Stranger Things 3: da serie TV a videogioco per console e mobile | Trailer

07 Dicembre 2018 3

Stranger Things tornerà ad essere un videogioco per console e mobile, dopo la prima trasposizione uscita nel 2017 esclusivamente su smartphone. La notizia è stata confermata dai responsabili della software house BonusXP, Matt e Ross Duffer, dal palco dell'ultima edizione dei Game Awards.

Il gioco basato sulla fortunata serie TV si chiamerà semplicemente Stranger Things 3: The Game, e con molta probabilità riprenderà alcuni avvenimenti della terza stagione, in uscita nell'estate del 2019. Il gameplay farà sicuramente felici i vecchi nostalgici dei titoli retrò: come mostrato anche dal primo trailer ufficiale, si tratta infatti di un picchiaduro a scorrimento con visuale isometrica e grafica a 16-bit.

Protagonisti del filmato sono lo sceriffo Hopper, Lucas e Steve impegnati a combattere contro orde di nemici. Per quanto riguarda la data di uscita, non ci sono ancora informazioni precise, ma considerando che la terza stagione arriverà sugli schermi di Netflix durante il periodo estivo, il rilascio del gioco potrebbe arrivare poco prima o in concomitanza con la serie TV.

Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, in offerta oggi da Monclick a 498 euro oppure da Unieuro a 559 euro.

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
GTX88

classico gioco anni 90 :) per grafica e fruibilità

O_Marzo

Una perla rara, longevo, non troppo facile e soprattutto free senza pubblicità

GTX88

il primo gioco a parte un paio di difetti era davvero molto bellino

Recensione Nintendo Switch Lite: la console che mancava | Pregi e Difetti

Asus Rog Phone 2: tutto su accessori ed esperienza gaming | Video Recensione

Nintendo Switch Lite: le nostre prime impressioni | Video Anteprima

Recensione The Dark Pictures: Man of Medan; l'atmosfera horror c'è ma non basta