt Ds

tu sei fan apple, vero?

Matt Ds

deve essere un apple user

Matt Ds

e' spiacevole, ma dopo 3 secondi ti sei abituato ancora

Achille

Semplice questione di abitudine.
Prova ora a passare da 60 a 30 in un secondo...

vincenzo francesco

a me era piaciuto un sacco! però l'ho giocato parecchi anni or sono, quando il tempo per spolparlo tutto era molto..mi era piaciuto tanto che avevo preso anche la versione con gli zombie

ErCipolla

Idem. Ma evidentemente piace, sennò non venderebbe così bene. Io non ho la pazienza di un tempo per titoli così dispersivi

Matt Ds

abbiamo giocato a 20/25fps per anni ed anni ai tempi di PS1, N64, molto spesso anche con PS2 ed xbox - all'epoca era la norma e nessuno vomitava, ne tantomeno si lamentava. Oggi non di rado i giochi vanno sotto i 30fps in certi momenti, non e' un dramma.

SteveMcQueer

insomma, da comprare tra un due o tre mesi, così che AI e bug migliorino!

Flagship

Ma sei serio?

Recensione Asus ROG Phone: il piacere del gaming da smartphone

Forza Horizon 4: la nostra recensione del capolavoro di Playground Games

Playstation Classic ufficiale: mini console di Sony dal 3 dicembre a 99 euro | Pre-ordine

Non chiamateci maniaci, siamo atleti e piloti | Editoriale