Fortnite: il concerto di Marshmello ha avuto più di 10 milioni di spettatori

05 Febbraio 2019 128

Fortnite può piacere o meno, ma una cosa è innegabile: la capacità di Epic Games di gestire con successo uno dei più grandi fenomeni mediatici del momento. Si perché non è certo cosa di tutti i giorni riuscire ad organizzare eventi del calibro di quello avvenuto lo scorso 2 febbraio, quando la star internazionale DJ Marshmello ha tenuto il suo primo concerto live su Fortnite.

Per l'occasione Epic ha creato una nuova modalità Spettacolo, nella quale sono state disabilitate le armi al fine di evitare spiacevoli inconvenienti che potessero rovinare il divertimento di tutti i presenti durante l'evento speciale Festa a Parco Pacifico. Proprio in questo luogo è stato allestito un palcoscenico virtuale nel quale Marshmello si è esibito con in un DJ set live dalla durata di circa 10 minuti.

Inutile dire che Epic ha fatto del suo meglio per rendere il concerto memorabile, introducendo una serie di oggetti speciali che hanno permesso ai presenti di godere di un vero e proprio spettacolo irripetibile, con maxi schermi, laser colorati, skin dedicate, ologrammi e persino una mega sfida finale che ha premiato i vincitori con del merchandising esclusivo (skin, animazioni, oggetti ecc.), disponibile anche all'acquisto per un periodo di tempo limitato. Insomma, un po' come accade negli eventi dal vivo!

Secondo le prime stime - ancora in attesa di conferma ufficiale - ben 10 milioni di giocatori si sono connessi per partecipare in prima persona al concerto, mentre circa 550.000 utenti si sono collegati in diretta su Twitch e oltre 800.000 su YouTube, sancendo il successo planetario dell'iniziativa


Il concerto di Marshmello non è stato il primo evento live avvenuto in un videogioco, tuttavia è senza dubbio quello di maggior successo, anche grazie ad una base utenti installata di Fortnite che supera i 200 milioni di giocatori. Il titolo è diventato rapidamente uno dei prodotti di punta di Epic, la quale ormai guarda alla sua creatura come ad una vera e propria piattaforma social e non ad un semplice gioco. Questo grazie anche all'onnipresenza del gioco su ogni sistema di gioco esistente, dalle console ai PC, passando per gli smartphone.

È infatti questo uno dei principali punti di forza del titolo. Essere negli schermi e nelle tasche di tutti i giocatori ha permesso a Fortnite di vivere di vita propria, senza essere legato a questa o quella piattaforma, un po' come accade con i tradizionali social basati sul web. La scelta di puntare su un evento dal vivo online potrebbe suonare un po' strana alle orecchie di chi non è avvezzo al mondo dei giochi online, tuttavia si tratta di un qualcosa di estremamente comune. Il tutto si basa sull'irripetibilità dell'evento e la sua momentanea rottura di alcune delle meccaniche che regolano il gioco: per una manciata di minuti è impossibile uccidersi a vicenda e l'unico scopo è divertirsi, proprio mentre avviene qualcosa che non potrà essere replicata in alcun modo.

Sicuramente il concerto di Marshmello non sarà l'unica eccezione a queste regole; anzi ci aspettiamo che Epic possa organizzare nuovamente un evento simile, magari coinvolgendo anche altri grandi nomi dello spettacolo. Nonostante la gratuità dell'evento (compensata dalla vendita del merchandising), questa formula permette di raggiungere direttamente un pubblico impensabile per qualsiasi altro tipo di spettacolo dal vivo, offrendo un palcoscenico del tutto nuovo per qualsiasi star di calibro internazionale. Di seguito vi proponiamo un video che racconta i momenti salienti del concerto.


128

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nome

Allora credo l'italiano e l'uso delle parole sia importante se scrivi "era triste avere un amico di colore" non sai proprio cosa dici perché non e che era triste era razzismo se mai volevi dire che era triste che nessuno voleva un amico di colore e che e triste che le donne non potevano lavorare perché ritenute incapaci allora li siamo d'accord e ovvio sono fatti tristi ma sono esempi completamente sproporzionati per una questione del genere.

Leox91

Sono entrambe cose tristi che significa xd

Nome

Confondi maschilismo e razzismo con "tristezza"

Leox91

Motiva magari

Nome

Scusa ma i tuoi esempi qui sono molto sbagliati

Depe

Beh dai può essere che chi non ha mai avuto interesse per questo genere musicale non sia a conoscenza di questa cosa che magari per noi è scontata ma per lui no.

Leox91

No non lo trovo triste, lo trovo fighissimo, e spero di vivere abbastanza per vederlo :) E' evoluzione, prima le persone vedevano triste far lavorare le donne che ritenevano incapaci, oggi ci sono donne al potere. Prima si vedeva triste avere un amico di colore, oggi no. Prima si ritenevano tristi un sacco di cose, poi si cambia. Ripeto, è evoluzione.

Nome

Non lo trovi triste? Stare in casa con un visore in testa? Non sono contro l'evoluzione ma immagino in futuro mio figlio che si toglie il VR e dice "Sono stato al concerto di Rihanna!" E io gli risponderò "Ti sei fatto fare l'autografo? Ah no era virtuale giusto. Sono troppo British"

Ungarus

No dai seriamente c'era bisogno di spiegarlo?

Felk
Boris Tan

Su che?

franky29

Su Wikipedia non dice proprio sia uno dei più importanti sulla scena internazionale

franky29

Ahah il circolo degli sc3mi xD

Gabrix93

che ricordi!!!

Slade

E infatti alla Epic non sono affatto sc3m1. Al massimo gli sc3m1 sono quelli che spendono 20€ per una skin

Slade

Di che genere? Che giochi ti piacciono?
Eh purtroppo il vero problema è il crossplay che molti pochi titoli offrono (che poi in realtà in uno "shooter" è una porcata, perchè, provato sulla mia pelle, quelli che su console si sentono forti a fortnite e sono effettivamente bravi, se fanno una partita con gli amici pc e quindi in un server cross, appena incontrano un giocatore pc con le mani prendono schiaffi a destra e a manca essendo i giocatori pc generalmente più forti e con comandi più reattivi)

alfazefirus

Regole fonologiche siamo d'accordo, infatti ho scritto che é necessaria una certa pratica per l'ascolto e soprattutto la pronuncia. Regole morfologiche perché dici che non le ha? I morfemi in Inglese ci sono e sono ben definiti mi pare. Un nome si distingue da un verbo o da un aggettivo secondo regole fisse, non ci sono eccezioni (che io sappia). Le regole tipologiche non so cosa siano francamente.

Slade

Infatti l'ho provato (purtroppo)

Slade

Purtroppo ho amici che ci giocano e che purtroppo mi hanno convinto a provarlo per qualche tempo. Da qua il mio giudizio negativo e non ho esitato ad abbandonarlo e non ho intenzione di perderci altro tempo.
La cosa che mi dispiace è che essendo il fenomeno del momento purtroppo ho la sensazione che questa porcheria stia adombrando i veri giochi belli

Giacomo
Giacomo

Mi piace il genere quindi l'ho trovata molto carina come idea. Complimenti EPIC per tutto il riscontro mediatico generato

ilmondobrucia

Se non sai l'inglese è perché non ti andava di impararlo durante la scuola, ma l'inglese non si imparerà MAI a scuola. Neanche i corsi a LINGUE ti insegnano la lingua, ti danno gli strumenti, ma poi dipenderà da te il come li usi.
L'inglese si impara leggendo in inglese, guardando film in inglese e PRATICANDOLO.
A scuola non si può fare, se non in MINIMA parte.
Dirò di più : studiare inglese alle superiori è per lo più inutile, perché le basi già le hai alle medie, poi devi solo PRATICARLO.

Ungarus

Dormi tranquillo ciao

CastSimone

Concordo, infatti con "elemento di contorno" mi riferivo a come viene catalogato dal nostro sistema scolastico, non era un mio pensiero.
E comunque si, va praticato e insegnato allo stesso tempo, ma sopratutto le lezioni non devono essere fatte in italiano.

CastSimone

Ma che dici, ma quale follia, la scuola deve formare per fornire un bagaglio culturale che permetta al ragazzo di affrontare il futuro. E l'inglese è fondamentale se si tiene conto del fatto che una volta arrivati all'università, a meno di non studiare lingue, uno studente ha ben poco tempo da dedicare nell'apprendimento di una nuova lingua visto che deve già formarsi nelle sue materie specifiche di studio.
Io in parte per colpa dell'inadeguato sistema scolastico, in parte a causa mia (perchè appunto la percepivo come una materia inutile, "tanto lavorerò in Italia, che me ne faccio dell'inglese" pensavo), mi sono ritrovato a dover imparare l'inglese in età avanzata.
Poi non vedo perché dare la possibilità ai ragazzi di poter emigrare più facilmente significa automaticamente "addestrarli ad emigrare", no gli si da solo una possibilità in più per farlo.
Tra l'altro ad addestrare i ragazzi ad emigrare ci sta già pensando la società italiana, non dando la possibilità ai giovani di poter entrare nel mondo del lavoro o spremendoli come limoni quando lo trovano.

Comunque non è un elemento di contorno e le lingue non si insegnano, si praticano.

Meglio, almeno restano in Italia.
Non è normale addestrare i ragazzi ad emigrare, è una follia.

Emiliano

Grazie... le faremo sapere

CastSimone

Il problema è che si insegna malissimo, nel nostro sistema scolastico viene percepito come un elemento di contorno, quasi secondario.
Per dirti nella mia facoltà ho visto molti più bocciati in inglese (livello b1, 4 crediti, senza voto, quindi idoneità, giusto per farti capire la difficoltà) che analisi 1, geometria lineare, fisica tecnica, statica e tecnica delle costruzioni messe insieme, cioè spesso diventa uno degli ultimi esami da dare per moltissimi studenti.
E parlando con mio fratello che da me si porta qualche anno, mi rendo conto che la situazione non è cambiata.
Questo è un gran bel problema, perchè nel mondo del lavoro rimane fondamentale per comunicare, senza tener conto del fatto che oggi come oggi è quasi d'obbligo emigrare per trovare lavoro e molti giovani vedo che non lo fanno per lo scoglio della lingua.

ilmondobrucia

Ok sei stato chiaro..

Il titolo è senza "dj" ma solo dopo "dj marshmello"...
Vabbè il tipo è pignolo e forse voleva creare polemiche inutili..

Perché non ha regole morfologiche, tipologiche e fonologiche ben definite.

ilmondobrucia

Sarò confuso ma io so leggere "Marshmello è un disc jockey, produttore discografico e musicista di nazionalità sconosciuta.
DJ e producer EDM, ha ricevuto visibilità a livello internazionale" ecc... Vado a dormire

Depe

Lui intendeva dire che DJ è la professione non il suo nome d'arte. Lui si chiama solo Marshmello e fa il DJ mentre dall'articolo sembra che il suo nome d'arte sia "Dj Marshmello" che non è corretto. La sua battuta poi faceva riferimento al fatto che l'usanza di utilizzare come nome d'arte DJ qualchecosa risale agli anni 90/inizio 2000 e adesso non viene piu utilizzata.

Giacomo M.

Mi dispiace ma pur essendo d'accordo con il messaggio che vuoi far passare non posso che dare ragione a quello sopra. E' veramente famoso, per lo meno nei millennials. Basta aver frequentato una qualsiasi discoteca con musica elettronica per averlo ascoltato almeno una volta.
Nonostante sia amante della musica elettronica e non apprezzi il suo genere è indubbiamente più famoso di fedez e compagnia bella e non aver mai sentito nemmeno il suo nome d'arte è alquanto strano (non preoccupante, ognuno cerca quello che vuole su google)

Ungarus

Sei un po confuso dai avrai dormito poco non fa niente continua cosi

ilmondobrucia

Non ti seguo e te mi sempri un po' agitato.

Brevemente allora che cos'è? Il leggo che è dj, che ci posso fare.

Ungarus

Vabè dai inutile star qui a commentare se non sai neanche di che c*zz* stai parlando

ilmondobrucia

"Marshmello, pseudonimo di Christopher Comstock, è un disc jockey, produttore discografico e musicista statunitense"

È un dj

Developer

ahahah...io chiamerei la polizia

Ungarus

Madonnina mia vivete nelle grotte.

Nessuno più quasi nel 2019 fa il dj, il dj è una figura che serve a fare cassa e a portara la figura del personaggio in giro per il mondo.
Quasi tutti questi ragazzi hanno alle spalle un background musicale (leggasi musicisti) e più di ogni altra cosa sono produttori musicali.

Punto, questi sono dj al giorno d'oggi.

In ogni caso il suo NOME D'ARTE è solo MARSHMELLO, qualunque storpiatura da esso è sintomatico del fatto che chi ha scritto l'articolo probabilemente si occupa di giardinaggio.

Storpiare il nome d'arte è una grave mancanza di rispetto e denota la completa incompetenza dell'autore. Scrivere:" il dj Marshmello" sarebbe stato corretto, scrivere dj marshmello è irrispettoso perché non è il suo nome d'arte. Se non riesci a capire questo torna a fare il sudoku o qualunque altra attività in cui eri cimentato prima di venire a fare del sarcasmo spicciolo qui.

E questo vale per qualunque artista.

ciro mito

Io sempre e solo andato per tipologia di musica e ovviamente dj

ilmondobrucia

Stando a Wikipedia è un dj

ilmondobrucia

Ho magari per passarsi una serata in disco

ilmondobrucia

Da quanto tempo ti immagini ragazzi chiusi in casa.. sono vestiti?
Sdraiati e raccontami tutto.. Inizia dalla tua infanzia....

MagoDiOz

Dopo aver visto il video, direi di no

ilmondobrucia

Non è un dj?

alfazefirus

Mah difficile rispetto a che? Non ci sono le declinazioni di genere, tutti i tempi verbali hanno la bellezza di due forme coniugabili (quando va male, altrimenti forma unica), i tempi stessi sono 4 in croce, le eccezioni sono rarissime (i verbi forti, gli uncountables e poi?), la struttura sintattica é semplicissima. L'unico scoglio (forse) é che ci sono quasi 400.000 lemmi singoli (contro l'Italiano che arriva a 100k a fatica) ma la maggior parte sono termini obsoleti che difficilmente si usano nella vita reale. Chiaro, ci vuole un po' di pratica per l'ascolto e la pronuncia, ma da qui a definirlo "una delle lingue piú difficili" su un pianeta dove esiste il Giapponese o il Russo mi sembra un tantino azzardato. Chiaro che se lo studi "all'italiana" sembra aramaico antico, ma di sicuro la colpa non é della lingua.

IlFuAnd91

Conosci qualche giapponese? Da loro la situazione è addirittura peggiore.

Leox91

Non hanno chiamato i Daft perché avrebbero dovuto accendere un mutuo.

Scherzo ovviamente, comunque fantastici! Spero che col tempo la VR sarà il ponte per questi eventi virtuali :)

I migliori giochi per smartphone di febbraio | Video #MOBILEGAMING

I migliori giochi per smartphone di gennaio | Video #MOBILEGAMING

Recensione Super Smash Bros. Ultimate: è il miglior Smash di sempre | Video

I migliori giochi per smartphone di dicembre | Video #MOBILEGAMING