CoolPaintr VR: la nostra recensione del tool di disegno in realtà virtuale

12 Luglio 2018 3

Tutti sappiamo che la VR non è indirizzata unicamente al gioco ma può avere anche altri impieghi altrettanto appassionanti e divertenti. Gli sviluppatori di Wildbit Studios devono proprio aver pensato a questa peculiarità della realtà virtuale, quando hanno deciso di buttarsi nella creazione di CoolPaintr VR.

Il prodotto di cui mi accingo a parlarvi non è infatti un vero e proprio gioco, ma è un tool di disegno che permette agli amanti dell’arte di sbizzarrirsi nella creazione di opere grafiche, tramite l’utilizzo di un Move e di PlayStation VR. Non esistono quindi intrecci narrativi o gameplay particolarmente ricercati alla base dell’applicazione creata dallo studio spagnolo, ma solo il tentativo di far esprimere la propria creatività a chi concederà fiducia al loro prodotto acquistandolo.

Personalmente sono un pessimo artista, ma CoolPaintr VR è accessibile a chiunque, perciò non avrò problemi nell’esprimervi il mio giudizio riguardo questo tool, ed è per questo che non mi dilungo in ulteriori chiacchiere e passo a descrivervi come funziona questa applicazione.

DIVENTIAMO ARTISTI

Innanzitutto è bene ribadire ulteriormente che CoolPaintr VR, nonostante la presenza dei trofei, non è assolutamente un gioco e come tale non va quindi giudicato. Precisato nuovamente questo concetto cardine, cominciamo col dire che non è un tool professionale, ma è dedicato più che altro a chi ha la passione per il disegno e vuole provare a “dipingere” virtualmente.

Disegnare con l’applicazione degli spagnoli Wildbit Studios è infatti alla portata di tutti e non richiede abilità particolari, se non proprio quella di saper disegnare, perché CoolPaintr VR non fa miracoli e gli incapaci come me potranno combinarci davvero poco. Al contrario tutti gli altri apprezzeranno sicuramente l’immediatezza con cui si gestisce: attraverso l’utilizzo di un solo Move (il DualShock 4 è supportato, ma è meglio lasciare perdere) si può regolare la dimensione del tratto tramite la pressione del grilletto e mettere a video i vari menu, associati invece ai tasti del controller di movimento. Forse non sarebbe stato male poter utilizzare due Move, così da dedicarne uno alla tavolozza dei colori e l’altro solo alla stesura del “dipinto” ma, tutto sommato, l’applicazione funziona bene anche così e il costo è accettabile (19,99 €).

Per il resto ci si trova di fronte alle classiche opzioni presenti in questo tipo di prodotti, come l’aggiunta di effetti di vario genere, la gestione dei colori e la possibilità di inserire anche forme geometriche tridimensionali. Proprio quest’ultima opzione si collega ad una delle caratteristiche più interessanti del tool, ossia la tridimensionalità di tutte le nostre creazioni, che sono "zoomabili" e ruotabili a piacimento, in modo da poterle così analizzare e modificare in ogni piccolo particolare.

Di difetti veri e propri direi quindi che non ce ne sono, ma vi suggerisco di tenere in considerazione che l’utilizzo corretto del tool è legato alla quantità di spazio che avete a disposizione per gesticolare col Move, poiché trovarsi abbastanza a ridosso della PlayStation Camera, porta qualche problema nella stesura del “dipinto”.

CoolPaintr VR è un prodotto che potreste utilizzare in eterno, se vi piace disegnare, perché nonostante sia un prodotto entry level, il limite al suo utilizzo è posto praticamente solo dalla vostra inventiva. Di contro però, è bene precisare che se il disegno non è il vostro forte, non starete su questo tool per più di dieci minuti, terminati i quali comincerete a rimpiangere i soldi spesi per acquistarlo.

TECNICA

Considerata la sua natura di tool di disegno, CoolPaintr VR è tecnicamente davvero poca cosa poiché l’aspetto estetico è vincolato quasi esclusivamente ai “dipinti” realizzati. Tutto quello che c’è è di facile lettura e utilizzo e, trovandoci di fronte ad una schermata fissa, è praticamente impossibile soffrire dei tipici disturbi legati all’utilizzo dei visori di realtà virtuale.

Per quanto riguarda l’aspetto grafico di “base”, si può invece affermare che i menu sono chiari e leggibili e molto carina è la possibilità di inserire sullo sfondo un’immagine da prendere come spunto per le nostre creazioni, caricandola da un hard disk esterno o una chiavetta.

Il comparto audio risulta ancora più inconsistente, in quanto il tool di Wildbit Studios non dispone di alcuna colonna sonora e non va oltre qualche insignificante effetto, udibile quando si interagisce coi menu. Nel caso non si apprezzi particolarmente il silenzio però, viene nuovamente in nostro soccorso la possibilità di importare tracce audio da una qualsiasi periferica esterna compatibile con PS4, perciò si è liberi di creare le proprie opere d’arte, ascoltando la musica che più ci aggrada.

CONCLUSIONE

Se possedete un PlayStation VR, amate l’arte e vi piace dipingere, CoolPaintr VR è quello che fa per voi e probabilmente vi terrà impegnati per ore a realizzare opere di cui potrete vantarvi anche con gli altri, grazie alla possibilità di esportare le creazioni anche su PC. In caso contrario, evitate il titolo di Wildbit Studios come la peste, perché non è assolutamente un gioco e finireste ad annoiarvi nel giro di qualche minuto.

POTENZIALMENTE INFINITOFACILE ED INTUITIVO
NECESSITA' DI SPAZIO INTORNO ALL'UTENTEINUTILE SE NON SI E' DOTATI DI CREATIVITA'NON E' POSSIBILE UTILIZZARE DUE MOVE IN CONTEMPORANEA
Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2 è in offerta oggi su a 210 euro.
Thanks to Matteo Ciresa

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Okazuma

Questo è un ottimo Tool a è in uscita o è già uscito in altro Tool simile che, sinceramente, è molto più versatile di questo.
Purtroppo non ricordo il titolo

MatitaNera

al solito noto un grande interesse attorno queste cose..

Top Cat

MotoGP 18: la nostra recensione | Video

Campionato Moto GP eSport 2018, la nostra esperienza al Mugello

Detroit Become Human: la nostra recensione

Far Cry 5: la nostra recensione