Nintendo Labo contest: un piano in stile Zelda e una fisarmonica sono i vincitori

16 Luglio 2018 0

Nintendo Labo è stato il protagonista di un contest organizzato dalla casa di Kyoto in cui i partecipanti dovevano dare sfogo alla propria fantasia creando inediti Toy-Con o decorando in modo originale quelli esistenti: il concorso è finalmente giunto al termine, Nintendo ha svelato i vincitori e alcuni di loro hanno dato vita a dei Toy Con davvero sensazionali.

Il piano decorato in stile The Legend of Zelda è indubbiamente curato nei minimi dettagli completo persino dell'iconica Master Sword di Link. E' stato creato da Chris Brazzell e i vari pezzi del set sono stati costruiti con argilla ed origami. Il Toy-Con più originale però è stato costruito da Momoka Kinder che ha deciso di dare vita ad una vera fisarmonica funzionante utilizzando scatole di cartone, elastici, tessuto e alla luce del sole il suono cambia tonalità.

Agli utenti che hanno partecipato al concorso indetto da Nintendo la fantasia sicuramente non è mancata: tra dinosauri in stile Jurassic Park, casette sugli alberi e orologi c'è effettivamente solo l'imbarazzo della scelta.

Nintendo Labo, disponibile solo su Switch, non è un videogioco tradizionale, ma propone un'esperienza interattiva creata per permettere a grandi e piccini di dare sfogo alla propria creatività assemblando e decorando pezzi di cartone che grazie alla tecnologia dei Joy-Con e console prendono vita.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS è in offerta oggi su a 800 euro oppure da ePrice a 929 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione

Nintendo Switch Lite: le nostre prime impressioni | Video Anteprima

Recensione The Dark Pictures: Man of Medan; l'atmosfera horror c'è ma non basta