V-Rally 4: la nostra recensione

27 Settembre 2018 10

Sono passati ben sedici anni dall'uscita su console e PC di V-Rally 3 e Kylotonn Entertainment (WRC, TT Isle of Man) ha deciso di riesumare la serie e sviluppare il quarto episodio, approdato di recente su Playstation 4, Xbox One e PC.

V-Rally 4 ha quindi l'obiettivo di riportare alla ribalta una serie che all'epoca aveva entusiasmato moltissimi piloti virtuali, obiettivo tutt'altro che semplice considerando che nel corso degli anni i racing game hanno subito una vera evoluzione: per creare un titolo degno di nota, la software house avrebbe dovuto almeno avvicinarsi agli standard attuali del genere.

Obiettivo raggiunto ? No e ora vi spieghiamo i motivi......

VERSIONE TESTATA XBOX ONE (disponibile anche su PC e Playstation 4 - prossimamente su Nintendo Switch)

CONTENUTI E MODALITA'

In V-Rally 4 non poteva mancare una modalità Carriera e vestiremo i panni di un pilota virtuale che dovrà prendere parte ad un susseguirsi di gare ed eventi. L'obiettivo sarà ovviamente quello di ottenere buone prestazioni in pista per salire sui primi gradini del podio, scalare le classifiche ed accumulare denaro.

Racimolare un buon gruzzoletto sarà infatti necessario per comprare nuove vetture, migliorarle, sviluppare nuovi componenti, riparare i mezzi al termine delle gare, creare ed amministrare un team di ingegneri, meccanici ed agenti che in base al loro livello garantiranno bonus differenti (riparazioni meno costose e possibilità di partecipare a più gare). Non mancheranno inoltre sponsor e case automobilistiche che proporranno i consueti contratti con una serie di obiettivi da portare a termine quando si scenderà in pista.

Si andrà quindi in giro per il mondo accedendo ad una mappa che di volta in volta si riempirà di icone indicandoci le competizioni disponibili con una progressione però poco chiara, a tratti persino confusionaria, che non indicherà in nessun modo la strada da seguire per diventare i campioni del mondo (segnaliamo, ad esempio, la totale mancanza di un vero calendario di gare).


La scalata verso il successo porterà comunque il pilota ad affrontare gare ed eventi in cinque discipline differenti - a patto di aver acquistato la vettura idonea - che spaziano dal tradizionale Rally (corsa contro il tempo), al V-Rally Cross (gare su asfalto contro altri avversari), passando per l'adrenalinico e spericolato Bugghy, sino ad arrivare alle scalate/discese dell'Hillclimb e ai percorsi più tecnici in sobborghi cittadini nell'Extreme-khana.

La modalità Carriera di V-Rally 4, nonostante proponga un interessante e divertente ventaglio di discipline, non riesce però a coinvolgere come avremmo sperato proponendo una struttura troppo ancorata al passato, basata esclusivamente su un susseguirsi di gare, con un aspetto gestionale ridotto al minimo.

Non deluderanno invece tracciati e vetture con un'offerte discretamente interessante. I cinquanta bolidi su licenza (tra cui Lancia Delta Integrale, Ford Focus RS, Mini Cooper, Mustang Fastback etc), ad esempio, saranno tutti personalizzabili tramite un editor che lascia poco spazio alle critiche anche sul fronte livree. I tracciati, nonostante siano totalmente fittizi, risulteranno inoltre ben diversificati anche in termini di struttura.

La modalità Carriera sarà inoltre affiancata dall'immancabile comparto online che permetterà di scendere in pista con altri sette giocatori, scegliendo disciplina, vetture, tracciato, condizioni meteo e orario della giornata. Segnaliamo inoltre la presenza di una modalità a schermo condiviso.

GAMEPLAY

V-Rally 4, sul fronte contenuti e modalità, non brilla particolarmente e la situazione non migliora parlando di gameplay. Il titolo di Kylotonn Entertainment è basato su un sistema di guida tendenzialmente arcade e il realismo non è il punto forte della produzione: il sistema che governa fisica e pesi delle vetture non soddisfa in nessun modo, sopratutto quando si elimineranno gli aiuti.

Le gare risultano senza dubbio adrenaliniche, si percepirà la sensazione di velocità e, come nella realtà, tenere le auto in pista non sarà semplice tuttavia i puristi del genere dovranno chiudere gli occhi su molti aspetti. Il modello di guida è infatti tutt'altro che preciso con accelerazioni troppo repentine e vetture che, sopratutto nel Rally Cross, tenderanno a "scivolare" in modo eccessivo con conseguenti e frustranti testacoda e collisioni contro avversari ed elementi di contorno.

L'intero sistema purtroppo risulta troppo approssimativo e non è neppure in grado di modificarsi adeguatamente in base alla superficie del tracciato. Sui percorsi sterrati la situazione tendenzialmente sarà migliore e anche le condizioni meteo avverse avranno impatti sulla tenuta di strada restituendo, ad esempio, la sensazione di perdere aderenza sulle pozze di fango e costringendo il giocatore a modificare in parte lo stile di guida.

Su asfalto, nelle gare di Rally Cross, modello di guida, gestione della fisica e dei pesi delle vetture metteranno in evidenza tutte le mancanze del titolo e tenere l'auto in pista anche nelle curve più semplici sarà una vera impresa. Si "pattinerà" in modo eccessivo, si sbanderà con troppa facilita, l'auto perderà aderenza senza una ragione ben precisa e si percepiranno differenze minime a gareggiare su asfalto bagnato o asciutto.

I giocatori si troveranno quindi di fronte ad un gameplay che per quanto possa divertire, essere spettacolare ed accessibile a tutti non sarà in nessun modo paragonabili a quello offerto da altri esponenti del genere e l'intera situazione non migliora neppure modificando aiuti, opzioni e migliorando le vetture.

Poco convincete anche il sistema legato a collisioni e distruttibilità del veicolo, senza impatti particolarmente significativi in fase di guida.

TECNICA

In V-Rally 4 si andrà in giro per il mondo: dalla Bolivia, alla Siberia passando per la Monument Valley sino a gareggiare nella Base Aerea di Nellis , nel Sahara e persino a Detroit.

Tracciati ed ambientazioni possono contare su un aspetto visivo curato e una struttura variegata ed ispirata, a patto di chiudere gli occhi sui pochi elementi di contorno e su un'interattività ridotta al minimo. Segnaliamo inoltre la presenza di un sistema che, nonostante sia estremamente semplice e senza opzioni, permetterà di prendere parte a sfide speciali generate in modo procedurale.

Paradossalmente i modelli delle varie auto, protagoniste indiscusse del gioco, non sono invece riusciti a stupirci con un livello di dettaglio poco convincente, troppo approssimativo e che non riesce ad essere all'altezza degli standard attuali. Buona nel complesso la gestione dell'illuminazione, gli effetti particellari e la riproduzione delle condizione meteo che purtroppo non riescono ad avere impatti significativi sul gameplay.

Nulla da segnalare in ambito frame rate che su Xbox One X risulta stabile garantendo un'esperienza di gioco indubbiamente fluida ed esente da cali. Alti e bassi invece sul fronte audio con una soundtrack ripetitiva che si scontra con effetti ambientali e rombi dei motori riprodotti in modo soddisfacente.

Segnaliamo inoltre l'ottimo doppiaggio in italiano: Nancy la nostra assistente personale infatti sarà perfetta in tutte le sue mansioni e senza indugi i sottotitoli potranno tranquillamente essere disattivati.

CONCLUSIONE

Kylotonn Entertainment con V-Rally 4 ha cercato di seguire le orme di DiRT ma i risultati ottenuti sono tutt'altro che buoni. Il titolo non spicca sul fronte contenuti con modalità poco ispirate e troppo ancorate al passato ,che nel complesso riescono a divertire ma per poco tempo.

La Carriera è di fatto un susseguirsi di gare con un sistema di progressione confusionario e un comparto gestionale ridotto al minimo sindacale. Il comparto multiplayer, a causa anche di server poco popolati, non riesce inoltre a compensare quanto manca all'esperienza in singolo e il tutto si traduce in un titolo che non è in grado a tenere i giocatori incollati allo schermo.

Nota di plauso invece per gli editor di gestione potenziamenti auto e livree, indubbiamente profondi e corposi ma non sufficienti a compensare un sistema di guida approssimativo che in determinate situazioni mette in luce tutte le sue mancanze.


EDITOR AUTO PROFONDI E CORPOSI INTERESSANTE VENTAGLIO DI DISCIPLINE
SISTEMA DI GUIDA IMPRECISO MODALITA' TROPPO ANCORATE AL PASSATO

  • GAMEPLAY: 6
  • TECNICA: 6,5
  • LONGEVITA': 6
  • MULTIPLAYER: 5.5
  • GLOBALE: 6

Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da 4G Retail Tim a 299 euro oppure da Amazon a 343 euro.

10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DonatoMonty81

L'ho consumato quel gioco

ghost

V ray 2 era una figata ai tempi

Masterpol
Zetec

A 90€?

Nicolò S.

C'è poco da fare, in questo ambito, su Console, c'è un monopolio Codemasters. Le altre SH propongono giochi di rally in cui c'è tanta quantità, ma poco altro. Non li prendo neanche in considerazione, perché hanno, nel 99.9% dei casi, un Gameplay disastroso. La questione non è neanche se un gioco sia Simulativo o Arcade, ma che deve avere una certa solidità e precisione nei comandi. Cosa che, su nuove generazioni, sa offrire solo Codemasters sui giochi rallystici.

Dario Lampa

Non si può montare un'alettone del genere su di una MX5 ND!!! Scaffale!!!!

fire_RS

ricordo ancora v-rally 3 per gameboy advance, ci giocai fino a consumarlo. Peccato che questo brand si sia perso

Aldo Tedone

c'era una volta v-rally... quando le psx facevano fumo a furia di giocarci

Masterpol

aspetto la versione per switch

Gieffe22

Gioco pessimo, confermo quanto riportato nella review. Vale 5 euro si e no. Graficamente sembra un titolo ps2 upscalato alle risoluzioni odierne. Fisica degna dei peggiori titoli (incredibilmente forse anche vrally 3 è superiore con quasi un ventennio di gap). Osceno.

Recensione Asus ROG Phone: il piacere del gaming da smartphone

Forza Horizon 4: la nostra recensione del capolavoro di Playground Games

Playstation Classic ufficiale: mini console di Sony dal 3 dicembre a 99 euro | Pre-ordine

Non chiamateci maniaci, siamo atleti e piloti | Editoriale