Diablo III Eternal Collection su Nintendo Switch: la nostra recensione

31 Ottobre 2018 20

Diablo III, uscito originariamente nel 2012 su PC e successivamente debuttato sulle console di Sony e Microsoft, è in arrivo anche su Nintendo Switch con un'edizione che, oltre ad includere tutti i DLC e gli aggiornamenti usciti, implementa anche una serie di nuovi contenuti e sfrutta le caratteristiche peculiari della console ibrida e dei suoi Joy-Con.

La Eternal Collection di Diablo III per Nintendo Switch è quindi un ottimo punto di partenza per chi non ha mai giocato all'iconica serie di Blizzard che per la prima volta approda su una console della casa di Kyoto, ma sarà altrettanto entusiasmante per i fan del noto franchise ?

Testato su Nintendo Switch (disponibile su PC, Playstation 4, Playstation 3, Xbox One e Xbox 360)

TRAMA

L'Eternal Collection è di fatto la versione definitiva di Diablo III che, oltre ad include le espansioni Reaper of Souls e Rise of the Necromancer, contiene tutti gli aggiornamenti rilasciati, la modalità Avventura, le Stagioni ed esclusivi contenuti a tema The Legend of Zelda - tra cui l’armatura di Ganondorf, un Cuckoo come animaletto domestico e un banner con la Triforce (oggetti che non hanno impatti sul gameplay).

Il comparto narrativo ovviamente non cambia di conseguenza il mondo di Sanctuarium proporrà gli stessi avvenimenti e colpi di scena già visti sulle altre piattaforme. I giocatori si troveranno quindi vent'anni dopo la disfatta di Lord of Destruction, nel momento in cui un misterioso meteorite precipiterà su Tristram.

L'anziano Deckard Cain e sua nipote Leah capiranno immediatamente che il tragico ed arcano evento ha causato il risveglio delle forze del Male: toccherà quindi a noi, vestendo i panni del consueto eroe, riportare l'equilibro combattendo contro orde di terribili nemici fino a raggiungere lo scontro finale.

L'intera avventura, suddivisa in cinque atti, potrà ovviamente essere affrontata in single player o in modalità cooperativa sia in locale che online. Segnaliamo inoltre che il titolo include anche i contenuti della patch 2.6 con nuove e spietate creature, i Varchi di Sfida ed inedite ambientazioni.

GAMEPLAY

Il gameplay mantiene di fatto le meccaniche base del titolo originale che "trasporteranno" l'utente in un action RPG Hack ‘n’ Slash a visuale isometrica con combattimenti frenetici e veloci contro orde di numerosi nemici. Si affronteranno missioni principali, secondarie, eventi casuali, si esploreranno dungeon e pericolose cripte al fine di portare a termine i vari incarichi, salire di livello e reperire armi ed equipaggiamenti sempre più potenti.

Il level-cap è fissato a 70 e, una volta raggiunto, il personaggio continuerà comunque a guadagnare punti XP ed accrescerà i livelli di eccellenza capaci di garantire svariati bonus.

Immancabile ovviamente la scelta dell'eroe con cui intraprendere l'avventura: si dovrà quindi optare tra sette classi differenti (Barbaro, Crociato, Cacciatore di Demoni, Monaco, Mago, Sciamano e Negromante) ognuna dotata di un attributo primario e di svariate abilità che influenzeranno lo stile di combattimento. Sarà comunque possibile creare diversi eroi al fine di testare con mano le caratteristiche di ciascuno: non dimenticatevi inoltre che alcune armi ed equipaggiamenti potranno essere utilizzati solo da determinate classi.

La Diablo III Eternal Collection consentirà inoltre di affrontare la modalità Avventura che, su Nintendo Switch, sarà accessibile sin da subito. Saremo quindi in grado di esplorare Sanctuarium praticamente all'infinito completando incarichi - generati al momento - ed affrontando sfide particolarmente complicate, caratterizzate dalla presenza di nemici efferati, dalla ferocia davvero inaudita. Una volta portati a termine con successo una serie di missioni potremo addentrarci anche nei Varchi dei Nefilim, mondi generati casualmente con orde di nemici e boss speciali, che permetteranno di ottenere un enorme quantitativo di tesori e oggetti leggendari, impossibili da trovare altrove.


Presenti anche le Stagioni, in pratica un modo dinamico per vivere l'esperienza di Diablo III come se fosse la prima volta, in quanto si dovrà creare un "personaggio stagionale" - che partirà ad ogni inizio di stagione dal livello 1 - con il quale si affronteranno svariate imprese, si dovranno completare obiettivi, il tutto per sbloccare ricompense esclusive reperibili solo durante la Stagione.

Impossibile inoltre non menzionare la possibilità di affrontare Diablo III con un personaggio Hardcore (morte permanente) e addentrarsi nei Varchi di Sfida per scalare le classifiche ed ottenere ambiti premi in una corsa contro il tempo, ambientata in un Varco Maggiore fisso.

L'avventura di Blizzard su Nintendo Switch potrà ovviamente essere giocata collegando la console alla TV o sfruttando la piattaforma in modalità portatile il tutto con l'ausilio dei Joy-Con e il lavoro svolto dalla software house per ottimizzare il sistema di controllo lascia davvero poco spazio alle critiche.

I controlli restituiscono, sin dai primi minuti di gioco, una sensazione di inaspettata immediatezza e precisione sopratutto se si considera che in origine il gioco era nato per mouse e tastiera. Il movimento del personaggio sarà quindi affidato ad un solo analogico mentre le abilità saranno gestite dai tasti A, B, X, Y, ZR e ZL. Per accedere al corposo menu di gioco (inventario, abilità, missioni etc) sarà invece necessario affidarsi al tasto +.

In modalità portatile quindi il titolo riesce a garantire un sistema di controllo efficace e ben strutturato che non mostra incertezze anche se la precisione offerta non è comunque paragonabile a quanto garantito dalle due periferiche di PC. Blizzard è riuscita inoltre a sfruttare al meglio anche la modalità cooperativa permettendo a due utenti di affrontare il gioco utilizzando un Joy-Con ciascuno.

A causa delle dimensioni ridotte della periferica il risultato ottenuto però non sarà sempre dei migliori. Spesso capiterà di premere un tasto piuttosto che un altro e la schivata avverrà solo agitando il controller: una possibilità indubbiamente interessante ma poco pratica che si utilizzerà raramente. Nulla da segnalare invece sul Pro Controller che riesce a garantire un sistema in linea con quanto provato su Xbox One e Playstation 4.

TECNICA

Non neghiamo che la nostra preoccupazione maggiore riguardava l'aspetto visivo: non eravamo infatti per nulla convinti che un titolo come Diablo III potesse rendere al meglio sul "piccolo" schermo di Nintendo Switch e invece siamo rimasti piacevolmente sorpresi nonostante siano presenti alcuni "difettucci".

Collegando Nintendo Switch alle TV, si avrà una risoluzione capace di raggiungere i 960p con dettagli, effetti grafici e gestione delle ombre superiori a quanto visto in modalità portatile dove il parametro scenderà inevitabilmente a 720p. In entrambi i casi comunque l'impatto visivo è indubbiamente piacevole, anche se non è paragonabile a quanto offerto sulle altre piattaforme.

L'interfaccia di gioco e il corposo menu - nonostante siano come da tradizione abbastanza invasivi - risultano efficaci e funzionali come in qualsiasi altra versione, a patto però di accettare scritte e sottotitoli di dimensioni davvero ridotte.

Nulla da segnalare invece sul fronte frame rate che, impostato a 60, si è dimostrato abbastanza solido in entrambe le modalità e in tutte le situazioni, anche quando i nemici su schermo diventeranno davvero numerosi.

Segnaliamo inoltre che sarà possibile avviare una partita anche offline senza l'obbligo di essere connessi, tuttavia in questo caso non saremo in grado di accedere ad una serie di funzionalità (alcune riservate agli abbonati di Nintendo Switch Online) tra cui salvataggi via cloud, chat, multiplayer online, classifiche, posta etc.

La versione del gioco per Nintendo Switch permette la cooperativa online, in locale (drop-in/drop-out) sino a quattro giocatori e sarà inoltre possibile collegare tra loro un massimo di quattro console. Al momento invece non è contemplato il cross-play.

CONCLUSIONE

Diablo III in versione Nintendo Switch è indubbiamente l'edizione definitiva capace di garantire innumerevoli ore di gioco tuttavia storia e gameplay - per ovvie ragioni - non cambiano rispetto al titolo originale.

I fan di Diablo che hanno già sviscerato il gioco, non si troveranno di fronte a nulla di effettivamente nuovo fatta eccezione per alcuni contenuti esclusivi, la compatibilità con gli Amiibo (per sbloccare inedite ricompense) e la possibilità di affrontare sin da subito la modalità Avventura.

L'Eternal Collection però è l'unica edizione che permetterà di giocare a Diablo III ovunque sfruttando le caratteristiche di Nintendo Switch e dei suoi Joy Con capaci di garantire un sistema di controllo inaspettatamente immediato e ben strutturato. Blizzard è stata inoltre in grado di sfruttare al meglio la componente cooperativa anche se in modalità portatile con un'unica console l'esperienza offerta - a causa delle dimensioni dello schermo - non sarà particolarmente appagante.

Diablo III in versione Nintendo Switch è quindi un titolo completo, ben strutturato e capace di garantire un livello di sfida adatto a tutti, grazie alla presenza di numerosi livelli di difficoltà. Segnaliamo, per chi non avesse mai giocato a Diablo, che gli obiettivi di incarichi e missioni, nonostante la mole di contenuti, proporranno un'esperienza che a lungo andare tenderà a ripetersi eccessivamente.

TANTISSIMI CONTENUTI...UN'OTTIMA CONVERSIONE CHE SFRUTTA LE CARATTERISTICHE DI SWITCH E JOY-CONFRAME RATE ANCORATO A 60 ED IMPATTO VISIVO PIACEVOLE...
...A LUNGO ANDARE TENDERANNO A RIPETERSITESTI DI DIMENSIONI DAVVERO RIDOTTE...ANCHE SE INFERIORE A QUANTO VISTO SULLE ALTRE PIATTAFORME
  • CONTENUTI/MODALITÀ DI GIOCO 9
  • GAMEPLAY 9
  • TECNICA 9
  • MULTIPLAYER 9
  • LONGEVITÀ' 8,5 (tante modalità ma l'azione a lungo andare risulta ripetitiva)
  • GLOBALE 9
Fotocamera Wide per eccellenza? LG G7 ThinQ, in offerta oggi da 4G Retail Tim a 378 euro oppure da Amazon a 439 euro.

20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco Zambon

E pieno di Chester su ps4 e Xbox perché puoi esportare il salvataggio e poi con dei software modificarlo su PC... Su switch questo non sarà possibile visto che i salvataggi non sono esportabili in alcun modo

Dean

Continuo a ripetere che mettere nei contro di una recensione di un gioco per switch che la resa "è inferiore a quanto visto su altre piattaforme" è come fare la recensione di una bicicletta e dire "ma in autostrada non va bene come una mercedes classe E".

Dado

Multiplayer top!

RiccardoC

60 euro, regalato

RiccardoC

è appunto conseguenza del gioco offline

Zetec

Perché su console senza always online è pieno di cheater.

RiccardoC

sarebbero analoghi a quelli su console (switch compresa), dove infatti non esiste ne' il cross-play ne' tantomeno il cross-save col pc/mac (che invece prevedono l'always online).
Insomma se questa modalità c'è, e funziona, su console, per quale motivo non dovrebbe esserci anche su PC (una volta che appunto abbiamo tolto di mezzo la pirateria, data la vetustà del gioco)

Zetec

"Che chiaramente non potrebbero mai essere usati in modalità online"
Così va già meglio.

TheAlabek

Quindi i giochi del 2011/2012 girano, perfetto

Pie(t)ro

alla modica cifra di??

LoWR1D3R

leggiti recensioni di siti internazionali "noti" e capirai

alfri

"la modalità Avventura che, su Nintendo Switch, sarà accessibile sin da subito."
questa e una grande cosa.perche ricominciarlo per l ennesima volta sai che palle.

RiccardoC

che male ci sarebbe a creare dei personaggi offline? Che chiaramente non potrebbero mai essere usati in modalità online, mi sembra doveroso...
Il gioco online rimarrebbe lo stesso, non lo vedo come un problema; certo ci potrebbe essere il discorso pirateria, ma parliamo di un gioco del 2012, ormai i suoi soldi la Blizzard se li è fatti con Diablo 3...

Top Cat

Per un attimo ho letto....

- Diablo III Ethernet Collection -

Top Cat

Complimenti per l'illusione ottica!

Zetec

Argomenta, perché fatta coi piedi?

Fabio Catania

addirittura

Zetec

Speriamo di no

LoWR1D3R

Mamma mia che recensione fatta coi piedi!!! E poi quasi la meta sembra scopiazzata da recensioni internazionali. Killy79 strikes back lol....

Srnicek

Oddio, le partite offline sarebbero il mio sogno su pc, c'è qualche possibilità che implementino questa funzione anche lì?

Red Dead Redemption 2: la nostra recensione. Una vita da fuorilegge

Call of Duty Black Ops 4: la nostra recensione

Recensione Asus ROG Phone: il piacere del gaming da smartphone

Forza Horizon 4: la nostra recensione del capolavoro di Playground Games