Shadow of the Tomb Raider | anteprima

27 Aprile 2018 24

La saga di Tomb Raider è arrivata al suo terzo capitolo dopo averci presentato una Lara diversa da quella a cui siamo abituati. L'abbiamo conosciuta giovane ed impaurita nel primo episodio - alle prese con la necessità di sopravvivere - l'abbiamo vista crescere nel secondo capitolo e, ora, è arrivato il momento di scoprire come Lara Croft diventa The Tomb Raider.

Intenzionata a pareggiare i conti con la Trinità, i responsabili della morte del padre, Lara si troverà invischiata nell'impresa più difficile finora: impedire un'apocalisse Maya. Partiamo così dal Messico dove la giovane Tomb Raider, nei suoi vent'anni, si deve far strada tra la folla durante i festeggiamenti del Dia de los Muertos.

Giocato in 4K su Xbox One X, il primo impatto di Shadow of the Tomb Raider è sicuramente positivo, con cutscene realizzate sulla base del motore di gioco che spreme bene la macchina di Microsoft restituendoci ambientazioni dettagliate, buone animazioni facciali e un buon livello di dettaglio in questa build che risale più o meno un mese fa. Lo sviluppo è ancora tutto da completare ma, già a questo livello, il lavoro svolto dal team di è convincente.

Due i punti che andranno definiti solo in sede di recensione: la vitalità delle ambientazioni e il livello di dettaglio di personaggi e animazioni facciali. Per quanto riguarda il primo, ad oggi, Shadow of the Tomb Raider riesce nell'intento di coinvolgerci nell'atmosfera della festa messicana, restituendo un mondo vivo, affollato e caotico al punto giusto in una sequenza introduttiva dove, interrotti solo da brevi cut-scene perfettamente amalgamate nel gameplay, ci troviamo a pedinare il nostro bersaglio.

Per quanto riguarda il livello di dettaglio e le animazioni facciali, seppur forte di un buon lavoro con il capture, Tomb Raider non brilla al momento per fotorealismo. God of War e il personaggio di Kratos, in particolare, hanno alzato l'asticella per la resa dei dettagli del volto, dalla barba alle rughe. Vedremo se gli ultimi mesi di sviluppo (il gioco esce il 14 settembre) saranno in grado di avvicinare Tomb Raider al titolo di Santa Monica, almeno per quanto riguarda la protagonista.

Quando il pedinamento ci porta fuori da Cozumel iniziamo a fare la conoscenza della giungla. Con Shadow of the Tomb Raider, gli sviluppatori hanno annunciato di voler puntare molto su questo aspetto, non solo per la realizzazione dell'ambiente ma per trasformare il luogo in uno dei co-protagonisti di questo episodio.

La giungla è viva, affascinante e mortale allo stesso tempo. Contro i nemici Lara può usare la vegetazione per uno stile di gioco più stealth, sbucare alle spalle degli avversari e sorprenderli. Durante l'esplorazione, però, l'ambiente può rivelarsi ricco di insidie e pericoli. Un'arma a doppio taglio la cui pericolosità diventa chiara in una breve scena affrontata durante la sessione di prova.Dopo una claustrofobica immersione in un lago sotterraneo, con l'ansia costante di trovare una sacca d'aria per recuperare ossigeno, il percorso verso la luce e la salvezza si è fatto sempre più stretto, costringendo Lara a lottare con i denti e con le unghie mentre noi lottavamo con il tasto "X" del pad per liberarla dall'ostacolo.

L'intenzione degli sviluppatori, dalle brevi dichiarazioni precedenti alla demo giocabile, è quella di creare una costante sensazione di pericolo nel giocatore, così da immergerlo nell'atmosfera survival del tiotlo. Questo aspetto andrà necessariamente valutato in sede di recensione, specie per quanto riguarda il momento in cui la caratterizzazione della giungla incontra il gameplay. Quali dinamiche verranno proposte per sfruttare i nascondigli della fitta vegetazione e sorprendere i nemici? Ci sarà la possibilità di interagire con l'ambiente e usarlo attivamente oppure saremo limitati al classico stealth da compitino? Lo scopriremo, purtroppo, più avanti, ma è chiaro che dopo parole come "Lara usa tutto quello che la giungla offre per colpire il nemico e prenderlo di sorpresa" mi aspetto molto.


Proseguendo nella demo è arrivato il momento di affrontare una sessione all'interno di vecchie rovine, dove gli enigmi - complice probabilmente il fatto che si tratta di una parte di gioco immediatamente prossima alle fasi iniziali - sono risultati abbastanza semplici da approcciare e non certo troppo cervellotici.

Nel prosieguo del titolo, specie nelle tombe, le cose si faranno probabilmente più complicate, accontentando quindi gli appassionati del genere. Con l'uscita dalla grotta termina il tempo della demo ed è tempo di accennare qualche considerazione.

Il sistema di controllo andrà approfondito perché il movimento della visuale risulta leggermente vuoto nella parte iniziale della corsa del d-pad per poi accelerare. Buona la resa delle animazioni nella sezione di arrampicata ed esplorazione anche se resta qualche dubbio nell'interazione con i tamponi. Qualche caduta di stile nel doppiaggio dei personaggi secondari ma nulla che non potrebbe essere risolto con un sync migliore in fase di revisione.


Considerato il poco tempo a disposizione per la prova è il tanto tempo a disposizione per gli sviluppatori, i difetti citati potrebbero trovare soluzione nei prossimi mesi.

Al momento l'impressione è che il team di sviluppo abbia voluto portare novità evolutive alla serie e concentrarsi sulla trama e sullo sviluppo del personaggio. In più gli sviluppatori hanno già dimostrato di saper ascoltare i feedback degli utenti quando hanno aumentato la percentuale di peso delle tombe dal primo al secondo capitolo.

La chiave del successo di questo capitolo sarà trovare il giusto mix tra tutti questi elementi: se, come da promesse, riusciremo a trovarci in un mondo vivo, dove la sensazione di incertezza data dai pericoli che si nascondono ad ogni passo sarà sempre presente, allora una trama cinematografica e un'attenzione allo sviluppo del personaggio saranno piacevoli aggiunte in un mix dove l'azione si fonde all'esplorazione e ai colpi di scena.


24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
John

E sopra infatti

Nier

scusa ma allora dovresti pubblicare la foto della tua amica

gamem

Per me l'originale non si batte, comunque complimenti alla cosplayer!

John

Considerando che qui si parla di immagine rappresentativa la recitazione centra come il formaggio sul pesce

Squak9000

A volte non è solo una questione di immagine...

a meno che non ci troviamo in una serie televisiva Netflix o una fiction Italiana gli attori devono anche saper recitare oltre che apparire.

Squak9000

Secondo capitolo

Alessandro

Grazie!

Carlo Raffaele Valentino Molin

Rise of the Tomb Raider

Alessandro

Scusate, come si chiama ul secondo capitolo?

John

OT e sti c4zzi?

Tanooki Mario

Comunque, in rise of tomb raider era decine di volte più carina.

R4nd0mH3r0

pure gli scheletri

efremis

Sì è mangiato la tomba però.

Francesco

OT esce il nuovo film di predator a settembre <3

Francesco

nel 99 pagai half life per PC 100 mila lire

Desmond Hume

Bisognerebbe anche averlo letto l'articolo per fare commenti più a fuoco.

V1TrU

dovete essere bacati fino al midollo per guardare le tette in copertina di Lara Croft diciottenne anzicchè commentare l'argomento dell'articolo

jokeralle

aumentando di 5€ alla volta alcune persone non ci fanno caso... una volta costavano 40€, poi sempre di più, ora 75€!!!!!!!!!!!

furlo

Prima i giochi raggiunsero la soglia dei 60 euro al uscita/predordine e gia' pensavo fosse follia ma ora hanno superato vedo anche la soglia dei 70 euro, mamma mia.

deepdark

In più lara vienr a casa tua a pulire e stirare per un mese.

R4nd0mH3r0

https://uploads.disquscdn.c...

Giorgio

Per par condicio sarà un travestito a far da immagine a tomb raider

R4nd0mH3r0

non vedo l'ora. Si sa qualcosa circa qualche collector edition?

Desmond Hume

Un pò cessa la tipa in copertina.
Senza tette e cessa a fare da testimonial per Tomb Raider. Dove andremo a finire.

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione