Call of Duty Black Ops 4: la nostra recensione

26 Ottobre 2018 28

Treyarch con Call of Duty Black Ops 4 ha voluto rischiare, ha deciso di seguire la moda del momento dettata da Fortnite e PUBG, inserendo Blackout e creando un prodotto incentrato quasi esclusivamente sul comparto multiplayer competitivo e cooperativo, abbandonando - per la prima volta nella serie - la campagna in singolo.

La struttura del nuovo COD ha inevitabilmente generato dubbi e discussioni sopratutto per l'assenza del tradizionale comparto single player: una scelta che però - a nostro avviso - era praticamente inevitabile. Negli ultimi anni la campagna proposta nei vari titoli non riusciva più ad entusiasmare, era povera di idee con una struttura troppo ancorata al passato, risultando di fatto una modalità praticamente superflua.

La forza di Call of Duty è da sempre il comparto multiplayer, una componente capace di tenere i giocatori incollati allo schermo per innumerevoli ore. Con Black Ops 4, Treyarch ha quindi voluto focalizzare i propri sforzi sull'online cercando di creare un ventaglio di contenuti e modalità capaci di soddisfare i "progamer di Cod", gli appassionati dell'immancabile Zombie ed abbracciare anche la "nuova generazione di giocatori" che non può fare a meno delle Battaglie Reali.

  • Testato su Xbox One X (disponibile anche su PC, Playstation 4)

Blackout

La Battle Royale di Call of Duty si basa sulle caratteristiche tradizionali del genere di conseguenza 88/100 giocatori (a seconda della modalità Solo/Duo/Quartetto) si daranno battaglia su un'isola di dimensioni enormi. Si dovrà quindi atterrare con la tuta alare nel luogo che reputiamo più giusto, prendere armi, munizioni e oggetti, agire con cautela per cercare di rimanere in vita il più possibile mentre il "cerchio mortale" si stringe attorno a noi.

Blackout, nonostante la presenza di zone popolate da terrificanti non morti, non proporrà nulla di particolarmente innovativo e non implementa le costruzioni alla Fortnite. La Battle Royale di Call of Duty garantisce partite intense, tattiche e ragionate che sotto certi aspetti si avvicinano a quelle di PUBG.

Il gunplay messo in piedi da Treayrch si differenzia inevitabilmente da quello proposto nel multiplayer tradizionale, con un "Time to Kill" più permissivo e con una fisica dei proiettili completamente riscritta che varia in base all'arma utilizzata.


L'arsenale proposto lascia poco spazio alle critiche con una varietà di bocche da fuoco che saprà entusiasmare anche i palati più esigenti. Tutte le armi potranno essere dotate di accessori tra cui silenziatori, caricatori aumentati e ottiche con zoom differenti, a patto però di entrarne in possesso recuperando tutto l'occorrente all'interno delle varie strutture. Meno entusiasmante invece il sistema di guida che, per quanto si basi su un approccio arcade, soffre di alcune incertezze che andranno obbligatoriamente risolte con aggiornamenti futuri.

Blackout riesce a proporre una modalità avvincete e coinvolgente in una mappa vasta e variegata, capace di garantire partite sempre differenti che richiederanno una buona dose di strategia, dando ai giocatori anche il tempo necessario per equipaggiarsi al meglio.

Il lavoro svolto da Treyarch nel complesso risulta soddisfacente nonostante in Blackout siano comunque presenti alcune problematiche con un bilanciamento di armi, perk e armature non ancora perfetto e una mappa poco leggibile se paragonata a quella di PUBG. Il successo della modalità dipenderà inoltre dal supporto post lancio.

Modalità Zombie

Per gli appassionati della modalità Zombie, Black Ops 4 è un "Must Have": la componente cooperativa assume infatti un ruolo di primaria importanza diventando di fatto la modalità Zombie più completa ed appagante della serie con la possibilità di creare - tramite innumerevoli opzioni - la propria esperienza di gioco.

Zombie, sin da subito, proporrà ben tre campagne (più una extra riservata ai possessori del Season Pass) caratterizzate da ambientazioni dettagliate e un level design che lascia poco spazio alle critiche. In Viaggio Disperato saliremo a bordo di un Titanic infestato da temibili non morti, si correrà da poppa a prua in una mappa tutt'altro che piccola che prevede anche la presenza di zone in cui si dovrà lottare sott'acqua. In XI saremo invece "catapultati" nel Colosseo tra gladiatori romani e bestie feroci assettate di sangue in una mappa circolare poco improntata sulla verticalità. In Sangue dei Morti infine si andrà nelle prigioni di Alctraz: l'ambientazione è infatti ispirata all'iconica Mob of the Dead di Black Ops 2 di conseguenza si incontreranno anche volti noti.

Le meccaniche principali alla base di Zombie ovviamente non cambiano rispetto al passato e l'obiettivo sarà quello di affrontare - assieme ad altri tre giocatori - ondate sempre più potenti di feroci creature, scoprire segreti, risolvere enigmi e sopravvivere il più a lungo possibile.


Si potranno creare classi, scegliere le abilità da utilizzare in partita, non mancheranno trappole, puzzle e il tutto sarà impreziosito da un sistema di crescita dei personaggi approfondito e da un arsenale di tutto rispetto che include bocche da fuoco micidiali e potenti armi per scontri corpo a corpo.

Nelle mappe saranno inoltre contemplati gli Altari che assegneranno poteri speciali, banchi da lavoro utili per creare nuove attrezzature, passaggi segreti, porte bloccate e misteriosi scrigni da aprire a patto di possedere i punti necessari. Si potranno inoltre utilizzare gli Elisir che forniranno boost temporanei, acquistare Perks, sfruttare a proprio vantaggi i Talismani (oggetti consumabili che garantiranno un bonus ad inizio partita ) e non mancheranno Armi Speciali estremamente potenti.

La modalità Zombie di Black Ops 4 lascia quindi poco spazio alle incertezze, riesce a garantire un'esperienza di gioco più variegata rispetto al passato e un livello di sfida capace di mettere in difficoltà i giocatori più navigati, grazie anche alla possibilità di scegliere il livello di difficoltà.

Il corposo sistema di crescita dei personaggi spronerà inoltre a testare varie combinazioni di "loadout" e gli appassionati di single player potranno gettarsi nella mischia insieme a tre compagni governati dall'IA. Segnaliamo inoltre la presenza della modalità Rush (score mode) creata appositamente per gli utenti che hanno intenzione di scalare le classifiche mondiali di Zombie e stabilire nuovi record facendo fuori più non morti possibili nel minor tempo.

Multiplayer e Specialisti

Immancabile il multiplayer tradizionale farcito delle iconiche modalità (Cerca e Distruggi, Uccisione Confermato, Dominio etc) ma ampliato con inedite esperienze.

Parlando di puro gameplay, in Black Ops 4 si dice definitivamente addio a jetpack, doppi salti e wallrun: gli scontri saranno infatti "piedi a terra" con un "Time to Kill" che ricorda quello di Black Ops III. La salute inoltre non si rigenererà in automatico ma sarà compito del giocatore attivare la speciale abilità a tempo che permetterà di recuperare preziosi punti vita. Tra le altre novità è impossibile non menzionare la nebbia di guerra che coinvolgerà la mini-mappa: in pratica saranno visibili sul radar solo i nemici e la porzione di area all'interno del cono visivo dei nostri compagni di squadra.

Uccisione dopo uccisione tornaneranno le consuete Score Streak, molto simili a quelle viste in passato con l'immancabile UAV sino ad arrivare a bombardieri e sciami di droni. Invariato anche il Pick10 che permetterà ai giocatori di creare la propria classe preferita scegliendo tra dieci perk e attachment.

Black Ops 4 sarà inoltre caratterizzato dalla presenza di 10 Specialisti, ognuno dotato di abilità peculiari e di un attacco speciale a tempo. I dieci personaggi dal punto di vista funzionale risultano nel complesso bilanciati a patto però di avere un buon teamwork.

Le caratteristiche peculiari degli Specialisti, la rigenerazione della salute solo tramite abilità e la nebbia di guerra tendono infatti ad alimentare le dinamiche di squadra: ogni giocatore dovrà quindi ricoprire un ruolo e sarà necessario collaborare e comunicare attivamente con gli altri.

Il nuovo Call of Duty pone una maggiore enfasi su tattica, strategia, gioco di squadra: conoscere nel dettaglio i punti di forza, le debolezze di ogni personaggio per sfruttarle al meglio sarà un requisito fondamentale. Treyarch ha di conseguenza implementato una sezione single player. Si tratta di una sorta di tutorial che, attraverso una serie di incarichi, permetterà ai giocatori di entrare in confidenza con le caratteristiche peculiari di ogni specialista al fine di capire quale si avvicina maggiormente al nostro stile di gioco.

Sul fronte contenuti Black Ops 4 non delude le aspettative e, oltre alle modalità tradizionali da giocare sia in Recluta che in Veterano, arrivano nuove aggiunte tra cui Furto e Controllo, entrambe progettate per dare maggiore risalto alle abilità degli Specialisti, garantendo partite molto più strategiche e tattiche dove il lavoro di squadra sarà indispensabile per portarsi a casa la vittoria.

Le varie modalità potranno essere affrontate su un totale di 14 mappe di cui 4 sono rivisitazioni di iconiche ambientazioni passate. Nel complesso le varie "arene" sono più ampie di quanto visto in Black Ops III con un level design diversificato che in alcune mappe sarà più verticalizzato rispetto che in altre.

Nulla da segnalare sul fronte arsenale che include un'ottima varietà di bocche da fuoco (fucili da cecchino, mitragliette, SMG, fucili d'assalto etc) tutte personalizzabili sia a livello estetico che funzionale con una serie di gadget tra cui ottiche differenti, caricatori aumentati etc.

TECNICA

Tecnicamente Call of Duty Black Ops 4 soffre di alti e bassi con un comparto visivo che nella modalità Zombie è sicuramente più riuscito - per ovvie ragioni - di quello proposto in Blackout.

La battagli reale in stile COD offre infatti una mappa di dimensione enormi ed è un vero parco giochi per tutti gli appassionati del genere ma tecnicamente non brilla. Su Xbox One X non tutte le texture faranno gridare al miracolo, il livello di dettaglio non è altissimo e anche il campo visivo soffre di alcune incertezze, compromessi necessari per mantenere però un frame rate impostato a 60.

Il comparto Zombie, a livello visivo, è quello meglio riuscito con ambientazioni ricche di dettagli, effetti soddisfacenti, personaggi e nemici ben caratterizzati e vari. Da sottolineare inoltre una cura maggiore del comparto narrativo impreziosito da una serie di dialoghi, doppiati in modo impeccabile.

Call of Duty Black Ops 4 non è un titolo caratterizzato da comparto tecnico sorprendente. Fatta eccezione per un frame rate nel complesso esente da cali capace di garantire un gameplay indubbiamente fluido, il resto non stupisce con animazioni che soffrono di alcune incertezze, texture non sempre all'altezza dell'attuale generazione e modelli poligonali tutt'altro che complessi: in pratica si poteva sicuramente fare qualcosa di più.

Buono nel complesso invece il sonoro e nulla da segnalare sull'infrastruttura di rete che su Xbox One X non ha mostrato incertezze. Segnaliamo che in Zombie e nel multiplayer è previsto anche lo split-screen a patto però di accettare prestazioni in ambito frame rate non particolarmente soddisfacenti.

CONCLUSIONE

Call of Duty Black Ops 4, per la prima nella serie, abbandona la campagna single player ma riesce comunque a garantire una buona varietà di contenuti con una modalità Zombie corposa e divertente, l'implementazione di Blackout e l'immancabile multiplayer "tradizionale" ampliato anche con inedite esperienze.

Il gunplay, come sempre, lascia davvero poco spazio alle critiche nonostante sul fronte bilanciamento armi, perks e abilità, il gioco necessiti ancora di qualche ottimizzazione (sopratutto in Blackout e in ottica competitiva). Le novità (nebbia di guerra, salute e specialisti) introdotte sono indubbiamente interessanti, donano una ventata di aria fresca al gameplay senza però stravolgerlo. Sul fronte tecnico invece si poteva indubbiamente fare di più.

Sottolineiamo che Call of Duty Black Ops 4 è un titolo incentrato quasi esclusivamente sul multiplayer: la sezione in singolo sugli Specialisti è infatti un semplice tutorial e nonostante la modalità Zombie possa essere affrontata anche in solitaria - con l'aiuto dei bot - il focus della modalità rimane l'online.


UN BUON VENTAGLIO DI CONTENUTILA MODALITÀ ZOMBIE PIÙ COMPLETA DELLA SERIE AL LANCIOINTERESSANTI AGGIUNTE NEL GAMEPLAY
VISIVAMENTE SI POTEVA FARE DI PIÙ' IL SUCCESSO DI BLACKOUT SI VALUTERÀ CON IL TEMPO IN SPLIT SCREEN IL FRAME RATE CALA DRASTICAMENTE
  • CONTENUTI/MODALITÀ DI GIOCO 8
  • GAMEPLAY 8
  • TECNICA 7
  • MULTIPLAYER 8,5
  • LONGEVITÀ' 8,5
  • GLOBALE 8

28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tiwi

sembra molto bello

Dea1993

e magari non lo ha neanche provato

ric

compralo subito non perdere tempo

ste

Quello venuti Dopo black ops 2 mi hanno fatto tutti ribrezzo e dopo una settimana li rivendevo. Se assomiglia al 2 come sembra dai gameplay potrei riprovarci.

sseddiss

Sono da giorni he cerco di resistere e non acquistarlo. Non potete mettere la scimmia così alle persone ...

sseddiss

Perché non gli piace, ma non si accontenta di dire semplicemente che non gli piace.

Nicolò D.

Split screen in multiplayer é limitato a 2 giocatori e confermo che il frame rate cala in maniera eccessiva... Speriamo in un aggiornamento

Filippo Trequattrini

Grazie!

Tx888

NOCTUA NH-D14

Gupi
Antonio

AMD K6-III 450@500 Mhz, 256 Mb Pc100, SLI di 3dfx Voodoo 2 12Mb... 144fps rock solid !

Stefania Costa

ciao anche nel multiplayer

Gupi

Che dissipatore usi?

Tx888

i5 8600k @5.1Ghz , 16GB 3200 , 1080Ti , idem

Filippo Trequattrini

Ma lo split screen in locale..a 4 giocatori..è presente anche nelle modalità del multiplayer oppure è riservato alle modalità zombi?

ric

cod ww2 è piu scattoso,meno fluido o mi sbaglio?io ci ho giocato 450h ma mi sembra più lento

Gupi

1080 ti, i7 8700, 16gb RAM 3200 faccio 80fps in 4k

Gupi
Gupi

Io mi sto divertendo molto a giocarci, in modalità veterano/hardcore secondo me è ancora meglio.

Dea1993

per quale motivo?

momentarybliss

Gioco che può rimanere impilato all'interno delle custodie fino a formare esse stesse una serie di scaffalature

ric

Io gioco solo fps online da qualche anno, ho circa 2000h di gameplay tra doom quake champions e cod ww2, percui ho una certa esperienza in fps online....e dico che questo black ops4 è semplicemente fantastico,velocissimo mette veramente a dura prova i giocatori come quake champions. Acquisto consigliato

Dea1993

aggiungo pure... come "tecnica" avete dato lo stesso voto a questo cod e a kingdom come... interessante, se quel gioco ha 7 sulla tecnica, qualsiasi altro gioco dovrebbe partire almeno da 9 visto che a livello tecnico è fatto malissimo

iDroid

Questa porcata deve fallire, tutti bimbi spastici che saltano col controller moddato, ma vi divertite pure?

Tx888

confermo , su pc in 4k con una 1080ti e` un altra cosa.

Dea1993

ora ditemi con che criterio mettere i pro e contro

IL SUCCESSO DI BLACKOUT SI VALUTERÀ CON IL TEMPO


perchè dovrebbe essere un contro?
mahh

Tizio Caio

Mazza nemmeno io sono così scarso a CoD xD

Snowtrooper

"VISIVAMENTE SI POTEVA FARE DI PIÙ" vi presto il mio PC per la recensione? haha a perte gli scherzi c'è da fare un aplauso a Treyarch per lo sviluppo e l'ottimizzazione dedicata alla fiattaforma PC (finalmente).. é spettacolare ..

Red Dead Redemption 2: la nostra recensione. Una vita da fuorilegge

Recensione Asus ROG Phone: il piacere del gaming da smartphone

Forza Horizon 4: la nostra recensione del capolavoro di Playground Games

Playstation Classic ufficiale: mini console di Sony dal 3 dicembre a 99 euro | Pre-ordine